Cronaca
Fermo. L'occhio del drone sulla discarica San Biagio: ieri il controllo dei Carabinieri. FOTO

Nella giornata di ieri, i Carabinieri del Comando Provinciale di Fermo, insieme a quelli del N.O.E. (nucleo operativo ecologico) di Ancona, reparto altamente specializzato in materia ambientale, hanno eseguito un controllo alla discarica di Fermo in Contrada San Biagio.

Fermo. L'occhio del drone sulla discarica San Biagio: ieri il controllo dei Carabinieri. FOTO

Vista l'estensione dell'area sottoposta a controllo, i militari per i rilievi si sono avvalsi di un particolare e sofisticato drone (nell’occasione hanno partecipato anche un ingegnere e un “pilota di droni” opportunamente incaricati dal Comando Carabinieri per la tutela ambientale di roma) che ha sorvolato la zona catturando tutti i particolari necessari a svolgere successivi approfondimenti.

 

Nello specifico è stato possibile rilevare la cosiddetta "nuvola di punti", utile ad accertare l'esatta estensione della discarica, eseguendo una ricostruzione tridimensionale della stessa. Il controllo eseguito a Fermo rientra nell'ambito delle numerose attività svolte sul territorio regionale dal N.O.E. di Ancona per la vigilanza, la prevenzione e la repressione delle violazioni compiute in danno dell' ambiente. Il reparto è costituito da personale particolarmente addestrato che opera in un settore molto complesso, in continua evoluzione anche per la crescente sensibilità in materia che si registra nella popolazione.

 

 

46517022_1263474237128595_7306475953092296704_n

 

46631321_208341420098975_5217863765415952384_n

 

46513485_464319977429399_8934168837725618176_n 

 

46516545_2855750357783587_3905151228081864704_n

 46512149_1152209301614802_4480472813324468224_n

 

46507768_993563800835414_8970162269983866880_n

 

46506017_528582140886062_2486615412448428032_n

Letture:2181
Data pubblicazione : 23/11/2018 09:50
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • l'osservatore fermano

    02-12-2018 08:33 - #1
    Sempre con piacere assistiamo a interventi di controllo da parte delle forze dell'ordine su realtà delicate e importanti per noi cittadini ; ci si sente più sicuri. Dalle foto non c'é traccia visibile del biodigestore. Nel consiglio comunale del 15-04-2017 era stata annunciata la sua realizzazione e relativo finanziamento. Il progetto è partito da 2012. A giugno 2017 avevo chiesto informazioni e chiarimenti come qui di seguito elencato : l'osservatore fermano 03-06-2018 10:14 - #2 Nel 2012 ha inizio il progetto;nel dicembre 2016 c'è l'autorizzazione della Provincia;nell'aprile 2017 l'amministrazione illustra il progetto coinvolgendo anche le opposizioni;siamo a giugno 2018 e non se ne parla più. Il biodigestore è una opportunità a livello ecologico/ambientale/economico,non escludendo quanto di positivo si crei per l'utilizzo di tecnologie avanzate a livello scolastico(ITIS e Università). Allora ,ci sono novità? le legittime domande di paolo c. avranno una risposta? C'è un nesso tra la raccolta differenziata per mezzo delle isole ecologiche e il biodigestore? queste ultime non dovrebbero facilitare la gestione del biodigestore? Se così fosse non contesteremmo il prezzo elevato per la loro gestione. paolo c. 17-04-2017 09:40 - #1 Il biodigestore tratta ovviamente rifiuti organici: qual'è la sua potenzialità/tonnellate giornaliere? quante tonnellate si producono nel territorio? Dovremo ancora importare rifiuti da altre regioni per ottimizzare il suo funzionamento? In caso affermativo il controllo sulla loro qualità e adeguatezza(solo organico) all'impianto chi lo effettuerà? L'obbiettivo ecologico dovrebbe essere la produzione di metano e elettricità: il primo per permettere di non inquinare ai numerosi mezzi ASITE,mentre la seconda dovrebbe permettere almeno l'autosufficienza elettrica dell'impianto e di tutta la realtà del sito,non dimenticando la grande quantità di acqua che si risparmierà.Gli scarti dovrebbero trasformarsi in fertilizzanti a bassissimo impatto ambientale (dall'organico certificato e controllato). Perchè non mettere a disposizione di noi cittadini le risposte ai quesiti sopra esposti,visto che ormai si conoscono costi-tecnologie-rendimento-tempi ecc.? Nulla togliendo all'importanza-necessità e obbiettivo ecologico dell'impianto (inquinamento ambientale vicino allo zero). A proposito,nel medesimo consiglio del 15-04-2017 era stato deciso di spostare l'antenna di via A. Mario. Restando in attesa di un commento da parte dell'amministrazione inviamo saluti cordiali.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications