Cronaca
Sant'Elpidio a Mare, il day after. Tutto l'immobile posto sotto sequestro, inquirenti al lavoro. Dal sistema di videosorveglianza cittadino un possibile aiuto alle indagini

Sant'Elpidio a Mare si è svegliata ancora in stato di shock dopo i fatti di ieri pomeriggio, con la rapina che ha portato alla morte del 65enne Stefano Marilungo, legato, imbavagliato e picchiato da tre malviventi che si erano introdotti nel deposito della sua ditta di pompe funebri probabilmente fingendosi clienti.

Sant'Elpidio a Mare, il day after. Tutto l'immobile posto sotto sequestro, inquirenti al lavoro. Dal sistema di videosorveglianza cittadino un possibile aiuto alle indagini

Attualmente è ancora troppo presto per fare supposizioni sulla provenienza dei tre criminali o sulla consistenza del bottino: l'intero immobile di Via Adige, comprensivo del deposito della ditta di pompe funebri al piano terra (dove si è consumata la tragedia), dell'abitazione della vittima al primo piano e di quella del fratello Sergio al secondo, oltre che della mansarda al terzo, è stato infatti messo sotto sequestro e in queste ore è sottoposto ad un accuratissimo sopralluogo da parte degli inquirenti.

Un'operazione che, data la notevole estensione dell'immobile in questione, richiederà ancora diverse ore se non giorni. Per il momento è anche difficile stabilire come si siano dileguati i criminali. Qualcosa in più se ne saprà probabilmente dopo l'attenta e minuziosa analisi dell'ingente quantitativo di immagini messe a disposizione dal sistema di videosorveglianza della città che, come noto, è il più sviluppato e avanzato della Provincia: anche in questo caso, però, si tratta di un'operazione che ragionevolmente richiederà alcuni giorni per essere completata e fornire quindi indizi decisivi.

Qualche elemento utile all'indagine potrebbe emergere anche dalla testimonianza del fratello della vittima, Sergio, che però attualmente è ancora ricoverato in ospedale in stato di shock dopo l'accaduto e verrà sentito solo quando starà meglio. Fortunatamente, però, dal punto di vista di vista fisico le sue condizioni non destano preoccupazioni.

Letture:3522
Data pubblicazione : 29/04/2018 14:26
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications