Cronaca
Fermo. Scritta ingiuriosa sul muro di via Leti. Il sindaco fa mettere un cartello prima di cancellarla: "Tra noi fermani si nascondono pochi idioti". GUARDA LE FOTO

In riferimento alla vergognosa scritta apparsa improvvisamente nella tarda serata di ieri (17 febbraio) sul muro della palestra di via Leti ad opera di ignoti, e che testualmente recita “Anna Frank cantastorie”, con accanto il simbolo della svastica, il Sindaco Paolo Calcinaro ha voluto esprimere il suo sdegno, quello dell’Amministrazione Comunale e della Città tutta, oltre che una forte disapprovazione per tale gesto, facendo apporre, prima che la scritta stessa venga cancellata, un cartello con su scritto “Tra noi fermani si nascondono pochi idioti".

Fermo. Scritta ingiuriosa sul muro di via Leti. Il sindaco fa mettere un cartello prima di cancellarla:

Sindaco Calcinaro che già ieri aveva condannato la scritta sulla sua pagina personale Facebook scrivendo: "Certe scene quando le vedi compiute in una palestra comunale della tua Città sembrano far anche più male rispetto ad una foto su un giornale nazionale: non voglio questo degrado...senza se e senza ma..."

Il primo cittadino ha voluto rimarcare il fatto che chi compie un siffatto gesto, oltre che dimostrare inciviltà e ignoranza, si trova in nettissima inferiorità numerica. Altro messaggio lanciato è un biasimo per chi ha visto e non ha fatto nulla o non ha segnalato l’accaduto, rendendosi complice di un atto vile e, appunto, idioti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GUARDA LE FOTO

 

Letture:17601
Data pubblicazione : 18/02/2016 16:56
Scritto da : Paolo Paoletti
Commenti dei lettori
18 commenti presenti
  • Sfroos

    24-02-2016 17:05 - #18
    @giustoprocesso noi ti preghiamo! facci i nomi, dacci qualche indizio! ma per favore...puoi anche fare nomi, cognomi ed indirizzi ma t'andrebbe male comunque, per due motivi. primo ci vorrebbe la flagranza di reato, per fortuna i tribunali del popolo non esistono più, almeno in questo ci siamo evoluti. secondo non ci sono più brigatisti con le palle che, lista di proscrizione alla mano, abbiano il coraggio di andare a pestare qualcuno a forza di Hazet 36...che brutta fine che avete fatto, compagni...tutte chiacchiere e niente chiave inglese...rassegnatevi
  • Geronimo

    22-02-2016 15:45 - #17
    Ao, ma non c'avete niente de meglio a cui pensà? Dal sindaco che fa apporre targhe a mendicante che ci fa la solita filippica su comunismo e anticomunismo ( beato lui)......e basta....cancellate quella scritta e finisce la storia.
  • giustoprocesso

    22-02-2016 06:20 - #16
    Secondo me il Sindaco ha fatto benissimo nel sottolineare pubblicamente la stupiditá della scritta prima di rimuoverla. Avrei aggiunto che si tratta anche, e forse primariamente, di una questione di ignoranza. Ignoranza profindissima. Noto solo che non e' la prima volta che queste scritte appaiono. Viale Trento e i parcheggi sono anni che vengono lordati con scritte pseudo fasciste. E sinceramente si sa anche chi le fa (qui non siamo in un tribunale percio' per favore risparmiatevi richieste di prova oltre ogni ragionevole dubbio!). L'autoritá giudiziaria, magari su denuncia del Sindaco, dovrebbe aprire un'indagine per tentare di identificare i responsabili. Per quanto riguarda la pena, suggerirei al giudice di obbligare il gruppetto revisionista ad uno studio completo della storia del '900.
  • cancellate che è meglio !

    20-02-2016 10:26 - #15
    aggiungere il cartello dell'Amministrazione comunale è ridicolo !!!!
  • come fanno a Roma, Milano, Torino ecc ??

    19-02-2016 20:01 - #14
    sicuramente non come a Fermo; avrebbero pulito e non speso inutilmente soldi pubblici !
  • Giorgese

    19-02-2016 17:41 - #13
    Mendicante delirante. Dove vivi? Chi frequenti? Gira un po' per Fermo, al mattino quando i ragazzi "salano" a scuola, fatti un giro al duomo, al S.Carlo nel tardo pomeriggio, passeggia dopocena per Via del Bastione, Via Graffigna e poi ti rendi conto quale abbruttimento della gioventù incontri. Non hanno colore politico, bestemmiano al passaggio della processione, salutano preti e frati con Allah akbar, sembrano poveracci ma hanno sempre l'ultimo i-phone. Tu parli di legittimazione di questi scempi e che siano una logica conseguenza del "regime" che governa la città, io dopo le tue elucubrazioni mi rallegro di non averti tra i banchi del consiglio della mia città. La solita presupponenza della sinistra radical chic, ormai de mode, sempre più arroccata nella visione del mondo che fu.
  • pulite e multate, molto meglio

    19-02-2016 17:37 - #12
    nella mia città normalmente puliscono e cercano di multare i responsabili !
  • Sfroos

    19-02-2016 16:54 - #11
    ricordo una enorme falce e martello (simbolo di pace, rispetto delle minoranze e democrazia) disegnata a pennello e vernice...insomma, spessa, fatta bene, con il dovuto impegno...davanti al caffè emilio o dalle parti della ex-conceria? buona idea quella delle telecamere, però poi non c'è scusa per far finta di niente...
  • Ma cancellate quella scritta per favore !

    19-02-2016 16:41 - #10
    Prima cancellate la scritta e togliete il cartello e meglio è ! Ce ne sono almeno altre 10 in giro per Fermo!
  • mendicante menti: quando governava la sinistra è venuta forza nuova in una sala comunale

    19-02-2016 16:29 - #9
    Sotto l'amministrazione Brambatti mendicante non ricorda che c'erano lo stesso svastiche sulle scuole ( son ragazzi..) i soliti striscioni di casa pound e che a forza nuova venne data la sala del Caffè Letterario in Piazza del Popolo per un loro incontro che vide il centro di fermo presidiato dalle forze dell'ordine. E la sinistra locale nemmeno una parola: ssscscscscsccssc silenzio tombale.. solo l'ipocrisia è rimasta a questa sinistra
  • mendicante

    19-02-2016 13:31 - #8
    Non c'è niente da fare, nonostante tutto la gente percepiva l'amministrazione Brambatti come un'amministrazione di sinistra (i danni del Berlusconi di turno che vede comunisti dappertutto, pensiero figlio d'un paese fascistoide e intimamente anticomunista, cresciuto a pane e anticomunismo), e per questo una fetta consistente della nostra città non si sentiva legittimata, e comunque le croci celtiche dell'era Di Ruscio non si erano più viste, i marò non furono esposti dai balconi del Comune eccetera. Ora, con un'amministrazione trasversale che ha di fatto rilegittimato le bande nere, una parte della tifoseria e gli ex missini e finiani, come d'incanto ritornano le scritte e gli atti vandalici. D'altronde questa è un'amministrazione Di Ruscio sotto mentite spoglie, e la trasversalità è talmente palese quanto sbandierata. Queste cose le dicevo e scrivevo tempo fa, e questa fu la prima mia critica a questa nuova compagine che si apprestava a candidarsi per le comunali. Certo è che tutto è lineare, tutto riporta, tutto torna. Sempre. Ciclicamente. quella targa è una coda di paglia piuttosto evidente. P.S. Che poi non sono manco tanto nascosti, dato che le cerchie si sanno, si conoscono, e sono pure difese d'ufficio...
  • Antonio

    19-02-2016 13:27 - #7
    Caro sindaco, da dove nasce la sua certezza che sia stato un nostro concittadino?.....quella sua scritta poteva risparmiarsela
  • idiozia aggiunta ad idiozia !!

    19-02-2016 12:57 - #6
    sono decenni che notiamo scritte del genere, cretinate fatte da giovani perlopiù; non credo si possano mettere cartelli in giro per la città che sicuramente non risolvono il problema. Telecamere e multe salate oltre far ripagare le spese per la pulizia dei muri sporcati !! Carlo
  • meglio cancellare, mettere una telecamera e multare!

    19-02-2016 09:25 - #5
    per chi è stato messo il cartello ?? Forse l'autore della cretinata cambierà modus operandi ? il Comune andrà in giro a mettere cartelli come quello su tutti i muri della città? Forse l'istallazione di telecamere e multe salate agli autori o ai genitori degli eventuali ragazzi minorenni sortirebbe maggior effetto! Non credo di ricordare un cartello del genere a Fermo, prima si pulivano i muri imbrattati!!
  • mendicante

    19-02-2016 08:31 - #4
    Il neofascismo torna, si riaffaccia laddove si sdogana il fascismo, nella trasversalità della politica, nella riproposizione di neofascisti, ex missini o ex finiani nella politica stessa, Ciò che stiamo vedendo a Fermo non è un caso: il caso non esiste, c'è sempre un perché...
  • A PENSAR MALE....

    18-02-2016 19:44 - #3
    Appunto, sono doppiamente idioti
  • Carlo

    18-02-2016 18:45 - #2
    Molti ragazzini inneggiamo al duce... (sentiti con le mie orecchie)... l'antifascismo non è più di moda; peccato che l'apologia del fascismo, cosa che sui social è ormai prassi quotidiana, non viene più considerata cosa scandalosa. Questa volta però il sindaco ha fatto bene. Fascismo e Nazismo sono la stessa cosa. PS la svastica era presente anche nella decorazione delle ceramiche greche... ma adesso è un simbolo nazista...
  • Sfroos

    18-02-2016 17:23 - #1
    però chi ha disegnato la svastica è stato acuto...perché quello non è il simbolo nazita, ma quello solare...basta scrivere su google "svastica+buddah"...
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications