Attualità
Porto Sant'Elpidio. Dieci giorni di ritardo per la posta e Balestrieri scrive al Ministero: "Basta ai disservizi continui"

"Tanti appelli lanciati, mozioni in consiglio regionale, interrogazioni in consiglio regionale mobilitazione ovunque, promesse da tutte le parti politiche, ma a distanza di quasi cinque mesi la situazione della consegna della posta nel territorio fermano non sembra per nulla migliorare", dichiara Andrea Balestrieri, Fratelli d'Italia.

Porto Sant'Elpidio. Dieci giorni di ritardo per la posta e Balestrieri scrive al Ministero:
Da Porto Sant'Elpidio era stato lui più volte in passato a sollevare la questione che va ben oltre i confini cittadini. Una situazione che, come sottolinea lo stesso Balestrieri, "a detta di alcuni è peggiorata".
"A Porto Sant'Elpidio in alcune zone della città, la posta arriva anche dopo dieci giorni dalla scadenza, con un aggravio di spese e interessi totalmente a carico dell'utente finale. Si è arrivati a questo in quasi tutta Italia. Causa di tutto cio - ricorda il portavoce provinciale di Fratelli d'Italia - è l'accorpamento degli uffici e la riduzione del personale voluta da Poste italiane. Ho cercato sempre di tenere in questi mesi monitorata la situazione, ma è ora che, dopo tutto questo tempo, Poste Italiane si assuma le proprie responsabilità davanti ai tanti utenti e che rimborsi chi ha dovuto ingiustamente pagare delle sanzioni per colpe non attribuibili a loro".
Balestrieri è però determinato ad andare fino in fondo: "Oltre ad informare la collettività, scriverò direttamente al Ministero dello Sviluppo Economico per sapere perché si è arrivati a tutto ciò e mi rivolgerò all'associazione dei consumatori affinché una volta per tutte si metta fine a questi disservizi continui. Oltre ad ascoltare le tante lamentele dei cittadini, esprimo solidarietà a tutti quei portalettere che sono costretti a fare dei mega turni per supportare i tagli che Poste ha deciso di fare, facendoli lavorare in condizioni organizzative che lasciano a desiderare".
 
Di seguito il testo integrale della lettera indirizzata al Ministero a frirma di Balestrieri

Gentile Ministro,
con grande rammarico, voglio informare Lei e i competenti servizi del Ministero ed i Dipartimenti che i servizi dei recapiti postali erogati ai cittadini della provincia Fermana ed in particolare al Comune di Porto Sant’ Elpidio non possono essere considerati adeguati e soddisfacenti.
Questa nuova nota, segue le precedenti ripetute segnalazioni indirizzate sia all’attenzione degli organi di stampa, sia al consiglio comunale della città di Porto Sant’ Elpidio e all’ attenzione del Consiglio Regionale delle Marche, nonchè ad una lettera indirizzata a Sua Eccellenza il Prefetto di Fermo, perché venissero individuate strategie di gestione idonee a risolvere i disservizi tante volte lamentati dai cittadini elpidiensi.
Segnalo infatti che numerosi e ripetuti sono gli episodi e le segnalazioni da parte dei cittadini di disservizi rispetto al recapito della corrispondenza su gran parte del territorio; è ora che si mettano in campo decisioni risolutive atte a garantire un’efficiente e puntuale erogazione dei servizi postali sul nostro territorio.
Particolarmente colpita come detto sopra, la città di Porto Sant’Elpidio dal mese di settembre in poi; l’amministrazione comunale ha incontrato i vertici di Poste Italiane e tutte le parti politiche si sono adoperate affinché’ la situazione cambiasse. Non si possono vedere applicate more per il mancato pagamento di una bolletta causato da gravi ritardi nella consegna della posta, unicamente addebitabili ai disservizi di Poste Italiane.
Dobbiamo prendere atto Ministro Di Maio, che la situazione è decisamente pesante per i cittadini.
Non è sostenibile, in un periodo di forte crisi economica, che le bollette delle utenze siano recapitate con ritardi tali da non consentire di adempiere ai versamenti entro le scadenze fissate, mettendo a rischio di sospensione delle erogazioni o quanto meno all’aggiunta di more, con aggravi economici non facilmente tollerabili e direi anche ingiusti.
Rinnovo, pertanto, l’invito a tutti i soggetti competenti ad attivarsi immediatamente per il ripristino della regolarità del servizio sulle aree sopra esposte.
Grazie per tutta l’attenzione che vorrà dedicare a quanto sopra esposto.
Cordialità
BALESTRIERI ANDREA
Portavoce Provinciale Fratelli d’ Italia Fermo

Letture:1221
Data pubblicazione : 05/02/2019 09:40
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications