Attualità
Porto San Giorgio. La replica dei commercianti: "La piazza vuota con attrattive non adeguate al periodo natalizio è il danno di immagine"

Non si ferma il dibattito sullo sciopero dei commercianti a Porto San Giorgio. Nella giornata di sabato 13 gennaio una quarantina di attività della città rivierasca aveva deciso di abbassare le serrante dei locali in segno di protesta verso l'Amministrazione spiegando che il loro intento era quello di "dare una scossa" perché "non è vero che a Natale sia andato tutto bene". Pronta la risposta dell'Amministrazione Comunale e della Confcommercio che ieri, a margine della conferenza stampa sul bilancio del Natale, non hanno usato giri di parole definendo lo stesso sciopero un "harakiri" (Confcommercio, ndr.). È di pochi minuti fa la risposta della Nuova Associazione Commercianti del Centro che chiede all'Amministrazione Comunale un'assemblea pubblica per parlare della situazione del commercio a Porto San Giorgio.

 

Porto San Giorgio. La replica dei commercianti:

"Se un negozio o una piazza vuota non sono cose serie vuol dire che il copione che sta portando avanti questa amministrazione è una sceneggiata drammatica per le famiglie che vivono di commercio a Porto San Giorgio. La manifestazione di protesta andata in scena sabato scorso è stato un successo oltre le aspettative perché si è trattata di una iniziativa spontanea, apolitica (c’era anche chi ha sostenuto questa maggioranza) e nata in poche ore attraverso un tam tam tra negozianti. Sono quasi 40 le attività che hanno esposto la locandina di adesione alla protesta nella zona del centro, ristoranti del lungomare e bar (alla richiesta di una lista rispondiamo che ritornare ad un ostracismo ateniese ci sembra esagerato). Imprenditori che hanno esternato il segnale di malessere non figlio della congiuntura, non figlio dei nuovi mercati ma di una piazza come Porto San Giorgio che non è più attrattiva per via di scelte programmatiche povere di contenuti. Il malcontento si è allargato a macchia d’olio perché la categoria si sente presa in giro dai numeri che questa amministrazione continua ad esternare sulle presenze del Natale.

È il "va tutto bene" che ha fatto scattare la protesta: la piazza vuota con attrattive non adeguate al periodo natalizio è il danno di immagine che dovrebbe far riflettere, non il clamore mediatico di un legittimo malcontento. C’è chi parla di "harakiri" dimenticando la propria storia e chi politicizza con merende l’antimanifestazione: questa è la reprimenda che fa male alla democratica espressione di un malessere, non l’incoscienza nel giorno di apertura della Boutique e Caffe 900 che nessuno conosceva perché non pubblicizzata.

I nostri livori elettorali non fanno parte dei bilanci aziendali. Siamo parte integrante della città e chiediamo attenzione nella progettualità a lungo termine per le infrastrutture che siano viabilità, parcheggi, illuminazione, sicurezza o miglioramenti urbanistici. Vogliamo essere coinvolti nelle decisioni e programmare i grandi eventi insieme alle realtà cittadina.  E' facile dire che le nostre proposte erano troppo costose quando non sono state mai prese in considerazione. Non si può programmare il Natale dimenticando che lo è anche per i ragazzi di 15/25 anni, coloro che tengono vive le piazze. La città ha bisogno di un cambio di passo ma per farlo occorrono figure professionali che disegnino un percorso con una progettualità che faccia diventare noi commercianti e le associazioni cittadine attori di una sceneggiatura tesa a rilanciare la socialità e la principale industria cittadina, o meglio quel che resta perché se una vetrina che si accende fa immagine ed è un valore aggiunto, una che si spegne affossa l’economia delle famiglie impiegate. Invitiamo l’amministrazione a partecipare ad una assemblea pubblica che sarà indetta a breve per spiegare i programmi futuri."

Letture:516
Data pubblicazione : 16/01/2018 15:43
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications