Cronaca
Fermo. Aveva aggredito un amico a suon di pugni riducendolo in coma, scattano le manette per un artigiano

Nella mattinata di oggi, la Questura di Fermo ha eseguito una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal locale Tribunale nei confronti di un artigiano, gravemente indiziato di lesioni personali gravissime.

Fermo. Aveva aggredito un amico a suon di pugni riducendolo in coma, scattano le manette per un artigiano

Era la tarda serata dell'11 gennaio scorso, quando, dinanzi ad un bar del centro, l'uomo, in stato di ubriachezza, aggredì violentemente un suo conoscente e collega di lavoro, verosimilmente per un debito di gioco alle slot-machine.


Le indagini della Polizia hanno permesso di ricostruire la dinamica dell'accaduto: la vittima, appena uscita dal bar dove si trovava insieme all'amico, dopo essere stato insultato da quest'ultimo salì a bordo della sua auto per allontanarsi, ma a quel punto l'aggressore cominciò a prendere a calci l'auto.
Sceso per cercare di calmarlo, l'uomo fu colpito al volto da alcuni violenti pugni che lo fecero stramazzare al suolo, tanto da perdere conoscenza.
Soccorso da un avventore del locale, l'uomo si riprese e tornò a casa, mentre l’aggressore raggiunse a piedi la sua vicina abitazione.


Nei giorni a seguire, però, la vittima cominciò a lamentare dolori lancinanti e solamente 3 giorni dopo decise di recarsi all’Ospedale per le cure del caso, venendo ricoverato per le gravi lesioni riportate.
La situazione clinica si è poi aggravata notevolmente, costringendo i medici a riservarsi nella prognosi: l’uomo, infatti, è entrato in coma per effetto di un edema cerebrale diffuso con ipertensione endocranica.
La prognosi è stata sciolta dai sanitari solo dopo un mese, ma le condizioni del paziente rimangono gravi, con la presenza di una neurolesione.

Gli Agenti della Questura di Fermo hanno illustrato alla Magistratura la personalità del violento artigiano, che in passato si era distinto per altri atti di violenza, richiedendo la misura cautelare per evitare che possa rendersi protagonista di altre azioni violente: l'uomo è ora rinchiuso nel carcere di Fermo.

Letture:3161
Data pubblicazione : 26/02/2019 15:22
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications