Attualità
Torre di Palme. Un nuovo locale nella suggestiva cornice di uno dei borghi più belli d'Italia: apre domani Evoè Bistrot

Un borgo medievale che conserva interamente l'antico incasato, uno dei borghi più belli d’Italia, una delle viste più mozzafiato di tutto il centro Italia, ma anche una tappa gastronomica ormai da tempo ben rodata da turisti e foodies. Tutto questo è Torre di Palme. 

Torre di Palme. Un nuovo locale nella suggestiva cornice di uno dei borghi più belli d'Italia: apre domani Evoè Bistrot

Eccoi alcuni numeri per raccontare questo piccolo gioiello: tre chiese che tuttora, precisamente alle 17:30, recitano il Rosario riportando il borgo in un’atmosfera d’altri tempi, cinque attività di ristorazione che propongono le prelibatezze del territorio tutte diverse una dall’altra, un corso principale che come un serpente si fa strada verso la terrazza sul mare, dove ogni anno migliaia di turisti si immortalano con selfie e foto artistiche.
Proprio qui, dove realmente respira il turismo e la ristorazione delle Marche centrali, il 9 giugno apre Evoè Bistrot di Marco Gasparrini e Letizia Baffoni. Lui, classe 1975 di origini torresi, e lei, classe 1989 originaria di Fermo, ma sempre legatissima a Torre di Palme, dove passava le sue estati nellacasa di famiglia. Ormai da tempo fidanzati nella vita e da poco colleghi al lavoro, i due sono un perfetto esempio di come possano cambiare le idee della vita. Marco si lascia alle spalle 25 anni dietro alla scrivania come amministratore e responsabile di produzione del mobilificio di famiglia, che dagli anni ‘60 continua a sorprendere i suoi acquirenti con le idee di design. Cosa si porta in questo sua nuova avventura? Sicuramente la conoscenza organizzativa, il rigore, la vena economica, che oggi non può essere assolutamente tralasciata, e un orologio a pendolo, prodotto dalle mani di suo nonno, che con il suo suono riempie le sale rustiche, ma allo stesso momento contemporanee dell’Evoè. Lei, laureata con lode in Lettere, insegna le lingue. Porterà con la sua presenza accoglienza e calore.

 

Improvvisati? Per nulla! Da sempre appassionati di vino e cibo, con alle spalle corsi di sommelerie e diversi master di cucina, a gennaio, un po’ per scherzo e un po’ per azzardo, nasce l’idea dell’Evoè Bistrot. Un locale studiato nei minimi dettagli, grazie anche alla consulenza dello chef sangiorgese Nikita Sergeev del ristorante L’Arcade, che per il primo periodo firmerà i menù dell’Evoè. La scelta di Marco di appoggiarsi su di un professionista mostra chiaramente la sua umiltà, oltre all’assoluta apertura mentale. Chapeau! In cucina Stefano Martellini, da anni cuoco in diversi locali della riviera fermana, da poco diplomato all’Alma – Scuola Internazionale di Cucina Italiana.


Il menù è il vero testimone dell’avanguardia di Marco e Letizia: 12 tapas in pieno rispetto di stagionalità e provenienza, ordinabili singolarmente o in vari percorsi degustativi. Per citare alcuni piatti si possono nominare lo Spaghettone al peperone bruciato, pesce spada e stracciatella oppure il golosissimo per quanto classico Brasato di muscolo di manzo in salsa al vino rosso e poi i dolci prodotti in casa, l' immancabile tiramisù o la mini delizia al limone.
La cantina conta ben più di 50 etichette ed è concepita in collaborazione con Meteri, cioè in piena sintonia con il mood attuale di Vini naturali e biodinamici. Non mancano poi le grandi bottiglie marchigiane: il bar propone una vasta scelta di Gin e prodotti da cocktaileria. I piccoli commensali a loro volta potranno scegliere tra i succhi di frutta biologici dell’Alto Adige.


Prezzi in linea 4-5 euro a tapas, 10 i primi, sui 15 secondi.
Insomma: ci sono tutti i presupposti per far sì che Evoè Bistrot diventi una nuova immancabile tappa gastronomica a livello regionale.
Aperto ogni giorno, tranne il lunedì dalle 18:30, per aperitivo che vi invitiamo a far scivolare in una piacevole cena. E’ consigliata la prenotazione.

 

Foto_evoA__1

 

Foto_evoA__3

Letture:6068
Data pubblicazione : 08/06/2018 12:33
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications