Attualità
Porto San Giorgio: domani 21 ottobre gli studenti della Nardi passeggeranno per le stelle grazie a una radio. A rispondere alle loro domande ci sarà l'astronauta italiano Paolo Nespoli

Evento straordinario curato dal Gruppo comunale di Protezione Civile, in collaborazione con l’Ariss, l'associazione Radioamatori Italiana, e il Comune di Porto San Giorgio. Ci sono voluti ben otto mesi per avere il permesso dalla NASA per parlare con Nespoli, ed è andata anche bene perchè normalmente prima di un anno e mezzo è quasi impossibile, per una scuola, mettersi in contatto con la International Space Station.

Porto San Giorgio: domani 21 ottobre gli studenti della Nardi passeggeranno per le stelle grazie a una radio. A rispondere alle loro domande ci sarà l'astronauta italiano Paolo Nespoli

Questa rappresenta “un’esperienza straordinaria – come ha detto il sindaco Nicola Loira – per gli studenti della scuola Nardi che vi parteciperanno. E' anche la dimostrazione dello spessore del gruppo di volontari della protezione civile e di come i loro interventi riguardino aspetti sociali ma anche culturali."
Presentata stamani in rassegna stampa al Comune di Porto San Giorgio, allaa presenza del sindaco Nicola Loira, del responsabile del progetto Renzo Ciarpella, del coordinatore della Protezione civile Luciano Pazzi e del segretario dell’associazione radioamatori Giorgio Matteucci.


Gli aspetti principali del collegamento sono stati illustrati dal fermano Ciarpella, che ha spiegato come il collegamento via radio avverrà tramite un'antenna dalle dimensioni e capacità straordinarie, piazzata sul tetto della pick-pesca (Porto "Marina" di Porto San Giorgio) che consentirà il contatto per quella decina di minuti che la base spaziale internazionale ISS compirà l'orbita a noi corrispondente. Cosa vuol dire?

Vuol dire che in una decina di minuti, scarsi, la base spaziale che viaggia a una velocità di 28mila km/h, attraverserà lo spazio corrispondente dallo Stretto di Gibilterra all'Europa dell'Est, passando per Spagna, Francia, Germania e poi via fino alla Russia. Se il collegamento sarà nuovamente possibile dopo circa un'ora e mezzo, vuol dire che la navicella avrà compiuto un giro completo del globo terraqueo.

In quell'arco di tempo, seppur limitato, gli studenti della classe delle medie dell'Istituto Comprensivo Nardi di Porto San Giorgio potranno porre domande all'astronauta italiano Paolo Nespoli, in contemporanea e in alternanza all'Istituto Comprensivo Michelangelo Buonarroti di Massa Marittima in provincia di Orvieto. Ogni scuola avrà a disposizione dieci domande, preparate sia in italiano che in inglese, nel caso in cui la Nasa decidesse di dare incarichi dell'ultimo minuto a Nespoli e quindi far intervenire un suo collega.

La base infatti si ricorda è internazionale e ospita un equipaggio di sei elementi per volta. La International Space Station gira da oltre vent'anni intorno al pianeta Terra, ospita astronauti per un periodi di sei mesi ciascuno, come nel caso di Nespoli ed è luogo per studi e esperimenti riguardanti ogni aspetto della vita a gravità zero. Il contributo italiano alla stazione è altissimo e la base ospitò anche tra 2014 e 2015 l'altro orgoglio astronautico italiano, Samantha Cristoforetti.

"L'associazione radioamatori - ricorda Matteucci - vuole sensibilizzare su come la radio sia uno strumento immortale. Anche in un'epoca così iper tecnologizzata, la radio continua a essere uno strumento immortale, capace di collegare persone non solo in tutto il mondo, ma anche attraverso lo spazio."

 

22690175_10212420852910500_1544607373_o

Letture:2600
Data pubblicazione : 20/10/2017 17:51
Scritto da : Ophelia Di Antonio
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Marco A

    21-10-2017 00:07 - #1
    Tra gli astronauti italiani in missione sulla ISS va ricordato anche Luca Parmitano, partito il 28 maggio 2013 e rientrato l'11 novembre dello stesso anno.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications