Attualità
Porto San Giorgio. Il T-Red può costare... caro! Il Comune deve oltre 3mila euro ad un automobilista multato. IL CASO

Ancora una volta la cronaca ci riporta a parlare dell'impianto T-Red. Porto San Giorgio, lungo la SS16, su 2 incroci semaforici si caratterizza per la presenza di semafori intelligenti che rilevano e sanzionano per oltre un milione di euro l’anno, non solo il più grave attraversamento dell’incrocio a semaforo rosso, ma anche l’attesa del verde fermi sulla striscia bianca di arresto.

Porto San Giorgio. Il T-Red può costare... caro! Il Comune deve oltre 3mila euro ad un automobilista multato. IL CASO

Stavolta la considerazione non riguarda i trasgressori del codice della strada, ma i cittadini tutti o almeno quelli che pagano le tasse.
"Per quest’ultima infrazione un cittadino, - scrive l'Avvocato Andrea Agostini che lo ha difeso - multato tra i primi all’attivazione del servizio per 41 euro, oltre incremento di 1/3 per orario notturno, e decurtazione di 2 punti della patente di guida, si rivolge a me e insieme otteniamo dal Giudice di Pace di Fermo sentenza di annullamento del verbale.
Il Giudice di Pace il 22/12/16 sentenzia due profili di illegittimità.
Il primo. ““Affinchè il verbale sia valido, la prova fotografica deve rappresentare il conducente del veicolo che decide di superare la striscia bianca di arresto nonostante la luce semaforica rossa”. Al contrario nei casi esaminati “i fotogrammi rappresentano il ricorrente già oltre la striscia bianca di arresto””.
In altre parole la foto deve cogliere con il rosso a vietare la marcia l’automobilista già al di qua della striscia bianca di arresto e non soltanto sopra o oltre la stessa.
Il secondo. ““Violazione delle norme di notificazione” causa “la personalizzazione della modulistica tramite adempimenti implicanti la compartecipazione di soggetto privato alla formulazione del verbale di contestazione”.
Insomma i verbali di accertamento di violazione del codice della strada sono atti esclusivamente di autorità pubblica e pertanto soggetti privati non devono metterci le mani.
Il comune viene quindi condannato alle spese legali consistenti in 43 euro di rimborso del contributo unificato necessario ad iscrivere la causa e 200 euro di competenze legali, totale lordo comprensivo di spese forfetarie, cnap e iva, euro 334/82.
Nonostante non ci si attivi per il recupero del credito e pure trattandosi di un illecito amministrativo bagatellare, il Comune decide comunque di appellare e il cittadino suo malgrado è costretto nuovamente a difendersi.
Ebbene è del 4 luglio scorso la sentenza del Tribunale di Fermo che, respingendo l’appello, conferma la sentenza del Giudice di Pace e condanna il Comune alle spese legali di euro 2.768/00 per un totale lordo di euro 3.183/20.
La scelta amministrativa di volere incassare a tutti i costi 41 euro non dovuti, si traduce ora in un costo per i cittadini amministrati di complessivi euro 3.518/02.
C’è voluto del tempo, ma ora a conti fatti, giustizia è fatta". 

Letture:5143
Data pubblicazione : 07/07/2018 14:21
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • joe

    09-07-2018 08:46 - #2
    ...e per fortuna che il sindaco di psg è anche avvocato!!!
  • Max

    08-07-2018 00:52 - #1
    Vorrei solo segnalare che oggi il proprietario di uno chalet, avvisato dai vigili, è venuto ad avvertirci che causa mercatini avremmo dovuto soostarli. Il divieto era segnalato ma io non lo avevo visto. Ci hanno dato il tempo di spostarli e non hanno fatto contravvenzioni, devo dire che sono stati molto gentili e non ho ravvisato la volontà di far cassa a tutti i costi anzi.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications