Attualità
Nuovi impianti vitivinicoli 2019, priorità alle associazioni sociali che hanno ricevuto terreni confiscati alla criminalità. Casini: "Incentiviamo l'uso collettivo dei beni sottratti alla mafia"

Le associazioni sociali, senza scopo di lucro, che hanno ricevuto terreni confiscati alla criminalità, avranno precedenza nell'assegnazione dei nuovi impianti vitivinicoli. Un altro parametro privilegia gli investimenti nei terreni con maggiore permeabilità, dove l'antico vitigno Pecorino dimostra particolare adattabilità. Lo prevede una delibera della Regione Marche che individua i criteri per il rilascio delle autorizzazioni 2019. 

Nuovi impianti vitivinicoli 2019, priorità alle associazioni sociali che hanno ricevuto terreni confiscati alla criminalità. Casini:

"Incentiviamo l'uso sociale dei beni acquisiti dalla criminalità, mafiosa e terroristica, mettendo a reddito, in questo caso, terreni che sono il frutto di attività illecite - evidenzia la vicepresidente Anna Casini, assessore all'Agricoltura –. Aiutiamo le associazioni beneficiarie a rafforzare la presenza sul territorio, garantendo prospettive economiche alle loro finalità".

Nell'anno corrente le Marche potranno impiantare 173 ettari di nuovi vigneti, pari all'un per cento della superficie vitata regionale (17.331 ettari). Le deroghe sono disciplinate dall'Unione europea che, dal 2016, gestisce il potenziale vitivinicolo attraverso il regime delle autorizzazioni, concesse per l'un per cento (6.602 ettari) della superficie vitata nazionale. Nelle Marche le disposizioni sono state condivise con i rappresentanti della filiera vitivinicola regionale. Prevedono un limite massimo di superficie richiedibile pari a dieci ettari, che potrà essere ridotto per soddisfare tutte le richieste che perverranno.

Letture:637
Data pubblicazione : 28/01/2019 11:12
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications