Attualità
Dal Tutor all'autovelox. Cambia il modo di rilevare la velocità sulla SP Faleriense e la SP Ete Morto

In questi giorni saranno resi adeguati gli impianti di controllo ad alta velocità, passando dai tutor ai cosiddetti "autovelox".

Dal Tutor all'autovelox. Cambia il modo di rilevare la velocità sulla SP Faleriense e la SP Ete Morto

Il progetto di sicurezza stradale avviato da alcuni anni, prima in via sperimentale poi in maniera definitiva lungo le tratte della S.P. n. 239 Fermana – Faleriense e della S.P. n. 219 Ete Morto, in collaborazione con la Provincia di Ascoli Piceno, prosegue con la rilevazione della velocità nel solo tratto della SP 219 ETE MORTO dove gli impianti in postazione fissa vengono trasformati in questi giorni da “rilevamento della velocità media - tutor” a rilevamento di “velocità istantanea” con postazione fissa e senza obbligo di contestazione immediata.


Con la recente sottoscrizione della convenzione con la Regione Marche, in attuazione di quanto previsto nell’art. 7 della L.R. n. 35 del 30.12.2016, la Provincia di Fermo non è più proprietaria della SP 239 Fermana Faleriense, per cui le rilevazioni della velocità media nella strada sono interrotte.
E’ compito del nuovo gestore del tratto stradale provvedere a mettere in campo tutte le azioni per assicurare la sicurezza di un tratto fortemente oggetto di transito di autoveicoli.

 

Dopo anni di decrescita degli incidenti stradali con esito mortale, si registra a livello nazionale una preoccupante inversione di tendenza, con un aumento delle vittime di incidenti stradali.


Per fronteggiare questa nuova e critica situazione, con lo scopo di soddisfare gli obiettivi imposti dall’UE (riduzione del 50% delle vittime entro il 2020), una recente direttiva ministeriale ha individuato gli ambiti su cui rafforzare le azioni di controllo e prevenzione:

  • Lotta alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti;
  • Contrasto degli eccessi di velocità;
  • Controllo rigoroso del rispetto di utilizzo delle cinture di sicurezza e del casco protettivo;
  • Contrasto di tutti quei comportamenti che costituiscono motivo di distrazione per il conducente e, in primo luogo, l’uso del cellulare e dello smartphone durante la guida.

L’adeguamento del sistema di rilevazione installato sulla SP n. 219 ETE MORTO rispetta la “Direttiva per garantire un’azione coordinata delle Forze di Polizia per la prevenzione e il contrasto ai comportamenti che sono le principali cause di incidenti stradali” emanata dal Ministero dell’interno in data 21.07.2017 e permetterà di continuare il progetto di sicurezza stradale della Provincia di Fermo.


Si raccomanda a tutti gli automobilisti la massima attenzione nel rispettare i limiti di velocità su tutti i tratti stradali non solo per non incorrere nelle sanzioni previste dal Codice della Strada, ma innanzitutto per contrastare uno dei principali fattori che causano i sinistri stradali.

Letture:3679
Data pubblicazione : 08/08/2017 17:37
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications