Attualità
"No al muro, si al mare". Da Falconara il Comitato replica ad Agostini sulle barriere antirumore: "Non siamo contrari all'alta velocità"

La scorsa domenica, sulle pagine di Informazione.tv, abbiamo ospitato l'intervento dell'Avvocato Andrea Agostini che, per la rubrica "Dalla parte giusta", si è occupato di barriere antirumore ferroviario.

Oggi, alle dichiarazioni di Agostini ribatte Paolo Baldelli, rappresentante del Comitato "No al muro, sì al mare". "Non possiamo condividere il parere di Agostini, - dichiara - il Comitato non si è mai espresso contro l'alta velocità".

Il Comitato cittadino "No al muro, Sì al mare" è nato con l'intento di fermare un progetto che, a nostro parere, condiviso da ormai più di 6000 cittadini che vivono questo territorio, devasterebbe la costa nord anconetana per l'impatto creato dalle barriere fonoassorbenti in termini di inquinamento, qualità della vita e di deturpazione del paesaggio. Inoltre, il progetto così confezionato, per paradosso, peggiorerebbe l'impatto acustico: RFI non tiene, infatti, in considerazione l'introduzione di rumore nell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno tale da provocare fastidio o disturbo derivante dall'opera per il rimbalzo rumoroso del traffico veicolare sulla Flaminia verso i riceventi, ovvero i
cittadini residenti.
Come giustamente sottolineato dall'avvocato Agostini sull’articolo apparso nel sito di informazione.tv, RFI ha 3 modalità di intervento:
• il rinnovo del materiale in uso, ovvero binari e treni moderni. Si ridurrebbe fortemente il
rumore prodotto;
• miglioramento della capacità acustica degli edifici prospicenti la ferrovia, ovvero sostituzione
degli infissi e interventi sul cappotto degli edifici;
• le barriere, soprattutto quando si parla di un progetto che si colloca in un centro urbano
densamente abitato. La segregazione in Italia è bandita, perchè RFI ci condanna senza neanche
tentare altre strade?

Come Comitato non possiamo, invece, condividere il parere dell'avvocato Agostini che, nell’articolo sopracitato, definisce il lavoro dei comitati contrario a un progetto di valore nazionale come è l'alta velocità e ritiene, quindi, la nostra protesta non rispettosa delle necessità nazionali.
Su questo punto vogliamo fortemente sottolineare che il nostro Comitato non si è mai espresso contro l'alta velocità, che, nel tratto Falconara – Ancona, sarebbe impedita non solo dai binari stessi non idonei a questo tipo di tecnologia, ma anche dalla conformazione stessa del tratto ferroviario in questione.
Siamo certamente favorevoli all'arretramento della ferrovia, così da liberare il litorale da un pesante carico veicolare e permettere un suo nuovo sviluppo turistico e residenziale, consci che anche per RFI e la Regione intera sarebbe la soluzione migliore per creare il massimo sviluppo del territorio.
La protesta del Comitato è rivolta contro una inutile segregazione di una città e dei suoi abitanti, soprattutto considerando che Falconara è già pesantemente “martoriata”; inoltre tale opera non porterebbe alcun giovamento al progetto "Alta Velocità".

 

Paolo Baldelli
Comitato "No al muro, sì al mare"

Letture:1252
Data pubblicazione : 30/01/2019 09:51
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications