Cronaca
Le bombe che fanno paura, quelle che fanno (poco) sorridere e il sipario lacerato di Fermo

Le accuse a Don Vinicio e agli immigrati. E la preferenza per un viaggio in Inghilterra perché in Francia “mettono le bombe”

Le bombe che fanno paura, quelle che fanno (poco) sorridere e il sipario lacerato di Fermo

Le accuse a Don Vinicio Albanesi (“Don Vinicio, sta ota non si fatto li conti giusti. Incula' l'Italia e' na cosa. Incula' li Ferma' e un amico ultras e nnatra cosa. Don Vinicio rubba do poi rubba'”).

 

Foto che deridono la Presidente della Camera Laura Boldrini.

 

La condivisione di link di siti fascisti che si sono schierati “senza se e senza ma al fianco di Amedeo Mancini”, oltre che di video di Matteo Salvini sugli “italiani che vengono prima degli immigrati”.

 

E poi i tanti messaggi per l'amico e fratello Amedeo, in carcere per l'omicidio di Emmanuel Chidi Namdi.

 

Dalla bacheca Facebook di Martino Paniconi, fermato insieme a Marco Bordoni perchè ritenuti gli autori degli attentanti alle chiese di Fermo, emergono elementi che, se da un lato sembrano fare chiarezza su idee ed attitudini, dall'altro gettano ulteriore preoccupazione in una comunità già profondamente segnata.

 

C'è poi, in questa storia complicata anche un'inaspettata vena ironica. Perché dalle intercettazioni risulta che all'ipotesi di andarsene in Francia, uno dei due avrebbe detto all'altro che sarebbe stato meglio scegliere l'Inghilterra. Perchè in terra d'oltralpe, in questo momento, “ci sono quelli che mettono le bombe”.

 

Bombe che, sempre sul profilo di Paniconi, tornano al centro dell'attenzione quando lo stesso fa riferimento all'ISIS: “Mette le Bombe e' come fa na rissa co la lama in mano. Vi sembra di essere grandi, ma siete solo Codardi senza Palle”.

 

Dopo mesi di paura, Fermo non ha sicuramente la forza di sorridere. E le resta soltanto il desiderio che la giustizia faccia il suo corso e che il sipario, lacerato da polemiche e contrapposizioni, scenda definitivamente su bombe e omicidi.

Letture:4824
Data pubblicazione : 20/07/2016 13:08
Scritto da : Andrea Braconi
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • lilli

    20-07-2016 19:48 - #3
    Sì, avevo capito, ma mi riferivo al fatto che tutte queste prove schiaccianti non mi sembra ci siano, almeno a leggere questo articolo. In ogni caso, questa emergenza fascismo non la vedo proprio. Vedremo.
    Risposta
    Le prove sono nei documenti della Procura. Noi abbiamo pubblicato in un altro articolo un resoconto della conferenza stampa. In questo pezzo, invece, abbiamo provato a ricostruire alcuni elementi trovati sui social
  • lilli

    20-07-2016 15:03 - #2
    Vedremo...in tutto ciò che si è scritto, compreso in questo articolo, non mi sembra ci sia niente sulle bombe davanti alle chiese. Lo stesso Mancini si definisce un po' fascista, un po' comunista .E i morti del comunismo, in una cifra unica nella storia, in pochi decenni, stanno lì.
    Risposta
    "...Martino Paniconi, fermato insieme a Marco Bordoni perchè ritenuti gli autori degli attentanti alle chiese di Fermo..."
  • trabocca di fascimo il profilo fb di Paniconi.. eppure si parla di "dissennatezza"

    20-07-2016 13:20 - #1
    Leggendo la notizia ho provato a dare un occhiata sul profilo fb di tal paniconi. trabocca di razzismo e fascismo. Addirittura c'è un post con una scritta murale di Militia: noto gruppo romano neo-nazista. Eppure leggo che procuratori e inquirenti non fanno riferimento a questo evidente traboccare di nazismo razzismo e fascismo.Come è possibile? davanti alla verità palesata ed espressa chiaramente nero su bianco dallo stesso soggetto fermato? a chi giova questo?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications