Attualità
Fusione Porto Sant'Elpidio-Sant'Elpidio a Mare? La Cgil: "Meglio proseguire sulla strada delle aggregazioni attraverso altri accorpamenti di uffici"

L'argomento delle fusioni, o comunque di più sviluppate forme di collaborazione tra Comuni anche importanti della nostra Provincia, torna ad intermittenza al centro del dibattito locale. In questo periodo se ne parla in particolar modo riguardo Porto Sant'Elpidio e Sant'Elpidio a Mare, soprattutto dopo la rielezione di Franchellucci e le aperture quanto meno ad affrontare il discorso da parte sua e del collega Alessio Terrenzi. Sull'argomento è voluta intervenire anche la Cgil Fermo, nella persona del suo segretario provinciale Maurizio Di Cosmo.

Fusione Porto Sant'Elpidio-Sant'Elpidio a Mare? La Cgil:
Il segretario della Cgil Fermo Maurizio Di Cosmo

"Fa bene il sindaco Terrenzi a risollevare il dibattito sulla fusione tra i due comuni. Per continuare e andare avanti in maniera concreta in vista di qualche risultato, bisogna chiarire quali sono gli obiettivi e le strategie da adottare - spiega il segretario Di Cosmo -. Il sindacato, anche in virtù del blocco assunzioni, dei tagli ai trasferimenti di risorse da parte dello Stato centrale e della crisi economico-produttiva in corso, ha da sempre indicato la strada della razionalizzazione e della riorganizzazione degli uffici con l’obiettivo di qualificare e potenziare i servizi alla cittadinanza".


"Qualche passo avanti è stato fatto realizzando con accordo sindacale l’ufficio Comune, anche con Monte Urano, per i servizi sociali - prosegue il segretario provinciale della Cgil -. Dopodiché tutto si è fermato nonostante la reiterazione delle nostre proposte. Ora, parlare di Unione comunale a me sembra troppo ardito e non abbastanza persuasivo circa i benefici (considerato il territorio, avere due sindaci è meglio o no che averne uno solo?). Se pensiamo a quanto è successo e sta succedendo nelle aree terremotate, l’esistenza dei sindaci dei piccoli e piccolissimi comuni ha consentito di dare voce a popolazioni che altrimenti sarebbero rimaste apparentemente silenziose. Inoltre, è giusto o sbagliato ridurre gli Enti istituzionali di partecipazione e decisione democratica?
Tuttavia, al di là di queste considerazioni che meriterebbero una approfondita riflessione, porre il tema dell’”Unione” rischia di costruire fronti di opinione contrari (identità, campanilismi, ecc.) e rivelarsi un obiettivo troppo arduo da raggiungere".

 

"Meglio quindi proseguire sulla strada proposta dal sindacato - continua Di Cosmo - e cioè quella delle aggregazioni attraverso ulteriori accorpamenti di uffici comunali (Anagrafe, Bilancio, Polizia Municipale, ecc.) e avviare finalmente una forte cooperazione sulla programmazione urbanistica, infrastrutture, politiche dei servizi (Commercio-Turismo, Servizi a imprese a famiglie), rifiuti, trasporti, sviluppo economico, tutela del territorio. L’avvio eventuale di tale processo non peccherebbe di nessuna pretenziosità e troverebbe maggiori consensi.
Da anni chiediamo che il riordino e la riorganizzazione delle istituzioni, anche locali, debbano realizzarsi per perseguire gli obiettivi di migliorare i servizi ai cittadini, perseguire la qualità e la valorizzazione delle professionalità del lavoro, aumentare l'efficienza della Pubblica Amministrazione e il grado di partecipazione democratica dei cittadini. Tutto ciò non è affatto estraneo nel favorire l’uscita del Fermano dalla crisi e avviare di nuovo la sua crescita sociale ed economica".

Letture:1859
Data pubblicazione : 21/08/2018 17:08
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications