Attualità
L'altra faccia della Granfondo, i cittadini denunciano una città paralizzata. Marcotulli attacca l'amministrazione: "Smettete di autocelebrarvi e cominciate ad ascoltare le persone"

Una Pasquetta, quella di ieri a Porto Sant'Elpidio, che è stata sicuramente caratterizzata dalla Granfondo di ciclismo. Una manifestazione che ha attratto un buon numero di appassionati delle due ruote, ma che al tempo stesso ha causato non pochi disagi ai cittadini che desideravano spostarsi per la classica gita fuori porta. Disagi segnalati in molti casi con rabbia e veemenza sui principali gruppi social cittadini e che oggi sono stati ripresi anche da Giorgio Marcotulli, candidato sindaco della coalizione di centrodestra che sfiderà il primo cittadino uscente Nazareno Franchellucci nelle elezioni del prossimo 10 giugno.

L'altra faccia della Granfondo, i cittadini denunciano una città paralizzata. Marcotulli attacca l'amministrazione:

"Se c'è una manifestazione a Porto Sant'Elpidio che dimostra lo scollamento totale tra chi la amministra e chi la vive, questa è la Gran Fondo di ciclismo che abbiamo vissuto ieri - attacca il candidato sindaco del centrodestra -. Da un lato un tripudio di dichiarazioni trionfalistiche ed album fotografici, dall'altro una città paralizzata, con migliaia di cittadini ed automobilisti imbestialiti. Nessuno si è minimamente preoccupato di informare dei disagi, delle strade chiuse e delle limitazioni che per tutta la mattinata Porto Sant'Elpidio avrebbe subito, erano troppo impegnati ad autocelebrarsi per "i grandi eventi che fanno turismo".


"Eppure non mancano certo modi e strumenti, abbiamo comuni limitrofi che in questo senso ci danno diversi giri di distacco - prosegue Marcotulli -. Ci sono applicazioni che consentono di inviare a tutti puntuali informazioni in tempo reale e che avrebbero di certo limitato i problemi capitati ieri. Anche senza ricorrere agli ultimi ritrovati della tecnologia, sarebbero stati sufficienti un po' di fonica, l'utilizzo dei social network, una nota per gli organi di informazione. Nulla di tutto questo. Eppure questa amministrazione, quando vuole, si ricorda di informare i cittadini. Ad esempio non ha esitato a inviare lettere ai residenti nelle zone limitrofe alla discarica per avvisare che avrebbero avuto il 10% di sconto sulla Tari. Serviva? No, perchè i cittadini non debbono fare nulla, semplicemente hanno una riduzione sull'imposta. Però in quel caso la lettera è arrivata puntuale. Tradotto: per vantarci e fare campagna elettorale ci ricordiamo di fare informazione, quando invece dobbiamo ridurre i disagi della gente, silenzio".


"Sento già la risposta: "Lo sport porta turismo e fa conoscere la città". Vero. Ad esempio il prossimo fine settimana al palasport di via Ungheria avremo i Campionati nazionali Gold e Silver di ginnastica aerobica, organizzati dall'Artistica Porto Sant'Elpidio Asd. Mi risulta che arriveranno oltre 300 atleti da tutta Italia. Non mi risulta però che da parte dell'Amministrazione comunale ci sia la stessa attenzione e lo stesso sostegno, tutt'altro. Figli di un Dio minore. Se lo sport, pur organizzando iniziative di livello, non fa riempire la bocca con parole come "vetrina" e "promozione", non interessa.
Ma sicuramente è colpa mia, che non mi intendo di strategie di marketing turistico e di grandi eventi. Ad esempio non capisco come mai si dichiarino oltre 600 partecipanti, quando i dati ufficiali dicono che sono partiti in 300 ed arrivati in 180. Se poi scorro l'elenco dei corridori noto un gran numero di società ed atleti marchigiani, allora mi viene qualche dubbio sui massicci pernottamenti e le masse di sportivi in vacanza nella nostra città grazie alla corsa di ieri.
Immagino già la difesa d'ufficio: "Criticate sempre chi fa le cose".
Forse è ora di smetterla col "fare e non fare" - conclude Marcotulli -. Il punto è fare bene o fare male. Il punto è chiedersi se ciò che si fa porti benefici oppure no. Il punto è smettere di autocelebrarsi e iniziare ad ascoltare le persone. Il punto è essere al passo coi tempi e digitalizzare l'ente per arrivare a tutti rapidamente ed evitare situazioni incresciose come quella di ieri".

 

Letture:1874
Data pubblicazione : 03/04/2018 15:48
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications