Cronaca
Stop alla pista di ghiaccio su viale Buozzi: il TAR mette il freno al Natale sangiorgese

Arriva una brutta notizia per l'amministrazione comunale sangiorgese guidata da Nicola Loira. Questa mattina infatti, il Presidente del Tribunale Amministrativo Regionale "ha accolto la domanda di misure cautelari provvisorie e, per l'effetto, sospende l'esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. 248 del 20 novembre 2018 e degli atti conseguenti, fino alla camera di consiglio del 5 dicembre 2018, fissata per la trattazione collegiale della domanda cautelare".

Stop alla pista di ghiaccio su viale Buozzi: il TAR mette il freno al Natale sangiorgese
La pista di Porto San Giorgio dell'anno scorso

Ma andiamo per ordine. Il 20 novembre il Comune di Porto San Giorgio ha emesso una delibera per sgombrare i 38 venditori ambulanti solitamente posizionati su viale Buozzi e installare lì la pista di ghiaccio dal primo dicembre al 6 gennaio. Dunque durante il Natale, come era stato anche annunciato dallo stesso comune sangiorgese, i commercianti si sarebbere dovuti spostare in via Verdi e via Mazzini, strade perpendicolari a viale Buozzi.

Questa mattina, però, il Tar ha sospeso provvisoriamente l'esecutività del provvedimento, in attesa di una decisione nel merito del ricorso, presentato dall'avvocato Andrea Agostini, che avverrà il prossimo 5 dicembre. 

Come noto, la decisione di installare la pista in Viale Buozzi aveva suscitato fin da subito molte polemiche, ma l'amministrazione aveva deciso ugualmente di proseguire sulla propria strada. A questo punto sarà il Tar a dover emettere un verdetto definitivo: quel che è certo è che nel frattempo per il mercato di domenica 2 dicembre i venditori ambulanti potranno riamnere regolarmente sul Viale della stazione e l'installazione della pista di ghiaccio, prevista per domani, sabato 1 dicembre, è, per il momento, bloccata.

Letture:3309
Data pubblicazione : 30/11/2018 10:37
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • mario

    30-11-2018 16:30 - #2
    Ma è possibile che alcuni componenti di una lobby che opera in paese, lungo le nostre vie, limitando i nostri diritti (il Giovedì non possiamo uscire dai nostri garage, arrivano prima del dovuto e rumoreggiano senza ritegno,ecc.) debbano mettersi di traverso e bloccare parte del programma natalizio? Solo perché è stato loro richiesto il sacrificio di spostarsi, per un mese, in via Mazzini, a soli 60/70 metri dal luogo dove solitamente espongono le loro merci. I negozianti e i cittadini non hanno nulla da obiettare a questa prepotenza sul resto della cittadinanza? E non si vede chiaramente la "manina" politica dietro questa assurdo ricorso al TAR, considerato che dietro questa trama si intravede un soggetto più e più volte trombato dai Sangiorges,i che non ne possono più di queste "ombre cinesi"? Meditate, gente, meditate!!!
  • mario

    30-11-2018 13:46 - #1
    È un paese incredibile, questo, dove un avvocato, ex sindaco inesorabilmente bocciato dai suoi concittadini alle ultime elezioni, tutela gli interessi di una lobby contro un evento che la collettività auspicava fortemente. Questa è la politica di un'opposizione velleitaria e autolesionista
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications