Cronaca
Porto San Giorgio. Prosegue la stretta contro l'abusivismo commerciale, in mattinata altre operazioni della Municipale: centinaia gli articoli sequestrati

Prosegue la lotta contro l'abusivismo commerciale a Porto San Giorgio. Dopo i controlli interforze di ieri, stamattina la sola Polizia Municipale è stata impegnata in sequestri, recupero di merce destinata al commercio abusivo e controlli.

Porto San Giorgio. Prosegue la stretta contro l'abusivismo commerciale, in mattinata altre operazioni della Municipale: centinaia gli articoli sequestrati

L’operazione ha visto impiegato personale in borghese guidato dal comandante Giovanni Paris con il supporto di una pattuglia con due agenti in divisa. Il bilancio complessivo parla di quattro azioni condotte da nord a sud su tutto il territorio comunale e ha portato al recupero di centinaia di articoli.

In tre circostanze altrettanti soggetti impegnati nella vendita sono fuggiti alla vista degli agenti, lasciando sul posto gli articoli in loro possesso: è accaduto nel tratto centrale del lungomare Gramsci, nei pressi di via Veneto e nella zona nord.

Centinaia i capi recuperati tra abbigliamento femminile, teli da mare e giocattoli. Un giovane originario del Bangladesh è stato accompagnato al comando di viale della Vittoria per accertamenti.
Personale della Polizia municipale è stato anche impiegato in attività di controllo del territorio.

 

AGGIORNAMENTO: nella tarda mattinata la Polizia Municipale ha effettuato altri due interventi di recupero merce.

Letture:1982
Data pubblicazione : 18/08/2018 11:50
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Giuseppe Beltrami

    19-08-2018 15:58 - #3
    La solita battuta Italiota. Se si controllavano le case in nero, sicuramente avrebbero scritto che la caccia a vu cumprà era meglio e viceversa. Oramai non c'è più logica in quello che si pensa e poi, purtroppo, si scrive... ! Forse occorre ricominciare dai fondamentali. I controlli e la correttezza sono elementi e valori che riconosciamo e disconosciamo secondo le nostre necessità o interessi. Non riusciamo a comprendere che se esigiamo rispetto delle regole queste valgono sempre e nona giorni alterni sia per i vu cumprà che per i disonesti che affittano le case in nero, evadono le tasse, costruiscono abusivamente, non pagano i parcheggi, non controllano i ponti ecc. ecc. ! Qui non è questione più di Lega, 5 Stelle, c'è solo da rimettere in moto un organo fondamentale del nostro corpo...IL CERVELLO.... Portato all'ammasso, dei mediocri valori creati dalla pubblicità, da interessi delle multinazionali, dalla informazione. Se non cominciamo noi a varcare una soglia che fino ad oggi ci hanno proibito di usare e cioè il ragionamento staremo sempre qui a parlare di Lega/Pd/M5Stelle e di alte banalità. Andiamo oltre ragioniamo pensando che una truffa come le case in nero porta via risorse a tutti e per questo occorre denunciare chi lo fa. Occorre denunciare chi non fa la fattura, occorre denunciare quelli che hanno le case popolari e poi le riaffittano agli extracomunitari a prezzi esorbiatanti, occorre denunciare le ditte che fanno finta di pagare gli stipendi con buste paga corrette e poi danno meno della metà ai lavoratori.....cominciamo da li e poi vedrete che tutto piano piano comincerà ade essere più chiaro. Se non parte da noi l'aspettativa di onestà non saranno certo gli altri a regalarcela.
  • bravi i sindacati

    19-08-2018 10:36 - #2
    chissà quanti negozianti che si vedono "rubare" il guadagno dai vu cumprà...viva i sindacati che insieme al pd e sinistroidi vogliono allargare il diritto di voto a tutti per governare in eterno....strani questi sinistroidi essendo la maggioranza dipendenti della corrotta amministrazione pubblica in cui "quello che è mio è mio quello che è tuo è mio" o al "armiamoci e partite"...finita la pacchia dei sinistri che hanno svenduto l'industria italiana....
  • brava la lega

    18-08-2018 23:11 - #1
    chi sa quante case affittate a nero a porto san giorgio... ma la caccia al vu cumprà fa tanta pubblicità! w la lega!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications