Attualità
Porto Sant'Elpidio. Il candidato sindaco Felicioni smonta la campagna antiprostituzione di Franchellucci: "Un'iniziativa pericolosa, dannosa e inutile"

Il sindaco uscente Nazareno Franchellucci ieri ha lanciato  l'iniziativa "Ripuliamo le strade della città" per combattere il fenomeno della prostituzione. Riportiamo il commento del candidato sindaco  Alessandro Felicioni.

Porto Sant'Elpidio. Il candidato sindaco Felicioni smonta la campagna antiprostituzione di Franchellucci:

"L’iniziativa del sindaco di pubblicare le foto (inviate dai cittadini) sui social network ed inviare una lettera ai proprietari delle auto immortalate mi pare presti il fianco a diverse obiezioni. Penso che l’iniziativa sia pericolosa, dannosa e, nel migliore dei casi, inutile. Pericolosa perchè: se legittimiamo i cittadini ad uscire la sera per fotografare le prostitute in azione, qualcuno non potrebbe sentirsi autorizzato a fare qualcosa di più di una semplice foto? O, peggio, non potrebbe subire una aggressione dal malcapitato fotografato? Come, si criticano i ragazzi di Casa Pound perché intervengono direttamente in una situazione potenzialmente pericolosa e poi chiediamo a tutti i cittadini di andare a caccia di scoop? È una ammissione di impotenza da parte dell’autorità; è come dire ai cittadini: noi non ci riusciamo, pensateci voi.

Dannosa perchè: ma ci siamo chiesti cosa succede quando arriva una lettera del genere a casa? E se addirittura il destinatario fosse uno che magari si trovava da quelle parti per caso e/o è stato fotografato solo per dispetto e si vede recapitare la lettera, come potrebbe reagire? E la sua famiglia? Non potrebbero derivare da tutto ciò richieste di risarcimento danni al Comune (la lettera è firmata “il sindaco”)?

Inutile perchè: la lettera è di per sé oltre che dannosa anche inutile perché è solo un blando ammonimento. Quanto poi all’uso dei social, non penso che si voglia pubblicare la targa dell’auto, sarebbe una palese violazione della privacy. E allora pubblicare l’immagine senza far vedere la targa a che serve? È una inutile gogna mediatica.

Perché invece non parliamo di cose serie. Nel complesso sistema dei limiti di spesa per il personale cui sono soggetti gli enti pubblici, il programma triennale delle assunzioni (delibera di giunta n. 25 del 05/02/2018) prevede per il periodo 2018-2020 un plafond disponibile di circa 100 mila euro (verbale dei revisori dei conti n. 3 del 05/02/2018). Forse sono anche di più, considerando le cessazioni già previste nel 2019. Potrebbero essere almeno altri 3 vigili in più a tempo pieno oltre all’unico già previsto; basterebbe rimodulare la tempistica delle assunzioni previste in funzione delle cessazioni già programmate nel 2018 e 2019, privilegiando l’assunzione di vigili e rimandando le altre a quando via via maturerà l’ulteriore possibilità di assumere.

Ci sono poi anche risorse per assunzioni a tempo determinato dirottate verso altri lidi come ad esempio i 32 mila euro per lo staff del sindaco (segretario?) che potrebbero essere utilizzati per altri 2 vigili per sei mesi (oltre i quattro che sono già previsti). Insomma perché non ottimizzare l’uso delle risorse per provare ad incrementare il personale della polizia municipale per organizzare un servizio di pattugliamento notturno?

C’è poi l’articolo 39-bis del regolamento di polizia urbana del nostro Comune che prevede già misure deflattive della prostituzione su strada; ora c’è anche il decreto Minniti sulla sicurezza urbana che prevede la possibilità per i sindaci di emettere ordinanze a tutela del decoro urbano volte a colpire, tra l’altro, chi contratta una prestazione di natura sessuale a pagamento.

Strumenti questi che potrebbero non restare solo sulla carta e consentirebbero a chi di dovere, e non ai cittadini, di presidiare il territorio nelle ore notturne fornendo loro i mezzi per agire in sicurezza ed ottenendo un effetto dissuasivo molto più penetrante. Senza parlare dell’importanza del pattugliamento notturno per combattere i fenomeni di microcriminalità che ci attanagliano."

Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications