Economia
Di Battista:“L’impegno per lo sviluppo del Fermano non è mai andato in ferie”. C'è tempo fino al 21 settembre per inviare i propri progetti per l'Europa

“L’impegno per lo sviluppo del Fermano non va in ferie”. Con queste parole Graziano Di Battista, Presidente della Camera di Commercio di Fermo, lancia la prima “Call for ideas” del territorio. Istituzioni, Imprese e Associazioni sono invitate ad inviare entro il 21 settembre alla Camera di Commercio le proprie idee in vista di una partecipazione coordinata al programma europeo “Interreg MED 2014-2020”.

Di Battista:“L’impegno per lo sviluppo del Fermano non è mai andato in ferie”. C'è tempo fino al 21 settembre per inviare i propri progetti per l'Europa

“Siamo sempre più convinti che la Camera di commercio sia una comune “Casa dello Sviluppo Fermano”. In questa prospettiva è stato attivato un gruppo di lavoro “Desk Fermano” che si pone l’obiettivo di sviluppare un’azione di promozione, di attivazione e di coordinamento in relazione alla progettazione europea che avrà il Fermano come terreno di riferimento” – prosegue Di Battista mettendo in evidenza le aree progettuali del “Piano Fermano 2014-2020”.

Sarà possibile, attraverso la compilazione del template pubblicato sul sito della Camera di Commercio, avanzare delle proposte a partire dalle aree che seguono:
1. Innovazione e Ricerca, nella necessità di collocare il Fermano dentro una “rete della conoscenza”. In connessione con “Marche Manufacturing” e con la preziosa disponibilità dell’Università delle Marche, si possono verificare le condizioni per lo sviluppo di un “polo dell’innovazione” in grado di integrare la ricerca con attività di incubazione, matching e formazione.
2. Città e Territorio che, a partire dal superamento di una visione provinciale, intende aprire un cantiere in grado di sostenere la costruzione di “sistemi territoriali” su tre ambiti reputazionali: un Fermano come “fashion valley”, a partire dal triangolo Brancadoro-Campiglione-Porto Sant’Elpidio, attraversato dalla “Mezzina” e dal tratto iniziale della “Mare-Monti”, può fungere da catalizzatore del rinnovamento delle imprese distrettuali, dell’innesto di un terziario creativo a supporto del comparto e di una nuova rete di servizi di accoglienza dedicata ai flussi generati dal fashion retail; la transizione da un tratto di “riviera fantasma” (dopo la riviera del Conero e prima di quella delle Palme) alla promozione di una nuova “riviera fiorita” (Civitanova Marche, Porto Sant’Elpidio, Fermo, Porto San Giorgio, Pedaso) può re-interpretare l’asse costiero come una città attrattiva (servizi e mobilità) e inclusiva (sociale e accessibilità); il “Mare in collina” può costituire l’immagine di un Fermano che, attraverso il rinnovamento urbano-culturale di alcune strutture simbolo, definite in passato anche come “Ville sull’Adriatico” (Palazzo Monti di Fermo, Villa Baruchello di Porto Sant’Elpidio, Palazzo Pelagallo di Monte Urano, Villa Zara di Torre San Patrizio, Ex Ospedale di Montegranaro, etc), definisce un nuovo progetto turistico-esperenziale di territorio legato soprattutto al mondo young.
3. Economie di rete, per promuovere tre aree settoriali strettamente connesse come l’agricoltura, il turismo e la cultura, ma anche tre dimensioni territoriali come l’economia del mare, della collina e della montagna in cerca di una governance multilivello.
4. Nuove economie, che spingono verso una differenziazione dell’economia locale e che possono far emergere ulteriori occasioni di sviluppo. Tra queste si individuano, in modo particolare, il potenziamento della connettività e la creazione di piattaforme e-business, la gestione dei rifiuti in tutta la filiera (produzione, raccolta, smaltimento), e lo sviluppo del welfare locale e del lavoro di cura.

“Tutto ciò – aggiunge Di Battista – per irrobustire il Fermano come attore competente e capace di intercettare le risorse europee attraverso la partecipazione ai bandi, a partire dall’Interreg MED Programme. Mi aspetto una grande collaborazione da parte di tutti, compresi i Comuni, con un ruolo importante da parte del Comune di Fermo, che con il nuovo corso può rappresentare un punto di coordinamento importante per tutto il territorio. Abbiamo costituito un gruppo di lavoro interdisciplinare in grado di valorizzare tutte le competenze a partire da quelle di Nomisma, dell’Università Politecnica delle Marche, del Gal Fermano e dei diversi tecnici già all’opera in alcuni Comuni”.

Letture:34742
Data pubblicazione : 14/09/2015 13:16
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Alex moore

    14-09-2015 21:29 - #1
    Di Battista ..stai proprio ovunque !!!(.)
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications