Cronaca
Sgominata la banda della Twingo Gialla. Denunciati due giovani fermani ed un terzo componente romano. Hanno seminato il panico con scippi e borseggi tra Fermo, Porto San Giorgio e Porto Sant'Elpidio

Tutto è iniziato con una telefonata di denuncia, alle ore 9 di ieri mattina, che segnalava alla sala operativa del Commissariato un furto appena avvenuto a Porto Sant'Elpidio da parte di un giovane che, dopo aver trafugato una borsetta ai danni di una signora che l'aveva appoggiata al tavolo di un bar, si era allontanato con dei complici a bordo di una Renault Twingo gialla. “Le ricerche – spiegano dal Commissariato di Fermo – hanno consentito in breve tempo di rintracciare il mezzo, già segnalato peraltro per altre analoghe situazioni”.

Sgominata la banda della Twingo Gialla. Denunciati due giovani fermani ed un terzo componente romano. Hanno seminato il panico con scippi e borseggi tra Fermo, Porto San Giorgio e Porto Sant'Elpidio

Agenti che hanno identificato i tre occupanti. Tutti risultavano essere giovani dediti all'uso di sostanze stupefacenti con precedenti per reati contro il patrimonio. Tutti e tre sono stati trovati in possesso di somme di denaro non giustificabili. Poliziotti che, all'interno dell'autovettura, hanno notato anche un portafoglio nero da donna.
I tre sono stati accompagnati negli uffici del Commissariato mentre intanto la vittima, nello sporgere denuncia, dichiarava di aver subito il furto subito dopo un prelievo al bancomat, dando quindi conto con esattezza del denaro rubato, corrispondente a quello ritrovato in possesso dei tre giovani controllati.

Considerati gli elementi a carico dei tre e le testimonianze di chi aveva assistito al furto, che hanno consentito agli agenti di ritenere di aver raccolto sufficienti elementi di colpa a carico dei giovani (all'interno dell'autovettura, infatti, sono stati trovati anche il telefono cellulare della vittima ed alcuni pacchetti di sigarette che erano contenuti nella borsetta), gli stessi, M.L. fermano del 1991, L.S. trentaseienne anche lui di Fermo e C.M. , trentottenne di Roma ma da anni residente a Fermo, sono stati denunciati per furto in concorso. Uno dei tre ha anche collaborato con i poliziotti consentendo di rinvenire la borsa della signora, abbandonata durante la fuga verso Civitanova Marche.

Ulteriori indizi emersi nel corso dell'attività di ricostruzione dei fatti inducono inoltre a credere fondata l'ipotesi della responsabilità, in capo almeno ad uno dei tre, di altri scippi e borseggi avvenuti nelle ultime settimane nella zona di Fermo e Porto San Giorgio. Gli elementi sono al vaglio dell'autorità giudiziaria.

Letture:7911
Data pubblicazione : 17/04/2015 13:11
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
15 commenti presenti
  • fascistello eversivo senza legge

    19-04-2015 19:40 - #15
    chi non rispetta le leggi dello stato e si rifà ad ideologie criminali che in italia hanno alimentato migliaia di morti con le stragi di innocenti cittadini omicidi e vili disumani atti di violenza è solo un fascista e un eversore che fa apologia di crimini di sangue. quelli di casa pound pochi giorni fa hanno lordato le mura cittadine con striscioni in solidarietà a chi ha tentato l'omicidio di un uomo di Cremona: uno dei loro vigliacchi attacchi in branco: 40 contro 8. chiediamo al prefetto che chiuda il loro pericoloso covo che fa apologia del fascismo. se a Fermo ci fosse una sinistra civile lo avrebbe già fatto. ma non esiste. tutti a portare voti ai capetti sinistri locali.
  • marco milozzi

    19-04-2015 00:04 - #14
    Gentile matteo se lei fa del bene a gente bisognosa, tanto di cappello, anche se sono curioso di capire di quale iniziativa lei stia parlando. Ma se lei fa del bene a gente bisognosa non capisco perché debba distinguere tra bisognosi italiani e non. Io e mia moglie ospitiamo da anni ragazzi in affido e non abbiamo mai chiesto il passaporto. Quindi se lei crede che chiunque parli di solidarietà sia un parolaio, dovrebbe prima informarsi. Per quanto riguarda la battuta di trasferirmi nei paesi di provenienza dei disperati, ammetto che non capisco l'ironia, se ce n'è. Saluti
  • Carlo

    18-04-2015 10:24 - #13
    Ospitare italiani sfrattati? pensa che non sia mai stato fatto? Solo che ospiti chi conosci, non gli estranei... esiste lo Stato sociale per gli estranei (gli pagano gli hotel e costano molto di più dei profughi). Comunque un italico mi ha rotto uno specchietto, se ripagano i danni di Campiglione, chiedo pure io i danni!
  • marco milozzi

    18-04-2015 09:45 - #12
    interventi come quello che propone di andare nei paesi in guerra per pareggiare i conti non li considero nemmeno. Sia perché sono insensati e volutamente provocatori, sia perché non sono firmati e infine perché questa storia che chi crede nella solidarietà dovrebbe vivere con gli ultimi mi ha stancato:chi scrive queste cose non sa di cosa parla! Molti amici e compagni (si: compagni, gente che divide il pane), ospitano o hanno ospitato o hanno quotidianamente a che fare con persone svantaggiate, chi per volontariato, chi con professionalità (e la cosa non è meno nobile dell'altra). Non basta mettersi la medaglia dicendo "voi parlate mentre io faccio"! Ma cosa ne sa lei con chi sta parlando!? Ho fatto affidamento per 15 anni con bambini e ragazzi provenienti da famiglie disastrate, italiani e non, mica gli chiedevo il permesso di soggiorno. Odio proporre la mia storia personale come un'autodecorazione ma, che dire?, se i vari matteo hanno un buon esempio da proporre tanto di cappello, ma che bisogno c'è di affermare così fortemente il proprio ego? Forse chi lo scrive pensa di essere l'unico a farla giusta mentre gli altri sono solo parolai. Ma forse si sbaglia e un po' di umiltà gli gioverebbe...
  • Fata Turchina

    18-04-2015 08:03 - #11
    Ah e questi non hanno seminato il panico? Ah vero loro sono fermani e romani.... Adesso andate ancora a fare i ridicoli in giro.... E soprattutto cessa pound non dice nulla? Ahahahahah...ehhh tutti con campiglione...quei poveri residenti come faranno a superare il grande dramma? Ahhahahahah
  • matteo

    18-04-2015 07:48 - #10
    L'esempio e non le parole cambiano il mondo....propongo ai benpensanti moralisti di ospitare nelle proprie dimore i provenienti da zone di guerra diverse dall'italia....io sto facendo la stessa cosa con i provenienti dalle zone di guerra italiane....cittadini con figli senza lavoro sfrattati li considero aventi diritto di essere ospitati in hotel con vitto, alloggio e paghetta giornaliera....invece di assecondare, capire, giustificare, aiutare solo i primi....altra soluzione: lasciate loro i vostri averi per trasferirvi da dove vengono almeno pareggiamo il numero di residenti e ci guadagneremmo di sicuro.
  • marco milozzi

    18-04-2015 07:44 - #9
    Gentile Massimo B. c'è sempre un livello penale e uno sociale davanti a fatti come questo. Il problema però non è semplice ma si può ridurre a due questioni: una penale e una sociale/culturale. Per la prima ci sono le forze dell'ordine e la legge; per la seconda c'è la politica (dovrebbe esserci, ma non c'è spesso) e ci siamo noi cittadini che dobbiamo inquadrare le questioni nei loro contesti e capire cosa accade e perché. Non è accettabile che tolleriamo politici e amministratori pubblici e privati che deturpano il territorio, si arricchiscono a nostre spese, si fanno le leggi ad personam e poi li votiamo anche e li applaudiamo quando passano per strada. O che siamo comprensivi con un povero disgraziato italico perché "siccome c'è la crisi" giustifichiamo tanti comportamenti ingiustificabili e poi ce la prendiamo con un disperato perché è fuori dal suo paese, non ha strumenti e quindi è più indifeso di altri. Costui risponderà davanti alla legge quanto l'italiano con la macchina gialla. Ma che la folla urlante si accanisca su un disperato è inaccettabile umanamente e culturalmente. Poi magari la domenica si va pure a messa... Non ci sto, non mi piace che i ragazzi crescano in un mondo con adulti così beceri; per fortuna in questi giorni ho letto anche interventi di gente equilibrata. Saluti
  • massimo b.

    17-04-2015 21:41 - #8
    Per una volta che sono italiani vi scatenate eh....perché non andate ad abitare a Porto Recanati! Si sta benissimo, sono tutti stranieri, ví troverete benissimo
  • l'oasi della lega

    17-04-2015 19:36 - #7
    la lega è alla rotonda di campiglione, grande sit-in di 3/4 persone
  • francesco

    17-04-2015 18:57 - #6
    Questi avranno pregato prima di rubare? Chissà se oltre ai politicanti anche i cronisti locali,sempre pronti a buttare benzina sul fuoco, sta volta tralasceranno che si tratti di italiani,probabilmente cattolici!
  • mendicante

    17-04-2015 18:29 - #5
    I danni chi li paga?
  • matteo

    17-04-2015 17:18 - #4
    I sinistroidi sono usciti dalla tana !!!!
  • caccia pund lo fa il comunicato al prefetto? ipocriti

    17-04-2015 16:45 - #3
    i razzisti politicanti di serie c lo fanno il sit in? a che ora? questa non è delinquenza? i giornali locali faranno paginate per 5 giorni su questi itagliani delinquenti? a che ora il presidio del fascistume locale? cassa pund che deturpa da anni la città di Fermo e ha fatto spendere alle casse comunali migliaia di euro.. chi paga? volgarità ipocrisia e razzismo delinquenziale lasciano i territori a farsi governare da chi abbruttisce e saccheggia.. ecco cosa sono i politici che non hanno altri argomenti che quelli della xenofobia..
  • Carlo

    17-04-2015 15:54 - #2
    RIMANDATELI A CASA! (è ironia...)
  • dov'è la lega?

    17-04-2015 14:37 - #1
    Chiediamo che la Lega Nord organizzi un sit in! Non se ne può più degli scippatori fermani e romani!!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications