Attualità
Fermo. Al via il Rush Finale: Su e giù per le montagne in sella a tre vespe. Sosta a Gualdo Tadino. Guarda le Foto

Quattro amici, tre vespe 50, un furgoncino come casa e 1000 km da percorrere tra le montagne dell’Appennino. Segui l'aggiornamento della seconda notte e il rush finale.

Fermo. Al via il Rush Finale: Su e giù per le montagne in sella a tre vespe. Sosta a Gualdo Tadino. Guarda le Foto

Davide Filiaci, Daniele Cicchinè, Simone Bordoni e Matteo Raccichini, questi i nomi dei 4 ragazzi fermani che hanno deciso di intraprendere un’avventura davvero unica nel suo genere: percorrere 1000 km tra le montagne in sella a tre vespe.

Si, avete capito bene. Tre vespe, per di più con una cilindrata pari a 50cc, per attraversare 5 passi di montagna e sfidare il freddo e la neve con mezzi non proprio all’avanguardia.

Una maratona lunga tre giorni, con partenza questa mattina da Oropa nel biellese, un santuario dedicato alla Madonna Nera e situato a 1159 metri di altitudine.

Il primo check point sarà il Passo della Cisa (1.041 mslm) tra le provincie di Parma e Massa Carrara, il secondo step sarà quello di salire fino a quota 1.579 sul livello del mare per raggiungere il Passo della Pradarena, un valico che separa la Toscana dall’Emilia.

Il terzo check point sarà il Passo dei Mandrioli (1.173 mslm), sul crinale tosco-romagnolo che collega le valli del Savio a quelle dell’Arno. Da qui altri 165 km per approdare nelle Marche e precisamente sul Passo del Cornello (818 mslm), vicino Fiuminata (MC).

Infine gli ultimi 230 km per arrivare al quinto ed ultimo check point: Castel del Monte (1346 mslm) in provincia de l’Aquila, considerato uno dei borghi più belli d’Italia e visibile anche nel film “Il nome della Rosa “ con Sean Connery.

La sfida è quella di percorrere 350 km al giorno con il vento in faccia (tempi di percorrenza vicini alle 10-12 ore), per arrivare nella giornata di Domenica a Castel del Monte (AQ), un paesino di  428 anime immerso nel verde del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, a 1346 metri di altitudine.

E per gli alloggi? Nessun problema. Dietro alle tre vespe ci sarà un furgoncino, guidato da Matteo, che sarà una vera e propria casa viaggiante, una sorta di camper dotato di tutti i “comfort” necessari, se di “comfort” si può parlare. L’albergo a quattro ruote è stato allestito con una cucina da campo, sacchi a pelo e un gruppo elettrogeno in grado di poter riscaldare l’ambiente prima della notte.

Da buoni fermani, per recuperare le forze, avranno una porchetta, del vino e una bottiglia di mistrà, che si sa in questi casi “scalda l’ambiente”.

Radio Fermo Uno e Informazione.tv seguiranno in esclusiva l’avventura di Davide, Daniele, Simone e Matteo. Li sosterremo, li incoraggeremo e al loro ritorno ci racconteranno, anche in diretta su Radio Fermo Uno, le emozioni di un viaggio inedito vissuto tutto d’un fiato.

 

AGGIORNAMENTO PRIMA NOTTE E PARTENZA SECONDO GIORNO:

 

Dopo la partenza da Oropa (Biella) che vi abbiamo raccontato e che potete leggere sopra, nella notte di ieri i nostri quattro amici hanno raggiunto Passo della Cisa e pochi km dopo hanno deciso di fermarsi e organizzare il primo accampamento.

Una notte passata al freddo tra le montagne, con la colonnina di mercurio che segnava diversi gradi sotto zero e con un cielo non proprio stellato come nei film.

Il caldo arrangiato del pulmino, una cena al sacco e un pò di vino per ricaricare le batterie in vista della lunga pedalata verso Passo Predara.

Prima di andare a dormire si è provveduto anche a preparare la miscela per le "amiche a due ruote", tre compagne fedeli che dovranno riaccompagnare i nostri amici fino a casa e che per ora non stanno deludendo le aspettative.

L'obiettivo odierno è quello di raggiungere Passo Predara ed avvicinarsi il più possibile verso il Passo del Cornello nel maceratese.

 

SECONDO GIORNO E RUSH FINALE:

 

Ieri mattina i ragazzi in sella alle tre vespe hanno raggiunto verso le 7 Passo della Predara, dopo una breve sosta ed un rapido check up alle vespe (che stanno iniziando ad accusare il colpo) nel pomeriggio l'arrivo a Passo Mandrioli. Lungo il tragitto anche una breve pausa presso il Passo della Comsuma.

Ad accompagnare i nostri amici lungo il viaggio anche tanta neve, circa un metro e mezzo di coltre bianca nei pressi di Passo della Predara.

Nella mattinata odierna, dopo la notte trascorsa a Gualdo Tadino, la partenza per il rush finale. Arrivo previsto nel pomeriggio a Castel del Monte (AQ).

 

1

 

3

 

 

 

 

 

Per chi volesse tenersi aggiornato sul viaggio è possibile seguire l’avventura Live qui 

 

 

 

 

Letture:9926
Data pubblicazione : 09/02/2018 15:30
Scritto da : Paolo Oriferi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications