Attualità
Dovevano esibirsi a Lido San Tommaso, ma danno forfait poco prima del concerto. La Band “Le Orme”, Tiziana Rivale e la storia di come un evento per i terremotati si è trasformato in un flop

Nonostante l’impegno e il duro lavoro, non sempre i sacrifici vengono premiati come si dovrebbe. Un esempio è quanto accaduto agli organizzatori dell’evento ‘’Juke Box Star in Tour’’, che ha avuto luogo domenica 30 luglio presso il lungomare di Lido San Tommaso.

Dovevano esibirsi a Lido San Tommaso, ma danno forfait poco prima del concerto. La Band “Le Orme”, Tiziana Rivale e la storia di come un evento per i terremotati si è trasformato in un flop

L’evento era stato pensato come un momento di solidarietà a favore dei terremotati; infatti, una parte del ricavato della serata sarebbe stata devoluta a un comune dell’entroterra colpito dal terremoto.  Ospiti della serata: la cantante Tiziana Rivale, il gruppo “Le Orme”, il cantautore Michele Pecora e Geisha, la band di Ivan Cattaneo; il tutto accompagnato, alla fine, da una gustosa cena a base di pesce preparata dallo Chalet Tabù.  

 

Eppure, qualcosa è andato storto.

 

Come raccontato da Roberto Felicioli, presentatore e organizzatore dell’evento,  e da altre persone presenti: “Erano circa le 16.00 del pomeriggio quando  le Orme hanno deciso di non esibirsi più, in quanto, a loro parere, la logistica e l’organizzazione del concerto erano inadeguate per la performance che avrebbero presentato,  e gli appartamenti in cui avrebbero dovuto alloggiare, a detta loro,  erano situati in una zona poco  "adatta e consona a loro" di Lido San Tommaso. Fatto sta che il gruppo se ne è andato  con l’acconto di ben 1000 euro (800 per le Orme, 200 per la Rivale ndr) , lasciando così a mani vuote tutto il pubblico, e creando un danno enorme a un evento che a Lido San Tommaso non era mai stato organizzato prima.”

 

In più, a quanto pare, anche Tiziana Rivale ha seguito "l’esempio" della band, lamentandosi della logistica dell'evento, dando forfait e andandosene anche lei  con i soldi dell’acconto.  Ma ancora non è finita: alcuni degli spettatori, venuti a sapere che i cantanti per cui avevano pagato non si sarebbero più esibiti, si sono rifiutati di entrare.

 

La cosa più interessante è il fatto che entrambi gli artisti avevano firmato dei contratti, che includevano delle penali in caso di annullamento dell'evento, fino al 100% del rimborso del cachet, in caso di cancellazione il giorno stesso dell'evento. 

 

Così, a causa di tutto ciò, anche  il concerto dei Cugini di Campagna, di Antonio Italiano e di Stefano Borgia, previsto per il 17 agosto, verrà annullato.

 

Tutta l’organizzazione si è dimostrata parecchio delusa e amareggiata per l’atteggiamento poco umile e arrogante degli ospiti invitati e per il disagio che il loro comportamento ha provocato: "Un danno inestimabile a livello organizzativo’’ afferma Felicioli .

 

20561827_1425439324219712_419102464_n-2

 

La serata, che era stata pubblicizzata in tutti i modi, attraverso locandine, volantini, vele pubblicitarie e quant’altro, si è dimostrata, dunque, un vero buco nell’acqua, ma non per colpa dell’organizzazione che ha sicuramente lavorato sodo negli ultimi tre mesi e che si è adoperata affinché tutto riuscisse al meglio.

 

L’iniziativa, oltre ad avere lo scopo di contribuire alla rinascita delle zone colpite dal sisma, mirava anche alla riqualificazione di una zona come quella di Lido San Tommaso, spesso considerata degradata e degradante da frequentare e, in virtù di ciò, presa raramente in considerazione per ospitare eventi come quello di domenica scorsa.

 

In parole povere: un’opportunità sfumata per il quartiere e per tutti coloro che vi abitano. E non si esclude che l'organizzazione dell'evento possa passare alle vie legali nei confronti dei due artisti che hanno dato forfait. 

 

Ndr: Abbiamo provato a contattare gli agenti dei due artisti che hanno dato forfait ma, al momento, non è stato possibile avere un riscontro per capire quale sia la loro versione dei fatti. 

Letture:9601
Data pubblicazione : 02/08/2017 10:09
Scritto da : Francesca Caponi
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Enrico

    11-08-2017 18:43 - #2
    In 52 anni di carriera de Le Orme, mai era capitata una cosa del genere! Un palco costituito da un rimorchio arrugginito in cui si dovevano esibire 4 Artisti! Non c'erano le condizioni artistiche e di sicurezza per poter effettuare un concerto. Lasciando perdere tutte le chiacchiere da bar che si fanno in questi casi, la verità è che non si poteva effettuare un concerto! Sono a Vostra disposizione per mandarVi le foto del palco e per darVi tutti i particolari di questa tristissima faccenda
    Risposta
    Salve, abbiamo pubblicato un successivo pezzo con la foto del palco, la testimonianza della Rivale e del vostro manager. Ecco qui l'articolo: http://www.informazione.tv/it/Attualita/art/69605-forfait-al-concerto-di-lido-san-tommaso-la-cantante-tiziana-rivale-si-difende-non-volevamo-andarcene-abbiamo-cercato-un-compromesso-tutto-il-giorno-ma-non-ci-a-stato-reso-possibile-lavorare/
  • Carlo

    03-08-2017 22:29 - #1
    E se invece non sono stati gli artisti a dare forfait ma l'agenzia che ha promesso una cosa impensabile?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications