Attualità
20 milioni di euro per l'estensione della superficie irrigua del Fiume Musone: coinvolte 140 aziende agricole

Il progetto per l'estensione dell'impianto irriguo del Fiume Musone è ai nastri di partenza con una dote di 20 milioni di euro. I vantaggi economici e ambientali, oltre ai dettagli dell'iniziativa, sono stati presentati oggi durante una conferenza stampa nella sede della Regione ad Ancona.

20 milioni di euro per l'estensione della superficie irrigua del Fiume Musone: coinvolte 140 aziende agricole

Hanno preso parte all'incontro il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il presidente del Consorzio di Bonifica delle Marche Claudio Netti, il presidente Anbi Marche, Michele Maiani e il delegato nazionale Anbi Marco Bottino. Gli elementi tecnici del progetto sono stati approfonditi dal progettista del Consorzio di Bonifica delle Marche Cristiano Aliberti.

 

"La scelta  - ha detto il presidente della Regione Ceriscioli - di un unico Consorzio Bonifica delle Marche e il fatto che la Regione ci abbia creduto, soprattutto come braccio operativo delle iniziative per la difesa del suolo e il rilancio di agricoltura, sta dando frutti straordinari. Una grande capacità operativa di trasformare quelle che sono risorse, in realizzazioni. Il progetto che si presenta oggi coinvolge 140 aziende lungo la valle del Musone e sono convinto che in un tempo ragionevole diventerà un'opera a servizio dell'agricoltura e un' opportunità di crescita economica. E' l'ennesima dimostrazione di un territorio sempre più gestito e penso che questo sia l'obiettivo di tutti. Le cronache nazionali questi giorni mostrano i danni che fa il maltempo, ma spesso la vera causa è la mancata manutenzione del territorio. Questo braccio operativo è quindi una grande risorsa che vogliamo mettere in campo sempre più e i 20 milioni impiegati per questo progetto si affiancano a tante altre risorse che grazie al connubio Regione Consorzio si tradurranno in più sicurezza per i marchigiani e opportunità di crescita economica per l'agricoltura".

 

"Si tratta di un'opera importante che sarà conclusa nel biennio 2019 2020 – ha proseguito il presidente del Consorzio di bonifica Netti -. Non è un semplice progetto di irrigazione. Si passerà dal prelievo in falda a quello di acqua "perduta", che se non fosse trattenuta dalla diga di Cingoli si perderebbe in mare. Questo già definisce il vantaggio enorme in termini ambientali del progetto. Sarà usata acqua a scorrimento (a caduta dalla diga di Cingoli) e questo diventerà il sistema di irrigazione di maggiore interesse nelle Marche, perché avviene senza il consumo di un chilowatt, in quanto è a caduta. Il lago di Cingoli, già grande oasi naturalistica, diventa sempre più strategico. E' un cambiamento epocale per 140 aziende agricole. Noi con questo progetto riusciremo a contenere i costi ambientali e faremo salire in modo esponenziale il reddito agricolo lordo, in quanto un terreno è assistito da irrigazione diventa molto più produttivo. Molte aziende di giovani agricoltori troveranno con questo sistema un incentivo e un'opportunità. Quindi c'è il rilancio di un'economia sostenibile. Sono molto grato come Consorzio di Bonifica al presidente Ceriscioli che ha risolto molti ritardi".

 

Il Consorzio ha programmato fino ad ora 102 milioni di investimenti: 20 milioni di interventi sul Foglia, 35 sul Musone, 12 sul Tronto, altri 15 sul Tenna e 7 sull'Aso. Di questi, 82 milioni sono già finanziati e gli altri 20 in corso di approvazione.

 

Per quanto riguarda invece il progetto presentato oggi, il Ministero delle Politiche agricole dopo oltre un anno di verifiche e selezioni, ha riconosciuto l'importanza e il valore dell'opera che porta la nuova superficie irrigua lorda a 1.900 ettari, compresi nei Comuni di Cingoli e Montefano in provincia di Macerata e Filottrano, in provincia di Ancona. L'importo complessivo del finanziamento è pari a 20 milioni di euro e la durata dei lavori è stimata in due anni. Opere che partiranno a maggio 2019 e prevedono la realizzazione di un serbatoio di compenso, cioè un laghetto, in località San Faustino di Cingoli e una rete di distribuzione con condotte in pressione per oltre 45 Km, con 15 Km in acciaio di grande diametro e 30 Km in pvc di piccolo e medio diametro. Saranno servite oltre 140 ditte.  L'opera risponde ai moderni standard richiesti e consente di ottenere molti vantaggi. Tra questi l'ottimizzazione della risorsa idrica con condotte in pressione, sistemi di telecontrollo per il monitoraggio delle portate, salvaguardia ambientale per la ricarica idrogeologica degli acquiferi e un'elevata qualità delle acque invasate ed utilizzate per l'irrigazione. In conclusione i benefici che si otterranno dalla realizzazione del progetto, oltre che per gli agricoltori in termini di produzione, ricadranno anche sull'ambiente, in quanto consentiranno la tutela della risorsa idrica.

 

Le prime versioni del progetto esecutivo risalgono agli anni 2007 e 2008 ma sono state accantonate per mancanza di finanziamenti. Successivamente è stato redatto un aggiornamento del progetto nel 2016 e nel 2017 per intercettare i fondi del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 sulle infrastrutture irrigue. Il progetto è stato trasmesso ai Comuni interessati ed alla Regione Marche che ha effettuato la procedura di screening con esclusione dalla VIA (valutazione di impatto ambientale). Il progetto è stato quindi trasmesso al Provveditorato OO.PP. (Ministero delle Infrastrutture) per l'approvazione in linea tecnica ed al Ministero delle Politiche Agricole per il finanziamento che lo ha ritenuto meritevole di approvazione.

 

 

ProgImpIrriguoFiumeMusone_04

Letture:762
Data pubblicazione : 31/10/2018 14:52
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications