Attualità
Il futuro lo costruiamo noi. Nell’Assemblea di fine anno della Compagnia delle Opere Marche Sud, numerose testimonianze di chi ha deciso di ricominciare

 “Fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce”: non c’è aforisma più adatto per l’Assemblea della Compagnia delle Opere Marche Sud, che si è svolta il 12 dicembre, presso l’hotel ristorante Il Caminetto sul Lungomare Gramsci a Porto San Giorgio e che aveva quale tema “Orizzonte e coraggio: si può fare”.

Il futuro lo costruiamo noi. Nell’Assemblea di fine anno della Compagnia delle Opere Marche Sud, numerose testimonianze di chi ha deciso di ricominciare
Si sono infatti moltiplicate, durante l’incontro, le testimonianze di chi ha deciso di far crescere di nuovo la propria “foresta”, anche se questo gesto "non fa rumore" e in un contesto socio-economico difficile ma non tanto difficile da scoraggiare chi ha un sogno e un traguardo preciso da raggiungere, per ognuno diverso.
 
Michele Silvestroni, ad esempio, ha deciso di lasciare il suo lavoro per collaborare alla realizzazione di un centro per i bambini affetti da autismo ed è per questo motivo che da Fano si è trasferito a Fermo.
 
Andrea Servili dell’impresa agricola Villa Conti di Amandola, invece, dopo essersi impegnato per far ripartire l’azienda di famiglia, ha visto tutti i suoi sforzi vanificati dal sisma dell’ottobre 2016, ma è ripartito perché legato al territorio e convinto che abbia innumerevoli prospettive.
 
Gabriella Mazzetta, giovane professionista della comunicazione di Porto San Giorgio ha dichiarato: “Mi sono laureata a Perugia e trasferita a Milano, per lavorare in una grande
società di comunicazione. Dopo alcuni anni, però, ho deciso di tornare a Porto San Giorgio perché voglio mettere a frutto le mie esperienze professionali”.
 
Alessandra Antonini, di Visso, ha dato vita insieme al regista Luca Pagliari, dopo il sisma, a Generazione 6.5, un format giornalistico che non parla del terremoto ma proprio della capacità di ripartire. “Mi sono trasferita insieme alla mia famiglia a Porto Sant'Elpidio – ha ricordato Alessandra - ma la voglia di ricominciare c’è stata sin dal giorno dopo. Con  Generazione 6.5 stiamo girando l'Italia e parliamo ai bambini delle scuole raccontando loro la nostra esperienza”. 
 
“Resilienza, attitudine al cambiamento – ha dichiarato il Presidente della Compagnia delle Opere Marche Sud Emanuele Frontoni – ogni giorno i giovani ci dimostrano, con i fatti, che la costruzione del futuro dipende da noi e che eventi tragici come il terremoto sono degli incidenti di percorso, se la visione complessiva del proprio progetto di vita è chiara”.
 
Letture:468
Data pubblicazione : 14/12/2017 09:47
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications