Cronaca
Civitanova. Lotta allo spaccio di stupefacenti, i Carabinieri fermano tre ragazzi: avevano con sé 16 grammi di eroina

Nella giornata di ieri a Civitanova Marche, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di questa Compagnia, diretti dal Ten. Mario Giannella, in collaborazione con quelli della locale stazione, coordinati dal Magg. Enzo Marinelli, nel corso di un servizio di contrasto di reati in materia di stupefacenti, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di tre persone fermate intorno alle 13 a bordo di una Bmw, all'altezza della rotonda Pellegrini sulla SS16.

Civitanova. Lotta allo spaccio di stupefacenti, i Carabinieri fermano tre ragazzi: avevano con sé 16 grammi di eroina

Si tratta del conducente del mezzo, un 36enne italiano residente a Civitanova ma attualmente domiciliato presso un B&B di Montecosaro e di due giovani tunisini, un 20enne e un 18enne, entrambi senza fissa dimora e identificati grazie a rilievi foto-segnaletici e riscontri Afis.
I tre sono stati subito perquisiti e sono stati trovati in possesso di 36 involucri termosaldati per complessivi 16,5 grammi di eroina pronti alla cessione.
Durante la perquisizione sono stati rinvenuti anche un pugnale arabo con 11 cm di lama e un piccolo coltello a serramanico, oltre a 220 euro, presumibile provento dell’attività di spaccio, quattro cellulari utilizzati per contattare gli acquirenti dello stupefacente e materiale utile al confezionamento delle dosi.
La Bmw, risultata priva di assicurazione, è stata sottoposta a sequestro amministrativo e trattenuta presso una depositeria autorizzata.
Dal rinvenimento della droga e dell’altro materiale, sono emersi i ruoli degli arrestati: l’italiano faceva da conducente durante l'attività di spaccio, il tunisino seduto sul sedile anteriore, trovato in possesso dei 4 telefoni, era colui che teneva i contatti con gli acquirenti, mentre l'altro tunisino, seduto sul sedile posteriore, controllava la droga, alcune dosi in mano pronte alla consegna tramite finestrino, e le altre all’interno del posacenere.
Le perquisizioni domiciliari effettuate, per quanto riguarda i tunisini condotte in centro città in luoghi solitamente abbandonati, hanno dato esito negativo, così come le radiografie effettuate in ospedale sugli stranieri, che spesso, al momento del controllo di Polizia, tendono a ingoiare la droga che trasportano.
Al termine delle formalità di rito, l’italiano è stato posto agli arresti domiciliari presso il B&B dov'era domiciliato, mentre i due tunisini clandestini sono stati trattenuti presso le Camere di sicurezza della Compagnia di Civitanova in attesa del processo per direttissima.

Letture:925
Data pubblicazione : 10/11/2018 10:57
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications