Attualità
Porto Sant'Elpidio. Balestrieri attacca: "Gli italiani sono sempre più cittadini di Serie B, la nostra la città con il maggior numero di posti SPRAR"

"La provincia di Fermo cambia Prefetto; come amministratore formulo i migliori auguri di buon lavoro al nuovo prefetto di Fermo, la Dottoressa Maria Luisa D’Alessandro, e un benvenuto nella nostra Regione.

Un periodo, quello appena trascorso sotto la guida del Prefetto uscente, Dottoressa Mara Di Lullo, con non poche problematiche, con diversi casi importanti che addirittura hanno portato alla ribalta nazionale la nostra provincia; sicuramente tanto lavoro per questo piccolo territorio che, non dimentichiamolo mai, ha le stesse problematiche di una città metropolitana". Comincia così la nota stampa di Andrea Balestrieri, capogruppo consigliare di Fratelli d'Italia a Porto Sant'Elpidio, in merito al passaggio di consegne che avverrà a breve nella Prefettura di Fermo

Porto Sant'Elpidio. Balestrieri attacca:

"Fatta questa piccola considerazione - continua Balestrieri - non posso non soffermarmi e riflettere su quanto il Prefetto Di Lullo ha detto prima del suo congedo e cioè che “mancano i livelli provinciali delle forze dell’ordine e che il suo auspicio sia quello che sul territorio arrivino comandi e rinforzi perché questa nostra provincia ne ha bisogno. Ci sono dei segnali sul piano della sicurezza che richiedono quindi un particolare potenziamento di uomini e un impegno particolare", aggiungendo anche che "non esiste più l’isola felice. Lo dicono i continui furti, lo dicono i maxi sequestri di droga e lo dicono tanti piccoli segnali che le forze dell’ordine riescono a scalfire”. Tante volte molte voci hanno cercato di informarla che il territorio era in difficoltà; tante lettere, tante segnalazioni e tanti appelli ad unirci per poter sempre di più affrontare senza bandiere un qualcosa che tutti devono avere e non cercare: la propria sicurezza. 

Appelli da parte del sottoscritto ad un’unità di coordinamento in Prefettura di tutte le forze dell’ordine in modo da avere un controllo capillare del territorio, istituzione di tavoli tecnici, ma mai io e i miei colleghi abbiamo avuto una sola risposta da parte della Prefettura. Anzi, l’amministrazione locale di Porto Sant’ Elpidio spesso ci ha etichettato come demagogici, ma alla fine non eravamo lontani da quel quadro che Lei, Prefetto Di Lullo, ha dipinto alla fine del suo mandato".


"È cresciuto in maniera scellerata lo SPRAR e alcune persone si sono vantate di come tutto ciò serva a rendere un’accoglienza vincente. Porto Sant’ Elpidio è il comune dove ci sono più posti SPRAR, addirittura superiamo di gran lunga Fermo e questo dovrebbe far riflettere i cittadini che ormai gli italiani sono sempre più cittadini di Serie B, con tutti i problemi che ogni giorno si presentano - attacca Balestrieri -. Per ciò che è nelle mie competenze ho già predisposto presso lo stato civile del comune di Porto Sant’ Elpidio un accesso agli atti per sapere quali strutture sono attive e quante persone sono ospiti in ogni struttura. Non appena sarò in possesso di questi dati invierò una richiesta alla Questura per chiedere in maniera dettagliata di tutti gli ospiti nelle varie strutture, di chi ha in attivo un contratto di lavoro e quindi non dovrebbe più essere a carico dello Stato, ma in maniera autonoma potrebbe affrontare un percorso socio-economico in maniera libera; d'altronde se un pensionato italiano vive con una pensione sociale di appena 500 euro al mese non vedo perché’ un “rifugiato economico” che lavora non possa essere autonomo".


"Dobbiamo riprendere fiducia per chi si impegna attivamente per ridare all’Italia e a agli italiani la giusta importanza a partire dalle realtà locali, non dimenticando mai che è sì giusto aiutare, ma occorre farlo con politiche serie e rigorose e con controlli a tappeto su chi abusa anche solo di un euro e punire chi usa il sistema solo per i propri fini - conclude il consigliere comunale elpidiense -. Ecco il perché ho aperto con gli auguri di buon lavoro al Nuovo Prefetto di Fermo, a cui rinnovo i miei saluti e un buon lavoro".

Letture:1860
Data pubblicazione : 17/11/2017 12:10
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications