Attualità
Bando periferie, nuovo Ospedale, area di crisi complessa. Melchiorri: “Fermare i cantieri è fermare lo sviluppo. La politica si sieda al tavolo con le imprese"

"Riqualificazione urbana, sicurezza e rilancio economico. Tre fattori che si intrecciano all’interno del Bando Periferie che per Fermo significa cambiare volto a Lido Tre Archi, come per Ascoli il rilancio del quartiere di Monticelli. Un piano che come imprenditori abbiamo seguito fin dalla sua genesi. Perché nove milioni di euro significano anche lavoro, linfa per l’edilizia, per gli impiantisti, per chi, da artigiano a imprenditore, ha una importante occasione di lavoro" ha dichiarato Giampietro Melchiorri, Vicepresidente vicario Confindustria Centro Adriatico.

Bando periferie, nuovo Ospedale, area di crisi complessa. Melchiorri: “Fermare i cantieri è fermare lo sviluppo. La politica si sieda al tavolo con le imprese

"Ci siamo seduti attorno al tavolo pochi giorni fa per affrontare in direttivo le tematiche chiave per il rilancio. Come Confindustria facciamo squadra, anche con gli artigiani e i sindacati, e stiamo preparando un team che permetta di affrontare al meglio ogni possibilità. Il presidente regionale Claudio Schiavoni, che ha partecipato con la direttrice Paola Bichisecchi al direttivo, ha assegnato a Confindustria Centro Adriatico le deleghe alla Formazione, dove siamo leader grazie anche all’innovativo progetto dell’alternanza per i docenti, e al made in Italy, questione non più rinviabile e che deve stare ogni giorno sul tavolo della politica non solo italiana. E poi c’è il credito, dove giochiamo da protagonisti grazie al Confidi unico, risorsa per le imprese che hanno necessità di garanzie - continua Melchiorri.

È cambiato il modo di agire degli imprenditori, la rete sta finalmente crescendo. Per questo chiediamo alla politica, tassello fondamentale per un vero sviluppo, di restare seduta a questo tavolo, di confrontarsi, di rivedere anche scelte prese che possono portare meno benefici di quanto immaginato. Il bando periferie può essere rimodulato, può essere scremato dei suoi rami secchi e improduttivi, tema che conosciamo bene, ma non può essere fermato. Dove c’è sicurezza c’è sviluppo, soprattutto se accompagnato a innovazione e lavoro.

Il comparto dell’edilizia, lo ripetiamo spesso, è il motore di un territorio. Davanti a noi c’è la sfida della ricostruzione post sisma, la delega a livello confindustriale è stata affidata alla territoriale di Macerata, ma ci sono anche i cantieri già definiti come l’ospedale, le nuove scuole, la variante di Amandola, il futuro ponte ciclopedonale.

Non sarà una cazzuola a rilanciare il mercato calzaturiero, lo sappiamo bene, ma l’abilità dei nostri produttori avrà solo da guadagnare da una provincia più bella, infrastrutturalmente collegata e con nuovi servizi. Fallimenti e chiusure erano annunciati, l’export che cresce dell’1%, dopo anni di calo, significa stallo, significa meno lavoro e, di conseguenza, il piccolo non trova sbocchi per le sue produzioni, anche se di alta qualità.

Le fiere internazionali stanno dimostrando che il prodotto made in è sempre un riferimento, la conferma è arrivata dagli accessoristi protagonisti in America, per fare un esempio. Agosto è un mese anomalo, chi lavora con le griffe e ha un mercato internazionale solido ha già consegnato buona parte della nuova produzione.

Di fronte a questo quadro, c’è un’altra partita aperta che chiediamo al governo Conte di chiudere: l’area di crisi complessa per il nostro distretto fermano-maceratese. La attendono i calzaturieri, ma la aspettano anche le aziende che hanno voglia di crescere, visto che i benefit fiscali sono enormi."

Letture:1225
Data pubblicazione : 14/08/2018 14:32
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Ghino di Stacco

    15-08-2018 10:18 - #1
    Melchiorri, quando c'è da prendere vi affrettate subito ad alzare la bandiera di battaglia, invece quando c'è da dare ai lavoratori vi nascondete sempre dietro i costi alti del lavoro e delle troppe tutele. La verità è solo unica sig. Melchiorri, che l'Italia, purtroppo, ha la classe imprenditoriale più inefficiente, incapace di fare imprenditoria. Sempre in cerca di assistenzialismo statale, sempre in cerca di privilegi e sgravi a discapito dei lavoratori. Ogni cosa che tocca i vostri "diritti economici" vi fa dire che le leggi sono sbagliate, quel poco che è vantaggio degli operai per voi è solo un privilegio che rischia di mettere a repentaglio i posti di lavoro. Siete voi il vero male di questa nazione che ha già di suo caro Melchiorri, unitamente ai sindacati tutti che definire inutili è poco. La gente non ne può più delle vostre angherie e dei vostri privilegi. Meno ville al mare, meno motoscafi, meno Ferrari e Lamborghini e più vita sobria da uomini normali e non da divi del mondo dello spettacolo. E soprattutto più intelligenza nel reinvestire nelle aziende con piani imprenditoriali certi ed a lungo termine e con la capacità di capire dove va il mercato. Tutto il resto è semplicemente la solita foglia di fico che vi fa dire che lo Stato non vi aiuta per poi essere i primi, la stragrande maggioranza ad evadere le tasse. Insomma sembrate più imprenditori della domenica che serie persone a cui affidare credibiità.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications