Attualità
Zacheo attacca Calcinaro sulla tassa di soggiorno e sull'area Vallesi: "Assurdo imporre un'imposta del genere quando a pochi metri dal centro regna il degrado"

"La ferma volontà di reinserire la tassa di soggiorno da parte del sindaco Calcinaro, oltre a costituire un disincentivo per il flusso turistico e un messaggio negativo per gli operatori del territorio, sta mettendo in risalto clamorosi paradossi politici ed amministrativi. La tassa, nelle intenzioni di Calcinaro, dovrebbe servire a dotare meglio i Vigili urbani e a realizzare bagni pubblici, oltre che a garantire il servizio di salvataggio in spiaggia, peraltro già offerto dagli operatori privati, come prescritto dall’apposito regolamento comunale di Fermo di cui lo stesso sindaco sembra disconoscere il contenuto". Pasquale Zacheo e il suo "Io scelgo Fermo" tornano all'attacco di Paolo Calcinaro e della sua amministrazione, stavolta sul tema della tassa di soggiorno.

Zacheo attacca Calcinaro sulla tassa di soggiorno e sull'area Vallesi:

"Forse lo stesso sindaco dovrebbe rendersi conto meglio delle condizioni della città nel suo complesso. Infatti, già a pochissimi metri della piazza centrale, è imbarazzante lo stato di pericoloso degrado in cui versano, da diversi mesi, gli spazi comunali e il parcheggio coperto dell’Area Vallesi, per i quali, peraltro, proprio la giunta Calcinaro ha preferito rinunciare all’ingente canone per la gestione dello stesso parcheggio che doveva essere a carico del privato - scrive Zacheo -. Le foto allegate sono eloquenti: telecamere comunali staccate o manomesse, cavi elettrici sfoderati, rifiuti urbani abbandonati, estintori svuotati e sparsi ovunque, incuria generale, ecc. Ci si chiede da quanto tempo il sindaco o un operaio del Comune o un assessore non facciano un giro a ridosso della piazza, oppure se ci si è resi conto almeno che le telecamere da parecchio non trasmettono più immagini del sito".

 
"Paradosso nel paradosso, dunque: si rinunci ai tanti soldi del privato per la concessione dell’area di parcheggio, ma si pretende ora il pagamento di una tassa dai turisti per farli “godere” dello scempio e del pericolo proprio nello stesso parcheggio utile al centro storico - continua l'ex candidato sindaco -. Per imporre il pagamento di un'imposta come quella di soggiorno occorre rendere confortevole ed attraente la città ed essere quantomeno credibili in tema di sicurezza e cura degli spazi e della cosa pubblica. Quale credibilità può avere un amministratore che vuole istituire una tassa per incrementare le dotazioni della polizia municipale, se poi non si preoccupa neppure del funzionamento degli strumenti già in uso?"

Letture:1791
Data pubblicazione : 24/02/2018 15:55
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • GILBERTO M.

    25-02-2018 00:56 - #2
    Consigliere Zacheo, Lei è disinformato o per meglio dire poco informato sui fatti !Forse non sa, ma dovrebbe saperlo per il ruolo che svolge, che quegli appartamenti dell’area Vallesi, la cui ditta costruttrice è in amministrazione controllata, sono stati acquistati e pure, profumatamente, dalla Regione Marche, quindi con soldi pubblici, per collocarci i tanti che con il sisma hanno perso la casa ! L'operazione strategica per il costruttore un po meno per i cittadini. Forse l’unica speranza che quando saranno abitati la sporcizia sia meno evidente. Un dato è certo quell’immobile fortemente voluto dalla giunta Di Ruscio oggi è il simbolo di un fallimento politico, culturale e gestionale della cosa pubblica. Un esempio da manuale del perché la politica è l’emblema della ignoranza e della pochezza umana. Certo è che sulla vicenda Area Vallesi, qualcuno potrebbe scrivere diversi libri a cominciare dalla superficialità della Soprintendenza, della vicenda gestione parcheggi da parte dell’ASITE, per giungere alla vendita attuale che lascia sconcertati. Si parla in questa nazione di correttezza con Magistrati, Anac, e organizzazioni varie chiamate a controllare i controllori e poi un un paesotto di poco più di 30.000 abitanti succedono cose di questo tipo che sommate all’area di via Respighi avviata alla prescrizione dei reati lascia supporre che la gestione di molte cose strane avvenute in questo “paesotto” siano gestite e organizzate altrove. Zacheo se non sbaglio Lei fa parte dell’arma ed è stato anche capitano della compagnia di Fermo nel periodo in cui sono avvenute tutte queste cose, allora le chiedo perché non si è fatto nulla ? Non aspetterò nessuna risposta perché sono i fatti attuali a darla.
  • Carlo

    24-02-2018 16:10 - #1
    Mettiamoci i profughi o un centro per minori non accompagnati nell'area Vallesi. E' grande e poi si risolve il problema del degrado.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications