Cronaca
Caso Emmanuel. Don Vinicio si costituirà parte civile

Don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco e della Fondazione Caritas in veritate, che aveva accolto il nigeriano richiedente asilo Emmanuel Chidi Nnamdi e la moglie Chyniere, si costituirà parte civile nel processo a carico di Amedeo Mancini, l'ultrà fermano accusato di omicidio preterintenzionale con l'aggravante dell' odio razziale per la morte del migrante. Lo ha confermato lo stesso don Albanesi.

Caso Emmanuel. Don Vinicio si costituirà parte civile

"Mi costituirò parte civile per danni ai beni immateriali: la dignità, i diritti, il rispetto della persona umana". Perché, spiega, proprio in questi giorni in cui la vicenda è tornata alla ribalta per il fatto che Mancini non può andare ai domiciliari con braccialetto elettronico in quanto il dispositivo non è reperibile, "si dimentica il tema centrale, che è la morte di Emmanuel".

Letture:3588
Data pubblicazione : 13/09/2016 14:52
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
19 commenti presenti
  • mario

    14-09-2016 16:07 - #19
    caro Max,vorrei vedere come fai a sapere tutte queste cose??? Per sentito dire? Io ti posso assicurare che non è cosi.
  • Stranotto

    14-09-2016 13:06 - #18
    Allora ha i poteri. Le prossime bollette delle utenze le passo a lui. Poi come fa a costituirsi parte civile al processo, forse è stato danneggiato?!?!. Allora tutti i fermani accusati falsamente di razzismo, lo possono fare!!!!!
  • max

    14-09-2016 11:45 - #17
    Il vescovo è quasi al termine del suo mandato e se ne infischia,classico di una chiesa attuale gestita poi da un Papa (discutibile). Il don che si schiera e lo stesso delle feste di compleanno con 300 invitati a caviale e spumante,senza lasciare pesce e carne che una volta finita la festa,la fa buttare nell'immondizia per non darla al ponte, che non fa affari con lui? lo stesso che quando un extracomunitario che vive nei suoi tanti alloggi,non paga le bollette del gas,lui chiama la solgas e ordina il ripristino del servizio? forse non è lui.....
  • luca

    14-09-2016 08:21 - #16
    scusate...prima di tutto alcuni commenti sono da rabbrividire..delineano la totale ingoranza in campo...secondo questo e' un esempio di come d. vinicio sia prete, ma non e ' detto che sia allo stesso tempo cristiano...il problema e' che questa posizione viene allargata alla chiesa fermana...cosa non vera perche' per quanto appartenente ad essa non sto assolutamente con lui e cosi' molti altri come me. ciao e scusate di nuovo.
  • giustoprocesso

    14-09-2016 03:39 - #15
    Dai fatti come sono emersi dalle indagini, credo sia tutt'altro che certo che il tribunale ritenga ammissibile la costituzione di parte civile di Don Vinicio. Si vedrá!
  • Marco

    14-09-2016 01:21 - #14
    Ma prete, non basta ancora???
  • serena

    13-09-2016 18:50 - #13
    L'impressione che fa questa dichiarazione di don Vinicio non sembra proprio riportare l'attenzione sulla vittima, tutt'altro direi. Mi sembra più una questione di attirare l' attenzione dei media, una strumentalizzazione bella e buona di tanto dolore. Si capisce dai commenti , che siano o meno condivisibili,di ambo le fazioni create da questa uscita del parroco: del povero Emanuel ci sono solo flebili tracce.
  • esterrefatta

    13-09-2016 18:19 - #12
    vi invito a leggere la Voce delle Marche n. 14 2016 (http://www.lavocedellemarche.it/2016/07/sfoglia-il-numero-14-del-2016/) titolata "Noi stiamo con lui" e sottotitolata "Don Vinicio non esprime solo se stesso, ma la scelta della Chiesa Fermana" ....Non mi sembra che non si sia espressa..... Meglio informarsi prima di parlare....
  • fill

    13-09-2016 17:56 - #11
    A questo punto, come @Giorgio voglio sapere come la pensano i vertici della chiesa di Fermo, sono con Don Vinicio, condividono i suoi comportamenti. Se ci siete battete un colpo. PS grande il vescovo di Ascoli, pronto a sporcarsi le mani per aiutare fisicamente i terremotati, un grande applauso. Quando oltre la predica si fa di più.
  • Fermo se lo merita uno come Mancini in libertà

    13-09-2016 17:42 - #10
    Una cittadina gretta e razzistoide che ha ampiamente dimostrato una larga maggioranza che vuole uno come Mancini circolare liberamente. Magari gli faranno fare anche il doposcuola ai figli. In curva poi.. ras assoluto!
  • augusto

    13-09-2016 17:42 - #9
    Non lo hanno querelato perchè si vede che non è cosi innocente come si vuol far credere IL tempo dirà chi a ragione
  • Esterrefatta

    13-09-2016 17:39 - #8
    ......non e' possibile.....adesso i fermani...sarebbero diventati razzisti ..(almeno lo ammettete) ...per colpa di Don Vinicio.....!!! Ma fatevela finita......
  • matteo

    13-09-2016 17:31 - #7
    Cosa c'è di rispettoso nel dichiarare il falso e diffamare ?!? chiamare all'ordine gli amici politici (parassiti) accorsi in massa con centinaia di guardie del corpo.....non capisco come mai gli avvocati del Manicni non lo abbiano querelato per diffamazione e falso....
  • giorgio

    13-09-2016 17:31 - #6
    Ma a Fermo c 'è un vescovo o no ???????? Perchè non prende una posizione chiara su quanto avviene o condivide il comportamento di Don Vinicio Albanesi ??????? Comunque fermà, già semo in cronaca nazionale, è ricomincia la musica ...................
  • marco

    13-09-2016 16:57 - #5
    ce ne fossero di parroci che ascoltano la gente come lo fa lui. BRAVO
  • Simone

    13-09-2016 16:30 - #4
    Perché vi stupite questo è il vero Albanesi..
  • lori

    13-09-2016 16:06 - #3
    Don Vinicio ha sempre aiutato chi ne aveva bisogno,ha dato tanto al nostro territorio Purtroppo un ragazzo è morto,rimaniamo in silenzio,non simao noi che dobbiamo fare le sentenze. Grazie Don Vinicio Grazie per quello che fai.
  • Pino

    13-09-2016 15:35 - #2
    Don Vinicio senza vergogna!!! Il Signore ti osserva e ti giudicherà per tutte le c..... che dici e che fai.
  • Francesco

    13-09-2016 15:25 - #1
    Dopo tutte le falsità ed il vergognoso processo mediatico don Vinicio ha fatto nascere in molti fermani un razzismo mai provato in precedenza..Gli suggerisco di cambiare città per sempre, onde non continuare a fare danni che possono essere irreparabili.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications