Attualità
Multe stradali. Andrea Agostini contro Provincia e Comuni del Fermano, pronta una class action per il rimborso delle spese di notifica: è il primo caso in Italia

"I “consumatori della strada” con i loro veicoli devono circolare rispettando il codice stradale.
Accade però sempre più spesso di verificare come nella pratica il rispetto dovuto a norme necessarie alla tutela dell’incolumità di ciascuno venga piegato ad altri fini, quali il ripianamento di conti pubblici o l’arricchimento di privati, chiamati dalla Pubblica Amministrazione a gestire la rilevazione delle violazioni, dalle operazioni di accertamento, alla verbalizzazione, fino alla notificazione dei verbali di contestazione.
Quest’ultimo punto è quello oggi di interesse". Comincia così la nota dell'avvocato Andrea Agostini, ex sindaco e attuale consigliere comunale di Porto San Giorgio, che nelle sue vesti professionali si è occupato anche recentemente di questi argomenti, dagli autovelox sulla Mezzina ai T-Red della stessa Porto San Giorgio.

Multe stradali. Andrea Agostini contro Provincia e Comuni del Fermano, pronta una class action per il rimborso delle spese di notifica: è il primo caso in Italia

"Dal 1 febbraio 2018 le multe stradali vanno notificate via Posta Elettronica Certificata a tutti coloro che per legge sono tenuti ad avere una PEC, ossia tipicamente i professionisti iscritti in albi e le società e le ditte individuali tenute all’iscrizione nel registro delle imprese.
Ciononostante le multe stradali continuano ancora ad essere notificate con le tradizionali modalità cartacee della raccomandata a/r in busta verde - spiega Agostini -. A nostro avviso, che in un contenzioso contro la Provincia di Fermo ha ottenuto il conforto della sentenza del Giudice di Pace di Fermo, 30-06-2018 n.261, “devono essere annullati i verbali per l’infrazione di eccesso di velocità nella circolazione stradale laddove la notificazione avvenuta nella vigenza del dm 18 dicembre 2017 destinata a una società non è avvenuta per posta elettronica certificata dal momento che le imprese, anche individuali, e i professionisti iscritti in ordini o collegi, hanno l’obbligo di creare un indirizzo Pec proprio e comunicarlo al registro delle imprese o agli Ordini/Collegi di appartenenza”.


"Nello stesso senso il convincimento del Comune di Porto San Giorgio, il quale, dopo che avevamo eccepito, sempre innanzi al Giudice di Pace di Fermo, r.g.n.4247/18, l’annullabilità della notifica cartacea di una multa stradale ad una ditta, il mese scorso in autotutela ha provveduto a nuova notifica via PEC del verbale di contestazione, intimando il solo pagamento della sanzione, senza aggravio di spese di notificazione - si legge ancora nella nota -. A non volere comunque ritenere annullabile il verbale notificato con modalità cartacee, invece che a mezzo posta elettronica certificata, è comunque lo stesso Ministero dell’Interno a ritenere non dovute le spese di notificazione.
Al contrario, invece, dal 1 febbraio 2018 le spese di notificazione continuano ad essere addebitate a professionisti e imprese.
Chi ha pagato può quindi chiedere e ottenere la restituzione delle spese corrisposte per notifica.
Di quanto si tratta? Pure che a parità di servizio, dipende".


"Ad esempio il Comune di Porto San Giorgio chiede poco più di 10 euro, ma la Provincia di Fermo ne chiede più di 20, se non addirittura oltre i 40 euro - chiarisce Agostini -. Siamo in presenza di un’attività di lucro in danno del cittadino utente della strada preso a bancomat da chi, pubblico e privato, chiede e trattiene somme non dovute.
Ognuno può agire di suo – anche senza legale – al recupero di tali somme, ma la mancanza di conoscenze tecniche o di tempo o di disponibilità economiche, rende difficile raggiungere il riconoscimento delle proprie ragioni.
Pertanto abbiamo deciso di assecondare la richiesta di diversi nostri assistiti e dare vita, con adesioni entro e non oltre giovedì 20 dicembre 2018, ad un’azione collettiva cumulativa, la prima in Italia, di tutti coloro, professionisti e ditte, residenti o aventi sede legale nei comuni della Provincia di Fermo, che intendano recuperare dalla Provincia o dal singolo comune del Fermano il malversato".

Letture:757
Data pubblicazione : 10/12/2018 15:11
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications