Attualità
"Fermi contro il razzismo. In memoria di Emmanuel un anno dopo." Presentata la manifestazione di mercoledì 5 luglio in memoria del giovane nigeriano

Oggi 30 giugno, alle ore 15.00, si è tenuta la conferenza stampa presso la sede della CGIL - Camera del Lavoro di Fermo in relazione alla manifestazione di mercoledì 5 luglio "Fermi contro il razzismo! In memoria di Emmanuel un anno dopo".

A un anno esatto dalla morte di Emmanuel Chidi Nmamdi, come già si sta anticipando da tempo, ci sarà a Fermo la grande manifestazione contro il razzismo, perchè la cittadinanza sia invitata a confrontarsi sui temi tanto e male dibattuti, a volte distorti e manipolati. Argomenti quali il razzismo, l' accoglienza, l'inclusione e la consapevolezza sociale e diritti umani.


Nell'ordine sono intervenuti: Alessandro Fulimeni, coordinatore provinciale SPRAR; Giuseppe Buondonno, in rappresentanza e promotore del Comitato 5 luglio; Maurizio Di Cosmo, Segretario Generale CGIL Provinciale; Giusy Montanini, Rappresentante FIOM CGIL; Djibril Thione, Save The Youth Action Group Marche. Quest'ultima è un' associazione di ragazzi gambiani e senegalesi nata, a livello nazionale, per la battaglia dei diritti di migranti, ma anche per il loro inquadramento nella politica mondiale in relazione all'economia e la globalizzazione.


Introducendo l'evento Alessandro Fulimeni sottolinea come, ad un anno dalla nascita del Comitato 5 Luglio, le iniziative siano state molteplici e proficue e la partecipazione cittadina sempre maggiore, ponendo le basi di un dialogo fecondo di riflessioni. Affinchè, lavorando con e sulle nuove generazioni, non ci sia più nessuno che si senta legittimato ad insultare qualcuno per il colore della pelle.


Anche i due rappresentanti sindacali sono concordi nel sottolineare la loro attività sul territorio e il riscontro positivo che hanno ricevuto da esso: Giusy Montanini e Maurizio Di Cosmo raccontano come il loro lavoro a favore dell'inclusione e dell'accoglienza non sia nato dall'oggi al domani, ma, soprattutto, non all'indomani del reato fermano, dal momento che già da diversi anni stanno portando avanti progetti che coinvalgano scuole e territorio.

 

Proprio per il principio espresso da Fulimeni secondo cui la Relazione viene prima dell'Identità, specie se questa è alienante invece che inclusiva, la miglior conoscenza viene dalla reciprocità, e dall'incontro sono nati i migliori dialoghi.

Tutti le persone che hanno preso la parola durante la conferenza hanno esperesso all'unanimità un concetto: Fermo non è una città razzista.

Loro non sono nati e cresciuti in una città razzista e continuano ad amarla per la sua ricchezza culturale e umana.

Fermo non è una città che loro vedono divisa in due. Tanto meno hanno voluto creare fazioni opposte o mettere gli abitanti gli uni contro gli altri; ciò di cui si è preso atto invece, e per cui si sta lavorando, è un profondo cambiamento della società che sta avvenendo uniformemente in tutta Italia.

Un imbarbarimento pericoloso, violento, dettato da motivazioni futili e mosso da propagande di cultura xenofoba, interessi politici e economici beceri. Spostare l'attenzione sul migrante diventa la ricerca del nuovo nemico e la politica, che cavalca questo tema ad ogni tornata elettorale, ne è la principale responsabile e non dà risposte adeguate ai problemi concreti che una politica di accoglienza ponderata dovrebbe avere.


Non ci saranno rappresentanti politici di nessun partito a parlare sul palco della manifestazione di mercoledì.

Ci sarà invece il Segretario Nazionale della CGIL Roberto Ghiselli che parlerà anche in rappresentanza di CILS e UIL.

Il Comune di Fermo non ci sarà, nel senso stretto del termine, ma perchè nessun rappresentante Istituzionale è stato chiamato a partecipare, dal momento che, in primis, questa è una manifestazione nata per e dalla cittadinanza, ma anche perchè la città già partecipa, dando la disponibilità degli spazi, delle strade e della piazze, nella collaborazione con la Questura e le Forze dell'Ordine per mantenere la sicurezza e nelle azioni della Giunta comunale, come quella del voto contrario al decreto Minniti.


Sono stati ringraziati tutti gli organi di stampa che stanno accompagnando e diffondendo le notizie e gli intenti dell'evento, si ringraziano Neri Marcorè e tutti i gruppi musicali e gli artisti che si affacceranno sul palco e si ringraziano tutte le Associazioni locali e nazionali che hanno dato la loro partecipazione. Le adesioni, infatti, sono letterlamente piovute da tutta Italia, con immensa gioia degli organizzatori.


"Le idee che hanno fatto la storia sono le più semplici, e questa è una idea semplice: sui diritti umani non si fa un passo indietro" così chiude, citando Einstein, Buondonno.

 IMG_20170630_155931

 

 

 

IMG_20170630_155313 

 

IMG_20170630_152206

 

IMG_20170630_152157 

 

IMG_20170630_152146

 

IMG_20170630_152022

Letture:3135
Data pubblicazione : 30/06/2017 18:17
Scritto da : Ophelia Di Antonio
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • mentre amedeo fa il capo in giro

    02-07-2017 19:14 - #1
    amedeo ha dichiarato: "mi saluta più gente di prima" Ma anche questi organizzatori della manifestazione dicono che no Fermo non è razzista.. Hanno dimenticato la "Zona Grigia" di cui parlavano anche loro.. e che in città è maggioritaria.. grigio-nera meglio.. Come lo scorso hanno faranno finta di non sapere che a 40 metri dal palco della manifestazione c'è la sede di Casa Pound. Antifascismo non è opportunismo e ipocrisia.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications