Attualità
Ewa e Katiuscia hanno detto “SI”. Celebrata la prima unione civile tra donne a Fermo

Questa mattina l’italo-polacca Ewa Zalewsa e la cingolana Katiuscia Violini sono state unite nel vincolo del matrimonio dal Sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro: sono la prima coppia di donne a sposarsi nel Fermano.

Ewa e Katiuscia hanno detto “SI”. Celebrata la prima unione civile tra donne a Fermo

La prima unione civile a Fermo venne celebrata il 30 settembre 2016 tra il vicesindaco della Città, Francesco Trasatti, e William Timi, appena tre mesi dopo l’entrata in vigore della Legge 20 maggio 2016, n.76, cosiddetta legge Cirinnà, denominata “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze.”

Questa mattina a dire “sì” sono state Ewa e Katiuscia. La felicità e l’emozione di questo importante traguardo è tutta nelle loro parole: “Dopo 12 anni di convivenza – spiega Ewa – è arrivato finalmente il momento che tanto aspettavamo e che la legge di due anni fa ha permesso che divenisse realtà. Una legge che dà forza a tutte le coppie omosessuali e che ci aiuta a combattere l’omofobia.”

Ewa elegantissima nel suo vestito nero e argentato, Katiuscia molto più mascolina, capello rasato, completo sportivo bianco e scarpe da tennis. Si sono presentate così, questa mattina, davanti al Sindaco Paolo Calcinaro che alle 11 ha ufficializzato la loro unione.

“Ci siamo conosciute 14 anni fa a Sforzacosta – ci ha raccontato Ewa – e, dopo due anni di frequentazione, siamo andate a convivere a Macerata. Dopo qualche anno ci siamo spostate a Fermo, nel quartiere Girola, per lavoro.”

Dopo aver trascorso un’infanzia particolarmente difficile, per Ewa e per la sua compagna è arrivato il giorno che tanto aspettavano ed entrambe non riescono a trattenere l'emozione: “Oggi è arrivato il giorno felice della nostra vita - ci confessano. - L’emozione è davvero tanta e il cuore batte a mille. Siamo contente anche di poterci unire civilmente qui in Italia, perché tante coppie, fino a poco tempo fa, erano costrette ad andare all’estero per ufficializzare la loro unione. Ciò che conta nella vita è amare ed essere amati e la nostra unione oggi simboleggia questo.”

“Sposare una persona che si ama, indipendentemente dal sesso, è davvero stupendo – ha concluso Ewa. - In 12 anni, all’interno di una coppia, ci sono alti e bassi, ma insieme abbiamo superato ogni tipo di difficoltà. Avere gli stessi diritte delle coppie eterosessuali per noi, come per la società, penso che sia davvero un importante traguardo. L’omosessualità non è una malattia, questo è il messaggio che vogliamo lanciare e l’amore vince sempre su tutto. Per questo lasciatemi dire “Viva Fermo e viva le spose!”.

 

 

 

Letture:9082
Data pubblicazione : 19/05/2018 11:47
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Flora

    20-05-2018 20:52 - #3
    Caro Carlo hai ragione x metà... è compito della provincia il controllo delle scuole? Bene...ma tu sei il sindaco...non controlli i lavori??? O mettiamo tutto a tacere...all' italiana!!!! Come sempre...magari perché si è amico degli amici...essu'... Anche il sindaco e tutta l amministrazione hanno responsabilità... fuori i nomi...
  • Carlo

    20-05-2018 12:26 - #2
    La competenza sull'edilizia scolastica è della Provincia: o il sindaco scavalca le sue prerogative (cosa che non può fare), al massimo potrebbe controllare se i lavori nella chiesa di Sant'Agostino sono perfetti o no, è di nuovo visitabile è sicura ecc... visto ch'è attaccata al triennio, così come la chiesa di San Martino, attaccata al classico... quando le riapriamo? sono tutte e due in sicurezza? le restauriamo? E le navate laterali della chiesa di San Filippo?
  • Flora

    19-05-2018 16:12 - #1
    Come volevasi dimostrare...il nostro sindaco invece di pronunciarsi x il grave fatto del tetto crollato e mancando alla riunione svoltasi in provincia di fa fotografie x i matrimoni...le sagre...i tagli dei nastri...mah
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications