Cronaca
Fermo. Malviventi in fuga terminano la loro corsa in un terribile schianto. Due donne al Pronto Soccorso. LE FOTO

Località Triangolo è stata, nel tardo pomeriggio di oggi, lo scenario di un terribile incidente. Due malviventi, a bordo di una Opel Astra bianca, hanno travolto una Fiat Bravo mentre a folle velocità cercavano di scappare da un controllo dei Carabinieri. A bordo c'erano due donne.

Fermo. Malviventi in fuga terminano la loro corsa in un terribile schianto. Due donne al Pronto Soccorso. LE FOTO

Pare che i due fossero stati fermati al vicino bancomat della Bcc. I Carabinieri hanno chiesto loro i documenti e i due uomini, per tutta risposta, si sono dati alla fuga a bordo della loro auto. Una scena da film americano che si è svolta sotto lo sguardo impaurito di chi in quel momento si è trovato a transitare nella zona. Un orario in cui la strada è sicuramente molto trafficata.

I balordi, nella folle corsa, hanno impattato con due auto. La prima è stata una Range Rover ferma allo stop di Località Triangolo e proveniente da Monte Urano. L'hanno tamponata e poi sono saliti sopra lo spartitraffico abbattendo un segnale. Da lì il tentativo di immettersi nella strada principale. Ma, a quel punto, da Fermo sopraggiungeva una Fiat Bravo che è stata centrata in pieno. A bordo due donne, madre e figlia. Alla guida S. M, la figlia, ferita alla testa. Accanto la madre settantenne con problemi cardiaci e anch'essa ferita. Entrambe le donne sono state trasportate dai sanitari della Croce Azzurra al Pronto Soccorso del Murri di Fermo.

Dopo lo scontro con la Bravo i due malviventi hanno tentato la fuga a piedi, ma uno dei due è stato bloccato, mentre l'altro è riuscito a scappare e ora è caccia all'uomo. Pare che l'attenzione dei Carabinieri fosse alta sui due. Avevano messo a segno, con ogni probabilità sempre nella giornata di oggi, alcuni furti anche nel parcheggio del vicino centro commerciale. In macchina è stata trovata anche la probabile refurtiva dei colpi.

 

Letture:6923
Data pubblicazione : 21/09/2016 19:22
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • giancarlo

    22-09-2016 14:12 - #3
    Scusa Matteo ma "hanno famiglia...i delinquenti ti minacciano..ti aspettano sotto casa..chi glie lo fa fare?" ma quando hanno scelto di far parte delle forze dell'ordine a cosa pensavano di andare per le sagre a scroccare, farsi due chiacchierate durante i posti di blocco, andare in pensione a meno di 60 anni ? boh non lo so.......Io non sono assolutamente contro le forze dell'ordine, le rispetto come rispetto tutti quelli che svolgono il proprio lavoro in maniera onesta ed esemplare. Ma un articolo del genere non le mette in una buona luce, e la giustificazione della famiglia non è il top.
  • matteo

    22-09-2016 10:37 - #2
    Forti con i deboli e deboli con i forti....hanno famiglia...i delinquenti ti minacciano..ti aspettano sotto casa..chi glie lo fa fare? meglio fermare i buoni...che non danno problemi e pagano sempre le multe....sopratutto in un paese dove la legge serve per tartassare i buoni...proporrei forze armate incappucciate onde evitare ritorsioni...così possono essere liberi e tranquilli di beccare i cattivi...l'italia è il paradiso terrestre per i delinquenti...amen
  • giancarlo

    22-09-2016 08:54 - #1
    Spero che nell'articolo ci siano delle invenzioni da parte del giornalista, perchè " Pare che l'attenzione dei Carabinieri fosse alta sui due" poi si sono dati la fuga rischiando di ammazzare gente per strada? Ma che procedure seguono i Carabinieri mi domando: fermi dei sospettati e li fai fuggire così? altro che film americani sembrano le comiche Fantozziane. Ricordo una volta quando ero giovane, su un posto di blocco mi hanno fatto scendere col mitra spianato, sdraiare a terra poi perquisito l'auto senza spiegare il perchè. Fanno i duri con chi non cerca rogna e fanno i piccoli coi banditi.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications