Attualità
Il Comitato 5 luglio risponde a Calcinaro: "A Fermo purtroppo una parte della città giustifica, e a volte inneggia, a comportamenti criminali"

In riferimento alle dichiarazioni del Sindaco Calcinaro, riportate da tutti gli organi di stampa e media locali, il Comitato 5 luglio ha voluto precisare quanto segue:

Il Comitato 5 luglio risponde a Calcinaro:

"La preoccupazione prioritaria di un Sindaco e delle istituzioni tutte, dovrebbe essere quella della tenuta democratica della città e del Paese in generale.
Non certo quella dell’immagine che, a torto, sarebbe stata “denigrata” “ da alcuni singoli soggetti”.
Il Sindaco non può non ricordare che, prima dell’omicidio del giovane nigeriano - aggravato dall’odio razziale, come confermato dalla Corte di Cassazione,- ci sono state le bombe davanti alle chiese, l’assassinio di due lavoratori kosovari e prima ancora l’aggressione subita da due giovani somali.
Come il Sindaco non può non aver percepito, a Fermo, purtroppo una parte della città giustifica e a volte inneggia a comportamenti criminali o, minimizza, come a Macerata e nel resto del Paese.
Da mesi chiediamo al Sindaco Calcinaro di promuovere un’iniziativa per non dimenticare Emmanuel, per non chiudere gli occhi su un’aggressione razzista, apponendo una targa in suo ricordo. Perché ancora non è stato fatto? Qual è la preoccupazione del Sindaco?
Amiamo la nostra città e proprio per questo non intendiamo chiudere gli occhi di fronte ad evidenti trasformazioni che, purtroppo, conducono sempre più a derive di intolleranza e xenofobia.
La città accoglie i richiedenti asilo e proprio per questo le istituzioni non dovrebbero mai sottrarsi ad una analisi onesta e rigorosa della profonda involuzione sociale in atto, al fine di contrastare tensioni sociali irrazionali che possono sfociare, come già accaduto, in eventi drammatici.
I singoli soggetti, ai quali il Sindaco fa riferimento, sono protagonisti da sempre di azioni, singolarmente e collettivamente, finalizzate alla solidarietà, giustizia sociale, tutela dei diritti dei più deboli."

Letture:595
Data pubblicazione : 09/02/2018 15:54
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • matteo

    10-02-2018 09:16 - #1
    È tutto un sogno..non può essere vero...mi rimetto a dormire..domani mi risveglierò in un mondo normale....buona notte
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications