Attualità
Tra Bit e Micam da Milano arrivano segnali positivi: la soddisfazione del sindaco di Fermo Calcinaro

Il mondo istituzionale ed imprenditoriale del Fermano si è trasferito provvisoriamente per qualche giorno a Milano, dove sono in pieno corso di svolgimento due eventi di portata internazionale, il Micam e la Bit.

Tra Bit e Micam da Milano arrivano segnali positivi: la soddisfazione del sindaco di Fermo Calcinaro
Il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro alla Bit con l'assessore al turismo di Porto Sant'Elpidio Milena Sebastiani

La borsa internazionale del turismo rappresenta l'occasione per promuovere il brand del Fermano, oltre che un'opportunità per i i singoli comuni per mettere in vetrina le loro bellezze.

Fermo, in particolare, superata ormai la fase legata all'emergenza post-sisma, guarda al 2018 con grande ottimismo, sulla scia anche degli ingressi ai musei, che nel mese di dicembre 2017 sono triplicati rispetto allo stesso periodo del 2016. Un segnale positivo su cui il capoluogo intende costruire il proprio futuro turistico: “Il movimento di visitatori presso lo stand delle Marche è stato buono, sicuramente in crescita rispetto all'anno scorso e non poteva essere altrimenti – commenta il sindaco Paolo Calcinaro -. Negli ultimi mesi il lavoro del Comune è stato quello da una parte di cercare di suturare le ferite del sisma e dall'altra di cercare di andar avanti e di cogliere delle opportunità anche nelle difficoltà”.

 

Come informazione.tv ha ampiamente documentato in un recente articolo, il capoluogo si prepara a rivoluzionare il proprio sistema museale: “A breve verrà completato lo spostamento dei Musei scientifici da Villa Vitali a Palazzo Paccarone, a luglio riapriranno la Sala del Mappamondo e la Pinacoteca di Palazzo dei Priori, poi dal 21 aprile al 2 settembre ci sarà anche la mostra sul '400 nella nuova San Filippo Neri double face”.

Insomma, tanto movimento, dentro e fuori dal centro storico: ieri mattina, sempre nel padiglione della Regione Marche alla Bit, il Presidente della cooperativa Tu.Ris Marche Andrea Marsili ha presentato Torre di Palme ai visitatori e proprio nella frazione fermana, entrata a far parte lo scorso anno dell'esclusivo club dei borghi più belli d'Italia, nel 2019 aprirà il museo archeologico, che sarà visitabile con il biglietto unico del percorso museale cittadino e che ospiterà anche i reperti venuti alla luce nei recenti scavi nell'area.

L'assessore al turismo Francesco Trasatti aveva anticipato alla nostra redazione che per il museo archeologico ci si sarebbe mossi in parte con risorse comunali e in parte cercando di intercettare fondi del Gal fermano e Calcinaro conferma: “E' un ulteriore passo, abbiamo stanziato circa 170.000 € per cominciare subito con la prima parte dell'investimento”.

 

Per quanto riguarda il Micam, invece, i primi segnali che arrivano dagli operatori a fiera ancora aperta sembrano incoraggianti. Inutile ricordare l'importanza del comparto calzaturiero sull'economia del nostro territorio, perché sono i numeri stessi dell'evento milanese a segnalarla: su 1364 espositori totali, 600 dei quali stranieri. quelli marchigiani sono 208, ovvero più di un quarto di quelli italiani.

Se da più parti a livello nazionale negli ultimi tempi sono stati segnalati piccoli ma concreti segnali di ripresa, gli imprenditori della nostra provincia hanno invece evidenziato a più riprese la criticità della situazione nel nostro territorio e nel loro settore, che continua a reggersi prevalentemente sull'export.

 

Univoco il coro dei nostri uomini d'affari, che in questi mesi hanno sfruttato ogni occasione possibile per ribadire la necessità del made in e quindi della tutela dalla contraffazione dei marchi.

Le istituzioni hanno provato a dare anche loro la propria risposta: a livello provinciale è stato istituito il Tavolo per la competitività e lo sviluppo, che ha riunito i principali portatori di interessi del comparto, e ora è ufficialmente iniziato anche l'iter per il riconoscimento del distretto calzaturiero come area di crisi complessa. Chissà quindi che questa non sia la volta buona per ripartire davvero: “La crisi ha scottato tutti quindi c'è sempre molta cautela nel fare un'affermazione del genere – spiega a questo proposito Calcinaro – ma ieri ho registrato solo sentori positivi ed è la prima volta negli ultimi anni che c'è quest'univocità di giudizi”.

 

Protagoniste della giornata di ieri al Micam sono state anche le scuole: circa 120 studenti del Fermano hanno infatti visitato i padiglioni della fiera e al loro ritorno in classe saranno chiamati a condividere il proprio punto di vista e le proprie impressioni: “Credo sia stata un'esperienza molto importante per i ragazzi, perché gli fa capire quale strada ci può essere per un futuro sul territorio – conclude Calcinaro - d'altronde l'industria calzaturiera è composta non solo dalla parte prettamente manifatturiera, ma anche da quella del design e da quella commerciale, che coinvolge il marketing e le lingue: con quest'esperienza penso che i ragazzi abbiano potuto toccare con mano quest'aspetto che tante volte rimane espresso solo a parole”.

Letture:704
Data pubblicazione : 13/02/2018 12:38
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications