Cronaca
E adesso a chi chiediamo i danni?

La farsa dei danni all'immagine di Fermo. Le inutili class action. E le responsabilità che hanno nomi e cognomi

E adesso a chi chiediamo i danni?

Siamo in tanti a fare danni. Quotidianamente. Li facciamo nelle nostre case. Li facciamo dentro le scuole. Li facciamo dentro le Istituzioni. Li facciamo nei luoghi di aggregazione. Li facciamo per strada. Li facciamo dichiarando. E li facciamo scrivendo.

 

Oggi, dopo il fermo di due uomini (fermani) per le bombe che hanno destabilizzato un territorio per oltre 5 mesi, a sangue caldo verrebbero in mente tante considerazioni a ruota libera che, però, non aiuterebbero a ritrovare il bandolo della matassa di una vicenda che si incrocia drammaticamente con quella della morte di Emmanuel, che ha portato all'arresto di un altro uomo (fermano).

 

E visto che in questi giorni in tanti si sono riempiti la bocca di un termine come class action (vale a dire un'azione legale collettiva) per i presunti danni all'immagine della città (Fermo, appunto), alla luce degli ultimi riscontri investigativi e delle disposizioni giudiziarie verrebbe da chiedere a chi dovrebbero essere chiesti questi presunti risarcimenti.

 

A Don Vinicio Albanesi per aver scoperchiato, pur tra qualche forzatura, quella che nelle prime ore tutti (e sottolineo tutti) stavamo derubricando come una semplice lite?

 

Al Sindaco Paolo Calcinaro, travolto dagli accadimenti, per “aver peccato” nel non essere riuscito a trattenere le lacrime neanche davanti ad Alfano?

 

A chi ha manifestato in Piazza del Popolo - sì, anche a favore di telecamera - la propria difesa per la dignità e la libertà di ogni essere umano?

 

O forse a chi, reiteratamente e in ogni strada, per anni ha infangato con urla, cori, scritte e gesti (lancio di noccioline compreso) proprio la città che vorrebbe difendere da un non meglio precisato fango mediatico?

 

Il tempo, oggi, è scaduto inesorabilmente. E occorre mettere la parola fine su un'inutile farsa, capace solo di accompagnare nell'oblio le responsabilità (penali e morali) di chi mette bombe e di chi uccide. Con piena consapevolezza o anche per un'indole debordante.

 

Iniziamo, intanto, a dire e a dirci la verità. Utilizzando i termini giusti. Prendendo le distanze. E guardandoci dentro, prima di pubblicare un post.

 

Perchè c'è una politica sana e una infetta. C'è un tifo sano e uno infetto. C'è una Fermo sana e una infetta. Una città che, come questo sgangherato Paese, può guarire, rigettando le proprie ipocrisie.

Letture:8778
Data pubblicazione : 20/07/2016 16:57
Scritto da : Andrea Braconi
Commenti dei lettori
7 commenti presenti
  • Massimo Ciccola

    22-07-2016 02:30 - #7
    Uffa. Sono anche io stanco di sentire dichiarazioni a dir poco avventate, Caro Andrea. Ma detesto l'infinito grigio che ci circonda. Sorvolo sulle prime dichiarazioni di Don Vinicio Albanesi, quanto meno premature, immagino sull'onda di una emotività non controllata. Umano, ma si poteva evitare. Poi non frequento facebook. Non lo considero un posto dove si coltiva l'intelligenza. Quindi molte impression mi giungono in ritardo. Ma davvero qualcuno ha chiesto una class action per i presunti danni all'immagine della città? Vorrei far notare l'evidenza dei fatti. Fermo è razzista? Forse non di più del resto d'Italia. Ma.. si. Fermo è razzista. Ogni volta che vorremmo mantenere i nostri stupidi privilegi. Ogni volta che tacciamo davanti ad un sopruso verso un debole, siamo razzisti. Mi ci metto anch'io. Conosco Amedeo. L'ho evitato anch'io considerandolo un soggetto particolare. Forse dandogli un umano "Ciao" avrei cambiato le cose e salvato una vita? No. Se l'avessimo fatto tutti? Probabilmente si. Se non considerassimo la diversità del colore della pelle o l'inferiorità sociale ma l'umana tragedia che si nasconde nei silenzi dei diversi, forse non avremmo paura della diversità, e la sapremmo accogliere, arricchendoci. Ne ho sentite davvero troppe. Esternazioni improprie dopo che si è usato la tifoseria per fini elettorali, richiamando poi di non fare strumentalizzazioni. Troppo. Solidarietà con Amedeo? Troppo. Ho umana compassione per Amedeo. Spero che una volta uscito possa essere aiutato ed allontanato da ambienti estremi e deleteri. Ma non posso essere solidale. Plateale discorso sul palco/presbiterio? Troppo. Class Action? Troppo. Troppo anche il silenzio però. Il silenzio di chi conosceva gli autori di scritte razziste o inneggianti alla violenza che da troppo tempo si vedono a Fermo. Il silenzio di chi tollera gli intolleranti. Il silenzio degli assenti in chiesa, il silenzio di tante associazioni cattoliche che non hanno voluto prendere posizione. Il silenzio di tanti che nascondono il problema facendo finta che non esista, o peggio negandolo. Non mi sta esattamente simpatico Don Vinicio. Gli riconosco un gran lavoro, però per me sono importanti anche i mezzi, e non solo i fini. Ma stavolta sono con lui. Ha sollevato un polverone? No. Ha evidenziato un problema. Ha creato una spaccatura? Qualche volta bisogna prendere una posizione e mantenerla con la schiena diritta.
  • Alessandro

    21-07-2016 21:52 - #6
    Ammazza ! E chi è questo giornalistone. Che parla per tutta la sua categoria. Deve essere uno bello forte per essere un grado di conoscere i suoi colleghi, che notoriamente sono davvero numerosi. Bello, difendere tutta la categoria. Sa di sindacato, di '68, di partito dei lavoratori. Peccato che a sputare il sangue siano molti altri. Ipocrisia nauseabonda. Per finire, giornalisti che chiedono scusa: non pervenuto.
  • Francesca Vitali

    21-07-2016 18:55 - #5
    Chi ha scritto l'articolo, sembra persona con gli occhi aperti e capacità critica...allora, per favore, non facciamo un favore(scusate la ripetizione)all'ipocrisia: ovviamente sarà la legge ad occuparsi di questi due ragazzi, ma intanto non definiamoli anarchici. Sappiamo che non hanno attaccato le 4 chiese con l'intento di colpire "la Chiesa" come potere...hanno attaccato quelle 4 chiese perché volevano attaccare "quelle" 4 chiese, non "la Chiesa". Quel centrosinistra che tante "parate" ha fatto sulla morte di Emmanuel, dovrebbe dirlo. Altrimenti confermano quello che penso: che si trattava solo di inutili parate.
  • Raffy

    21-07-2016 17:22 - #4
    No. No. No.....NON VI PERMETTETE DI CRITICARE I SANTI GIORNALISTI ! Gente imparziale, onesta, serva di nessuno !! Guai a voi !! L'inferno vi attende......... Io invece, nel frattempo, consiglierei a tutti, ma proprio tutti i giornalisti, di andare a lavorare. Per davvero. Di sudare, di penare, di capire cosa significa guadagnarsi il pane onestamente, SENZA ESSERE OSSEQUIOSI AI POTERI FORTI, DI CUI ANCHE LORO SONO PARTE INTEGRANTE.
    Risposta
    Caro(a) Raffy, potete e dovete criticarci ogni volta che lo ritenete opportuno. Lavoriamo (perché noi lavoriamo, guadagnandoci il pane, spesso anche facendo 4/5 attività diverse) per cercare di comunicare nel miglior modo possibile le notizie che troviamo, ma non ci riteniamo affatto infallibili. E ogni volta che sbagliamo, siamo abituati a chiedere scusa. Sull'onestà (non solo intellettuale) e sull'ossequio a non meglio precisati poteri forti, fossimo in te eviteremmo allusioni senza alcuna logica.
  • paolo

    21-07-2016 16:57 - #3
    anche calcinaro essendo uomo di curva conosce questi soggetti..la curva in toto ha votato calcinaro...la colpa e'anche un po la sua...bisognava segnalare questi soggetti a qualcuno...ma i danni li paga tutti don vinicio de capudarca...ha creato un evento mediatico senza precedenti e dato che ha un giro di svariati milioni di euro con il migrante e'giusto che paghi...leggete il post di ciuccarelli...numero unooooooooooo
  • i danni li chiediamo a Ciucca il grante intelledduale logale

    21-07-2016 12:58 - #2
    Ma il quasi avvocato ormai notissimo su tutti i media la fa questa clsse actione! Perchè se non la fa qui si toccano vette di ridicolo pazzesche. Chiediamoli a lui i danni visto che secondo lui il problema non è stato un omicidio razzista ma che Fermo sia stata tacciata di razzismo. Questo qualunquismo è la zona grigia che apre le porte a quelli come "amedeo è uno di noi ti voglio bene" E falla sta class action a Don Vinicio! facci vedere quello che sei capace di fare Ciucca! O ci porti in giro?
  • matteo

    20-07-2016 18:02 - #1
    Un minimo di imparzialità? Ok che oggi l'unico dio è il denaro...sembra scritto da un bambino per ripicca ai compagnucci che lo hanno sbeffeggiato...guardiamoci dentro anche prima di scrivere un articolo..i post sono conseguenza di un articolo fazioso....
    Risposta
    Cosa c'entra il "dio denaro"? E chi sarebbero i "compagnucci"? Gli articoli sono anche conseguenza di commenti senza fondamenta
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications