Lavoro
Loriblu. “Botteghe di mestiere” trampolino di lancio per altri 10 giovani

Altri dieci tirocinanti pronti per il secondo ciclo di “L’esperienza insegna”, la bottega di mestiere creata da Loriblu in collaborazione con Italia Lavoro. Attraverso questo periodo formativo di sei mesi l’azienda marchigiana leader nel settore delle calzature metterà a disposizione il proprio know-how per trasmettere ai giovani precise competenze legate alla produzione artigiana, affinché non vada persa la tradizione acquisita da decenni di esperienza.

Loriblu. “Botteghe di mestiere” trampolino di lancio per altri 10 giovani

“Botteghe di mestiere” è un’iniziativa dedicata alla formazione nell’ambito dell’artigianato Made in Italy, che si pone l’obiettivo di formare giovani tra i 18 e i 28 anni in cerca di occupazione, attraverso percorsi di tirocinio on the job nella manifattura di qualità. In Loriblu si è concluso il primo ciclo di formazione, e lunedi 3 febbraio inizierà il secondo ciclo, per la quale sono arrivate in azienda oltre cento domande di iscrizione per i dieci posti disponibili. Alla conferenza stampa saranno presenti tutti i ragazzi che partecipano alla bottega di mestiere insieme ai propri tutor.

“Siamo veramente orgogliosi di essere parte di questo progetto - spiega Annarita Pilotti - l'occupazione giovanile ed il made in Italy sono due temi che io e mio marito abbiamo molto a cuore. La crisi ha fatto sì che molte aziende abbiano preferito delocalizzare la propria produzione all'estero, noi al contrario abbiamo sempre ritenuto fondamentale la presenza della produzione qui, nelle Marche, nel nostro distretto calzaturiero, e per questo motivo teniamo molto ad iniziative come questa che puntano a far crescere il territorio e le nostre professionalità. Il progetto Botteghe di Mestiere ci permette di accogliere giovani ambiziosi, desiderosi di imparare, ai quali cerchiamo di insegnare tutta la nostra esperienza.”

“La sapienza del lavoro artigianale – ha aggiunto Paolo Reboani - trasmessa durante periodi di tirocinio in imprese specializzate nei settori del “Made in Italy”, si può rivelare per i giovani - in questo tempo caratterizzato da una profonda crisi occupazionale - una concreta opportunità di lavoro. Facendo leva su un modello di formazione che offre la possibilità di una reale esperienza di apprendimento sul campo, l’iniziativa “Botteghe di Mestiere” intende anche favorire un processo di riscoperta dei mestieri artigianali”.

“La calzatura marchigiana – dice il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca - è diversa da tutte le altre perché racchiude la storia di una terra, il lavoro di una generazione dopo l’altra, che continuamente si rinnova. Ed è proprio questo valore aggiunto che la fa apprezzare e ricercare nel mondo. In questo senso Botteghe di mestiere rappresentano un’iniziativa di altissimo valore, perché consentono di trasferire alle giovani generazioni conoscenza e saperi maturati da aziende radicate nelle Marche e note in tutto il mondo come Loriblu. Il numero di domande pervenute per la partecipazione ai corsi, oltre cento, è la testimonianza della grande voglia di intraprendere e mantenere viva la tradizione manifatturiera marchigiana che ancora oggi, nonostante i sei anni di crisi di cui quattro di recessione, anima i giovani. Una voglia che va sostenuta con azioni adeguate. La Regione lo sta facendo, sia nel campo della formazione, con l’attivazione degli Its tra cui quello sulla calzatura, sia con strumenti finanziari specifici. E’ il caso del Prestito d’onore, che ha già impegnato più di mille ragazzi i quali grazie a questo strumento hanno dato vita a nuove imprese”.

Letture:3968
Data pubblicazione : 31/01/2014 09:27
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications