Cronaca
Lotti di Casabianca. Arrivano gli avvisi di conclusione delle indagini. Le rivelazioni di Renato Leoni del PD: “Il tentativo di imbavagliarmi sarà destinato a rimanere disatteso"

Tornano a riaccendersi i riflettori sulla vicenda dei lotti di Casabianca. Sono otto in tutto gli indagati. Sono stati recapitati ieri gli avvisi di conclusione delle indagini. Atti che portano la firma del Procuratore della Repubblica Domenico Seccia. I due nuovi nomi che figurano nell'elenco, oltre a quelli già usciti in passato, sono quelli dell'esponente PD Renato Leoni e di Mauro Donzelli consulente finanziario. Nessun coinvolgimento invece per l'avvocato Demetrio Valentini. Ed è proprio Renato Leoni a sfogarsi con un intervento che lascia tanti interrogativi facendo riferimento a possibili vicende 'oscure' sulla vendita della Solgas, contratti secretati e sul progetto di creazione di una società multiservizi pubblica che avrebbe 'irritato' qualcuno.

Lotti di Casabianca. Arrivano gli avvisi di conclusione delle indagini. Le rivelazioni di Renato Leoni del PD: “Il tentativo di imbavagliarmi sarà destinato a rimanere disatteso

Nomi che vanno ad aggiungersi a quelli di Paolo Rossi ex assessore all’urbanistica della giunta Brambatti, del dirigente del settore urbanistica Gianluca Rongoni, di Pierino Postacchini commercialista, dell’avvocato Maurizio Minnucci, del mediatore sambenedettese Pasquale Ferrari e di Andrea Morroni ex consigliere comunale. Venti giorni è il tempo che gli indagati avranno a disposizione per fare chiarezza. Ed è proprio Renato Leoni, con una nota inviata nella serata di ieri, a rompere il silenzio: “Non mi hanno fermato i passati attentati, non mi fermerà neppure un avviso di conclusione delle indagini in cui mi si contestano fatti a me sconosciuti relativi all’APR 40 nonché ai famosi lotti di Casabianca alle cui trattative non ho mai partecipato né per i pretesi acquirenti, né per gli asseriti venditori, né per i tecnici e per l’amministrazione comunale, avendoli appresa dalla stampa locale”.

Leoni che aggiunge: “Come mai solo dopo avere denunciato condotte dei cc.dd. poteri forti ed occulti, portandoli a conoscenza delle autorità competenti, vengo coinvolto in vicende che potrebbero avere la finalità di compromettere la mia credibilità politica? Da un lato con il denunciato tentativo in atto di danneggiare economicamente la città di Fermo attraverso la privatizzazione di Solgas e la secretazione della transazione che sarebbe avvenuta tra l’Amministrazione Comunale, l’Asite e l’ATI relativa ad una ingente esposizione debitoria di quest’ultima e, dall’altro, la proposta avanzata dall’esponente di costituire una società di multiservizi in mano pubblica e non in mano ai soliti noti, parrebbe avere irritato questi ultimi ed i loro protettori. Il tentativo di imbavagliarmi dopo oltre 45 anni di coerente militanza politica, sarà destinato a rimanere disatteso perché è mia ferma intenzione portare a conoscenza di interlocutori più attenti i malaffari già denunciati a chi oggi sembra più attento ad aspirazioni velleitarie”.

Letture:5248
Data pubblicazione : 12/03/2015 10:07
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
13 commenti presenti
  • luigi

    14-03-2015 21:01 - #13
    Morroni si e' sempre definito l'ultimo baluardo contro l'illegalita' in comune, rossi si e' sempre riempito la bocca con le parole trasparenza, correttezza, la brambatti della trasparenza ha fatto un cavallo di battaglia, zacheo li ha indagati, intercettati e ora si candida, ma fermo e' un paese normale?
  • Alla canna del gas

    13-03-2015 11:57 - #12
    Il PD è alla canna del gas, fallimentare il loro governo della città e le trame che avevano imbastito per candidare Cesetti andate a monte, sono alla canna del gas. La sfiducia da parte dell'elettorato è palpabile, possono inventarsi anche di candidare Renzi, ma non cambierebbe il giudizio negativo. Mettiamoci pure quello che è uscito fuori riportato nell'articolo e capirete perchè sono alla canna del gas.
  • il Partito Democratico è in confusione profonda

    13-03-2015 08:53 - #11
    Leggo con un certo stupore che il Partito Democratico, vista la bufera che l'ha travolto sia per la pessima amministrazione della Brambatti e i casi giudiziari, per rifarsi l'immagine punti a candidare il capitano della locale caserma dei carabinieri Zaccheo ! Questa ipotesi la ritengo assurda, sia per il ruolo che riveste Zaccheo anche nelle vicende giudiziarie, ma soprattutto per l'dea che il Partito Democratico ha della buona amministrazione, che in questo caso ritengo personalmente venga commissariata, una debolezza pittosto che una forza. Prima c'era Cesetti, ora volato via per le regionali, poi il vuoto, ora Zaccheo, è questa la politica del PD? A voler essere cattivi è evidente una resa del partito, che non trova al suo interno un candidato credibile e spendibile, di conseguenza rincorre altre vie per accreditarsi, ma in maniera sbagliata.
  • Costituzionalisti ad intermittenza ?????

    12-03-2015 18:52 - #10
    Allo scrittore del post #4 vorrei ricordare che anni fa il PDS, così si chiamava allora, è cambiato il nome ma le persone sono le stesse, fece sciogliere il consiglio comunale, era il 1993, perché alcuni ex sindaci, assessori e consiglieri erano stati raggiunti da avvisi di garanzia che al termine di inchieste e processi furono tutti assolti nella stragrande maggioranza dei casi perché il fatto non sussisteva, e il PDS affermava che sugli amministratori non dovesse gravare il benché minimo sospetto. Oggi è bene ricordare che l'amministrazione Brambatti e i suoi assessori, anche se non tutti, sono indagati per reati non lievi, e quindi che non stessero a sostenere la presunzione di innocenza, aspettassero i processi, se ci saranno e poi parlassero, fermo restando che il giudizio morale e politico sulla giunta brambatti resta quello che è: la peggiore amministrazione dal dopoguerra e il PD è il massimo responsabile.
  • Bagalini non parli ? dove sei stato 4 anni?

    12-03-2015 18:14 - #9
    Bagalini segretario del PD dove è stato per 4 anni ? Poi vorrei sapere dove stava la sindaca Brambatti, ma non era lei il sindaco di Fermo o ho sbagliato a capire e ricordare? Alle comunali non vi dovreste nemmeno presentare.
  • mendicante giudice supremo ha emesso la sentenza

    12-03-2015 17:49 - #8
    ...ma Morroni indagato veniva da rifondazione. e Rossi se non erro fu espressione della federazione della sinistra.. ma nzomma sto mendicante prima di fare il giudice magari ricordi che la Brambatti è stata proposta come sindaco anche da rifondazione.. nzomma..!!
  • MAI PIU' IL PD A FERMO ... SONO UNA LOBBY DI POTERE!

    12-03-2015 16:29 - #7
    Controllano comune e provincia coi loro iscritti in ogni dove e non fano assolutamente il bene comune. Questo è l'ennesimo episodio. A questo partito non si può far governare nemmeno un pollaio. Votiamo chiunque ma mai più chi si presenta sotto la lista del Pd. Eros
  • Giotto da Montone

    12-03-2015 16:08 - #6
    Allora stando a quanto riferito dal sig. Leoni esisterebbe un complotto dei poteri no forti ma deboli, debolissimi, visto come è andato a finire il tutto? Mhaaa!!!! Ho la vaga impressione o meglio sensazione che per giocare allo statista qualcuno abbia perso la testa. Per carità tutto da dimostrare, le responsabilità sono personali, ma la gravità delle accuse lasciano esterrefatti. E' possibile che si è arrivati a tanto? E' possibile che uomini della maggioranza ed opposizione non si siano sentiti in dovere di chiedere chiarimenti giustificando tutti e tutto ? Per paura o per coprire cosa? Fatti e situazioni della passata e presente amministrazione o semplicemente per superficialita', incompetenza o peggio paura.??? Il Sindaco Brambatti e tutto il PD si sono scelti gli uomini da mettere nei posti chiave, assessorati, consigli di amministrazione, presidenze,dirigenza, ecc.ecc. in base a quali valori, capacità, competenze sono stati scelti? Non ritiene la ditta Brambatti e C. di dover chiedere scusa alla città per non aver saputo gestire, anche politicamente e non solo moralmente questa Amministrazione.?? Il buon gusto e la correttezza lo pretendono poi i suoi valori morali, sbandierati anche dopo le dimissioni, li lasciamo al giudizio dei cittadini.
  • mendicante

    12-03-2015 14:23 - #5
    E' coinvolta mezza amministrazione Brambatti a guida PD. Ci stanno dentro fino al collo, altroché. Tutti colpevoli, tutti compromessi.
  • Costituzionalisti ad intermittenza

    12-03-2015 11:54 - #4
    Oh, ricordo a tutti i benpensanti che la Costituzione prevede la presunzione di non colpevolezza fino alla sentenza di condanna definitiva. Finora non c'è stata neanche una condanna. Anzi, neanche un rinvio a giudizio. Ad ogni modo, colpevolizzare un Partito, il PD, perché un solo suo esponente (neanche membro dirigente) sarebbe coinvolto mi sembra strumentale e populista.
  • Luca

    12-03-2015 10:35 - #3
    Dal Carlino sembra che ci siano altre persone coinvolte forse per altre questioni, ma lo scenario è disgustoso. Sull'asite, sempre nell'occho del ciclone mi aspetto delle novità perchè è un pozzo senza fondo dove il comune ha scaricato milioni di euro prelevati con le tasse dalle tasche dei cittadini. Io non li ho mia votati, per mia fortuna perchè altrimenti sarei arrabbiato ancora di più di quello che sono.
  • Mai più il PD

    12-03-2015 10:23 - #2
    Ho creduto nella Brambatti e al PD (..) e ora scopro quello che avveniva in comune da loro amministrato. Non vi voterò mai più, questa è la mia piccola dimostrazione di quello che penso di voi.
  • Signori questa è la sinistra a Fermo

    12-03-2015 10:14 - #1
    La sinistra a Fermo è questa, l'urbanistica in mano loro e questo è il risultato, una porcheria. Ora escono pure la Solgas, l'Asite, il citato da tempo immemore contratto segretato tra l'Asite ed altri. E questa gente vorrebbe ripresentarsi alle elezioni pre governare ancora??????
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications