Attualità
Guardie zoofile trasformate in "nuova Polizia" per il controllo dei rifiuti, Zacheo all'attacco di Calcinaro: "Imbarazzanti scene di degrado politico-amministrativo"

"Ritorniamo sulla questione delle guardie zoofile, trasformate illegittimamente dalla giunta Calcinaro a nuova polizia per il controllo dei rifiuti. La questione sta avendo conseguenze sempre più significative. Intanto, è indubbiamente significativa l’incapacità di risposta dello stesso Calcinaro, il quale, nonostante il lungo tempo trascorso, non ha trovato modo di rispondere alla nostra interrogazione. Speriamo che qualcuno prima o poi lo faccia, considerando la gravità di quello che sta accadendo in conseguenza di queste scellerate iniziative amministrative". Non usa come d'abitudine giri di parole Pasquale Zacheo, consigliere di minoranza dell'assie fermana, per tornare ad attaccare il sindaco Paolo Calcinaro e la maggioranza: oggetto del contendere la questione delle guardie zoofile.

Guardie zoofile trasformate in

"Iniziative che riguardano direttamente i singoli cittadini, sanzionati sulla base di accertamenti operati da privati cittadini anziché da pubblici ufficiali, e finanche la sicurezza degli stessi volontari preposti a controllare i rifiuti - prosegue Zacheo -. Queste persone sono esposte ad elevati livelli di rischio. Rovistano tra i rifiuti, munite dei soli guanti in lattice e indossando i semplici vestiti di tutti i giorni, una condizione chiaramente inidonea a proteggere dal contatto con sostanze pericolose. Nessuno sembra preoccuparsi del rischio di puntura con siringhe o aghi infetti, né del pericolo di contaminazione attraverso l’abbigliamento non adeguato, non solo delle persone, ma anche dei luoghi frequentati dagli stessi operatori dopo il contatto con i rifiuti. Il rischio è dunque elevatissimo, tanto per la salute e la sicurezza delle persone, quanto per le casse del comune qualora qualcuno dovesse farsi seriamente male".


"E’ imbarazzante per una città, peraltro capoluogo di provincia, assistere a queste quotidiane scene di degrado amministrativo e politico - attacca l'ex candidato sindaco -. Non è tollerabile che l’incompetenza e la sciatteria possano compromettere la vita e la sicurezza delle persone. E questo, quindi, prima ancora del particolare servizio pubblico che, come evidenziato nel nostro precedente intervento, competerebbe esclusivamente alla Polizia Municipale, dotata peraltro di ben due unità operative specificatamente preposte. Nella nostra interrogazione abbiamo anche chiesto al sindaco di farci sapere se sono mai intervenuti gli stessi agenti della Polizia Municipale. Ma soprattutto attendiamo una risposta sui dispositivi di protezione per la prevenzione degli infortuni, che appaiono quantomeno inadeguati. Ci si chiede con quali conoscenze e quale formazione queste guardie zoofile volontarie possano controllare i rifiuti. A nostro avviso, risulta comunque quanto mai doveroso e urgente l’intervento degli organi di vigilanza".


"Invece, tornando sulla questione delle multe, ribadiamo l’illegittimità delle stesse in quanto conseguenza di attività accertativa di semplici cittadini e non di pubblici ufficiali - si legge ancora nella nota -. Ma ciò che caratterizza questa situazione sono senz’altro i clamorosi paradossi connessi alle sanzioni, con casi davvero emblematici. Infatti, un cittadino, domiciliato in un'altra città, sarebbe stato sanzionato perché il padre novantenne aveva infilato nel sacchetto una carta che recava il suo nome, mentre un altro sarebbe stato invece sanzionato perché la moglie, rigida sostenitrice della differenziata, aveva consapevolmente inserito fra i rifiuti indifferenziati una ricevuta unta e sporca, come illustrato dal servizio di raccolta. Il paradosso però si acuisce se posto in relazione a ciò che avviene coi famosi Ecopoint di Lido Tre Archi voluti da Calcinaro. Si tratta di postazioni costate ben 350 mila euro, a cui devono sommarsi le centinaia di migliaia di euro spese per le inutili, in quanto evidentemente mal utilizzate, telecamere che puntano sugli stessi siti e sulle vie limitrofe. Gli Ecopoint dovevano servire a tenere pulita la zona e consentire l’agevole differenziata ai residenti muniti di apposita tessera. Purtroppo, nessuno è riuscito a far comprendere a Calcinaro ed alla sua giunta che, in quel quartiere, le presenze irregolari e non censite sono di gran lunga superiori a quelle regolari.  Le annunciate pulizie serali degli Ecopoint sono avvenute solo per pochi giorni: ora rimane lo scempio dell’abbandono e dell’accumulo incontrollato dei rifiuti. E le tante telecamere istallate in quella zona e sugli stessi Ecopoint perché non controllano? Dove sono gli organi comunali di controllo? Non vorremmo pensare che è forse comodo sanzionare i soli indifesi cittadini".

Letture:1363
Data pubblicazione : 15/02/2019 17:55
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Federico

    17-02-2019 11:24 - #2
    Zacheo ha fatto centro!!!! Asite e solgas due baracconi paracomunali imbottita di oziosi e parassiti!!!! Specialmente in solgas!!!! Io li vedo a Santa Caterina....brutti oziosi....x un caffè impiegano un ora a danno dei contribuenti!!!! Assunzioni solo perché hanno la tessera del PD specialmente in solgas!!! Asite poi....meglio non parlarne!!! Nei loro uffici c é un ingorgo quotidiano di gente che non fa niente!!! Andate a vedere!!!! E non dico altro......mangia pane a tradimento!!!! La gente deve sapere....dite tutto!!!!poi le guardie zoofile volontarie come gli ecovolontari senza percepire nulla....a nero....senza un assicurazione contro gli infortuni e una tutela economica....x forza!!!! Sennò come fanno loro a non fare un .....?????
  • gigio de soraca

    15-02-2019 20:11 - #1
    Con questa opposizione Calcinaro governa Fermo a vita come Agnozzi....!!!! Che tristezza.... Chiamemo li sceriffi pe controllà li rifiuti, ance se da le foto me pare che chi controlla nonme pare che se sporca le ma...casomai lu poru operaju de 'Asite che sta con la scopa su le ma....nooo Zachè.... E su fa lu vonu....ma tu te sci n'formatu se se guardie a fa pure lu serviziu in atri cummuni ?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications