Istruzione
La maternità e le discriminazioni nella “chiamata diretta”: quando la scuola torna indietro di 50 anni

Lettera aperta delle Segretarie Generali di CISL e UIL Scuola Marche sui metodi di assegnazione degli incarichi

La maternità e le discriminazioni nella “chiamata diretta”: quando la scuola torna indietro di 50 anni

Siamo le Segretarie Generali di CISL e UIL Scuola Marche, in questo concitato mese di agosto impegnate quotidianamente ad ascoltare e sostenere gli operatori della scuola che si presentano nei nostri uffici per i complessi adempimenti e gli innumerevoli problemi generati dall'attuazione della legge 107/2015.

 

Con questa lettera vogliamo dare voce allo sconcerto di chi subisce, senza la luce dei riflettori o l'attenzione dei media, una forma scandalosa di discriminazione.

 

La voce è quella di tante giovani donne, molte di loro già madri, in questi giorni chiamate a colloquio dai dirigenti scolastici per essere assegnate ad una scuola mediante la tanto declamata “chiamata diretta”.

 

In molte si sentono chiedere, non tanto la declaratoria dei propri titoli professionali o culturali e delle proprie esperienze e competenze, ma "Ha figli piccoli?", "Ha intenzione di prendere l'aspettativa?", "Ha intenzione di chiedere l'assegnazione per avvicinarsi a casa?". Chiaramente una risposta affermativa determina spesso un "Le faremo sapere" che si risolve in un nulla di fatto.

 

Difficile circostanziare questa subdola discriminazione fatta di frasi sibilline e di mezze parole. Ci sembra di essere tornate indietro di 50 anni, forse qualcuno ha cancellato i diritti sanciti prima dalla legge 1204/71 e poi dal decreto legislativo 151/2001?

 

Certo, nessuno perde il posto di lavoro ma ci sentiamo in obbligo di denunciare e stigmatizzare questi comportamenti che ledono i diritti delle donne e rendono la maternità uno svantaggio e non un punto di forza e di dignità femminile, un valore sociale riconosciuto da tutti.

 

Tutto ciò con buona pace della "buona scuola" che al comma 16 recita: “Il piano triennale dell'offerta formativa assicura l'attuazione dei principi di pari opportunità promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l'educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni” .

 

Tuteleremo le lavoratrici con tutti gli strumenti in nostro possesso ma chiediamo a chi ha responsabilità politica di non ignorare e sottovalutare quanto sta accadendo e di riflettere sull'efficacia e sul “valore aggiunto” che la chiamata diretta porta realmente al sistema scuola.

Letture:8801
Data pubblicazione : 12/08/2016 12:04
Scritto da : Anna Bartolini (Cisl Scuola) e Claudia Mazzucchelli (Uil Scuola)
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications