Attualità
Dieta Mediterranea. Il Fermano fa rete. In 70 tra studenti e docenti, provenienti da tutto il mondo, per studiare e promuovere il territorio

La terza edizione dell’International Student Competition vedrà docenti e studenti universitari studiare per sei giorni la Terra di Marca, dal mare ai monti Sibillini. Si inizia il primo maggio per concludere il 6.

Dieta Mediterranea. Il Fermano fa rete. In 70 tra studenti e docenti, provenienti da tutto il mondo, per studiare e promuovere il territorio

L’ISC è un progetto nato dal Laboratorio Piceno della Dieta Mediterranea, in collaborazione con l’Università degli Studi di Macerata.

A fare gli onori di casa il vice presidente della Provincia di Fermo Stefano Pompozzi, il quale ha ribadito l’importanza della collaborazione tra il Laboratorio Piceno e l’Unimc, i due soggetti promotori di questa iniziativa. “Il Laboratorio Piceno della Dieta Mediterranea – afferma Pompozzi - è una delle realtà più importanti del nostro territorio”.

Dopo Stefano Pompozzi, il primo ad intervenire è il giornalista e portavoce del Laboratorio Adolfo Leoni, che ha subito sottolineato l’importanza della competizione, una competizione impreziosita dalla presenza del prof. Colin Johnson, presidente del Dipartimento Turismo dell’Università di San Francisco.

“Il professor Cavicchi – ribadisce Leoni – ha inventato la competizione e da giorni sta studiando il nostro territorio. Mi preme esordire con un proverbio africano che recita: ‘Da soli si va soli ma insieme si va lontano’. Lo scopo è quello di fare rete tra i comuni del fermano che hanno aderito all’iniziativa. Il Laboratorio ha uno scopo inclusivo e per questo abbiamo deciso di fare rete tra i comuni (Fermo, Porto San Giorgio, Montegiorgio, Santa Vittoria in Matenano, Monteleone di Fermo e infine Rapagnano). Gli studenti partiranno da Porto San Giorgio per poi salire a Fermo e infine addentrarsi nell’entroterra. A Porto San Giorgio si esordirà con un brindisi di benvenuto presso il Teatro Comunale, per poi visitare il mercato ittico e osservare il nostro mare illuminato dalle luci della sera. Visiteremo Fermo e il Teatro Comunale, studenti e docenti mangeranno nei nostri ristoranti e dormiranno nei nostri agriturismi. Dietro c’è un grande lavoro logistico, studenti e docenti incontreranno i produttori, gli artigiani e metteranno le ‘mani in pasta’, nel senso che impareranno a cucinare”.

 

31189692_10216743878775412_651136549815058432_n 

 

Dopo l’introduzione del vice presidente della Provincia Stefano Pompozzi e del portavoce del Laboratorio Adolfo Leoni, è stata la volta dei sindaci presenti.

Nicola Loria, sindaco di Porto San Giorgio ha spiegato: “Porto San Giorgio si è fatta coinvolgere con grande entusiasmo, già l’anno scorso mettendo a disposizione il mercato ittico e quest’anno anche il teatro comunale. Porto San Giorgio è la porta di questa provincia, è l’approdo per questi ragazzi che provengono da tutta Europa e non. Lo stare insieme, il promuovere il territorio dal mare ai monti, è l’unica via per promuovere la nostra Terra di Marca, attraverso la storia dei luoghi, della tradizione e della gastronomia. Il coinvolgimento di Marca Fermana attesta che questa terza edizione sia destinata a crescere. Con questa iniziativa ci sarà un ritorno di immagine importante, anche attraverso i social. Noi abbiamo il dovere di scommetterci”.

Fabrizio Vergari, sindaco di Santa Vittoria in Matenano ha continuato: “Grazie per aver coinvolto il nostro paese. Da noi gli studenti visiteranno il teatro e il convento delle monache Benedettine. Questa è l’eccellenza delle iniziative per promuovere il territorio, è il modo migliore per valorizzare il territorio. Iniziativa che serve per riscoprire dei luoghi come i teatri e i borghi, luoghi che hanno sofferto le piaghe del terremoto ma la nostra popolazione è abituata a lavorare e a rimboccarci le maniche senza piangersi addosso”.

Andrea Valori, vice sindaco di Monteleone di Fermo: “A Monteleone ci sarà un itinerario particolare, il centro storico sarà animato dai nostri produttori. Siamo entrati in contatto con il Laboratorio e conosciamo la valenza della dieta mediterranea, che oltre ad essere una dieta è uno stile di vita. E’ inevitabile che noi cercassimo un approccio con la vostra associazione. La nostra è una realtà microscopica rispetto ai comuni più importanti, ma vogliamo dire la nostra. Il turismo, l’enogastronomia e la ricchezza della manodopera, sono tutte cose che si intrecciano e costituiscono il valore di questa terra”.

Paolo Foglini, Dietologo e vice presidente del Laboratorio Piceno: “Agli interventi fatti vorrei aggiungere una considerazione: il Laboratorio Piceno sta diventando oggetto di studio. Gli studenti che verranno lo faranno per studiare i luoghi, il brand e l’accoglienza, un’accoglienza reale, per questo abbiamo scelto dei centri più piccoli, centri caratterizzati dalla longevità. Il prof. Johnson è venuto dagli USA, un grazie a lui che è rimasto affascinato da questa realtà e dall’accoglienza di questi luoghi”.

Alessio Cavicchi, docente Unimc: “Il vero grazie va a voi. La cabina di regia siete stati voi del Laboratorio. L’Università di Macerata ha dato un’impronta europea ed extra, facendo affacciare questo territorio su tutto il mondo. L’Università entra nel territorio, lo studente ‘toccherà con mano’ i bisogni del territorio, la realtà di questi posti. Il ritorno di immagine è incredibile. Gli studenti e i docenti con i soli social pubblicizzeranno questo territorio in maniera impressionante e questa sarà una promozione gratuita."

"Ci sarà anche l’associazione Food Nation Ong, associazione inglese che si occupa di programmi di educazione alimentare nelle scuole - ha continuato il docente. Ci racconteranno cosa stanno facendo in Inghilterra per combattere l’obesità. La vera novità è che gli studenti potranno incontrare tutti gli operatori, intervistarli sulle loro attività e chiedere loro come vorrebbero essere promossi in giro per il mondo."

"Sarà presente anche la Commissione Europea che elargirà i fondi per le reti presenti sul territorio, controllando se queste funzioni realmente e come lo facciano. Gli studenti saranno i veri ambasciatori, il loro rapporto oltre ad essere teorico sarà anche pratico con i produttori del posto, promuoveranno a livello telematico tutto il lavoro che verrà svolto e renderanno fruibile ai loro colleghi internazionali la realtà di questo territori”. ha concluso Cavicchi.

Il Prof. Colin Johnson, Docente presso l’Università di San Francisco ha commentato: “Vi ringrazio per l’invito e per la vostra ospitalità. E’ stata una grande esperienza per me in questi giorni. Socrate diceva: ‘L’ospitalità è una virtù’ e questo territorio è ospitale. Tutti noi abbiamo viaggiato, io recentemente ho visitato il Vietnam, l’Argentina e il Kenya ma qui mi sono sentito molto più che un turista. Il livello di ospitalità ricevuto qui è stato superiore a quanto mi potessi aspettare. Non conoscevo le Marche. In questi giorni ho visitato i vigneti, le cantine e i ristoranti."

"Questo programma con gli studenti è uno dei più innovativi che io abbia mai visto in tanti anni di università. Lavorare con tanti docenti e studenti di tante parti del mondo è costruttivo e rappresenta un grande successo. Questa terza edizione rappresenta un modo per promuovere il vostro territorio. Sarà un modo per attivare percorsi di scambio tra aree rurali e interessante sarebbe coinvolgere le aree rurali della Baia di San Francisco. Questi inoltre rappresentano casi di studio che possono essere pubblicati su diverse riviste ed avere un risalto internazionale notevole”. ha concluso Johnson.

 

31195694_10216743879375427_3301833083203878912_n

Letture:1383
Data pubblicazione : 24/04/2018 15:09
Scritto da : Paolo Oriferi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications