Istruzione
Efficienza energetica, agroalimentare e riciclo. Gli istituti superiori di Fano, Pesaro e Fermo e l’Universita’ Politecnica delle Marche hanno vinto il concorso“learning by doing”

Epilogo con proclamazione del miglior progetto per il concorso interprovinciale “Learning by doing”, organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Fermo. Questa mattina, nel corso di una cerimonia all’hotel “Il Caminetto” di Porto S. Giorgio, dopo la presentazione dei vari elaborati, sono stati decretati i vincitori.

Efficienza energetica, agroalimentare e riciclo. Gli istituti superiori di Fano, Pesaro e Fermo e l’Universita’ Politecnica delle Marche hanno vinto il concorso“learning by doing”

Per la categoria “Scuole Superiori”: ex aequo per l’Istituto per Geometri “Genga” di Pesaro, l’Istituto Professionale “Volta” di Fano e l’Istituto Tecnico Industriale “Montani” di Fermo che hanno, rispettivamente, elaborato: uno studio sulla progettazione di un edificio ad uso industriale da utilizzare come laboratorio e show room autosufficiente da un punto di vista energetico per il calzaturificio “Missouri” di Monte Urano e uno studio del mercato americano in riferimento al settore alimentare e nello specifico la possibilità di sviluppo delle esportazioni degli insaccati per l’azienda “Cinque Ghiande” di Ortezzano.

Per la categoria “Università”, invece, il progetto che ha ottenuto il massimo dei voti è stato quello del Dipartimento di Scienza e Tecnologia dei materiali (Ingegneria Civile e ambientale) dell’Università Politecnica delle Marche che ha elaborato uno studio sulle applicazioni granulo e polverino derivanti dal recupero di pneumatici fuori uso per la ditta Steca di Monte Urano.

Gli altri progetti in concorso erano: quello dell’Università di Urbino con uno studio su quale paese dei Balcani può offrire vantaggi in termini economici, logistici e bancari per estendere la produzione industriale per il Suolificio “Mannini” di Sant’Elpidio a Mare e la progettazione di un edificio ad uso industriale, da utilizzare come laboratorio e show room autosufficiente da un punto di vista energetico sviluppata dal Dipartimento di composizione architettonica ed urbana dell’Università Politecnica delle Marche per l’azienda “Missouri” di Monte Urano.

Il progetto “Learnig by doing” (“imparare facendo”) si è sviluppato in due momenti: nei mesi scorsi gli studenti degli istituti che hanno aderito al concorso hanno conosciuto e visitato l’azienda (che è anche diventate partner del progetto), per la quale hanno elaborato l’idea innovativa, quindi nelle aule scolastiche hanno sviluppato il progetto stesso attraverso la metodologia laboratoriale, nell’ottica del problem solving.

A fare gli onori di casa il Presidente del Gruppo Giovani di Confindustria Fermo Cristiano Ferracuti che ha sottolineato come “questo progetto e questo concorso possano rappresentare uno stimolo essenziale per lo sviluppo delle imprese. Lo testimoniano la validità, la cura dettagliata e la competenza con cui i progetti sono stati elaborati denotando una grande preparazione ed una passione nell’eseguire la ricerca di soluzioni”. A giudicare i progetti una Commissione composta da: Graziano Di Battista, Presidente della Camera di Commercio di Fermo, che nel saluto iniziale ha evidenziato “la capacità del mondo della scuola e dei giovani di saper cogliere con le loro idee le opportunità per futuri sbocchi lavorativi”; Franco Menicali, assessore del Comune di Fermo, che ha augurato ai giovani di “poter creare le occasioni per il futuro”; Rosanna Vittori, assessore alla formazione ed alle politiche del lavoro della Provincia di Fermo, che ha detto “non si uscirà dalla crisi senza investire in conoscenza e se non si investono le risorse dell’intelletto sul territorio”; Anna Maria Vecchiola, delegato dell’Ufficio Scolastico Regionale, che ha sottolineato come “sia necessario offrire ai giovani le opportunità per crescere e formarsi culturalmente”; Michela Catalini, Presidente della Sezione Accessori di Confindustria Fermo, ha puntato “l’attenzione sugli elementi in grado di far competere un’azienda: giovani, idee e innovazione”. In apertura Annarita Pilota, vice Presidente di Confindustria Fermo, che ha portato il saluto anche a nome del Presidente Santori assente per un impegno lavorativo, ha invitato i giovani “ad essere intraprendenti ed a contaminarsi nel senso di mettere impegno e passione nel lavoro. Oggi – ha aggiunto - c’è bisogno di giovani con la marcia in quinta e non in folle”.

I tre progetti selezionati concorreranno di diritto, insieme a quelli delle Province marchigiane di Ancona, Pesaro Urbino e Macerata, il prossimo 23 maggio ad Ancona ad aggiudicarsi il titolo di migliore della regione.

Letture:1870
Data pubblicazione : 16/05/2014 17:53
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications