Lavoro
Donati-Brambatti: il 'duello' continua. Il segretario CISL al primo cittadino di Fermo: “La Brambatti, può restare serena: non sarò io a portarle via il posto”

Il segretario generale della CISL Giuseppe Donati rispedisce al primo cittadino di Fermo la risposta in merito ai prepensionamenti: "Il sindaco Brambatti ha reagito a delle legittime osservazioni della CISL FP sulla questione dei prepensionamenti, nel modo più antico possibile. Additando al sottoscritto la presunta colpa di fare politica e non sindacato e di mentire. Nulla di nuovo sotto il sole; quando si hanno pochi argomenti da mettere sul tavolo, a Fermo come nel resto d' Italia o si urla al complotto o si connota l'oppositore di turno come uno di colore politico diverso ( come se ve ne fossero ancora!!!) che vuole fare da antagonista. La Brambatti, può restare serena: non sarò io a portarle via il posto".

Donati-Brambatti: il 'duello' continua. Il segretario CISL al primo cittadino di Fermo: “La Brambatti, può restare serena: non sarò io a portarle via il posto”

Giuseppe Donati che poi entra nel merito, rispondento al duro internveto del sindaco di Fermo. "La questione posta dalla CISL FP è molto più semplice di quanto voglia farla apparire la Brambatti - spiega Donati -  che presa dalla frenesia della risposta, probabilmente non si è ricordata di rivolgersi ad un Sindacato e non ad uno dei suoi tanti ex assessori che si sono dimessi. Non c'è nessuna questione politica in ballo. Il Sindacato ha il compito di tutelare i lavoratori ed i cittadini. Gli uffici del Comune di Fermo, non da oggi e nemmeno dalla gestione Brambatti, sono in perenne sofferenza di personale a causa dei vari blocchi del turn over, decisi dai Governi di tutti i colori come da quello attuale e per i limiti imposti dalle leggi finanziarie. Alcuni settori del Comune di Fermo, poi, sono maggiormente in sofferenza di altri e non ci sono soluzioni all'orizzonte che possano far sperare in un miglioramento. Ora, dichiarare che il Comune di Fermo ha personale in eccedenza quando gli stessi Dirigenti del Comune hanno negato che nei rispettivi settori che ve ne fosse è chiaro che è solo strumentale ad una azione di bilancio. Lo afferma molto chiaramente il documento istruttorio della stessa delibera di Giunta".

 

Segretario regionale che aggiunge: "La CISL FP, che non è assolutamente interessata nè a far guerra alla maggioranza attuale nè ad un'altra, in modo coerente, da quando questa vicenda ha preso il via, denuncia che i vuoti che si verranno a creare negli uffici avranno il doppio effetto di dequalificare i servizi ai cittadini ed aumentare i carichi di lavoro dei dipendenti. Non ha mai sostenuto che i prepensionamenti sono stati portati avanti contro il volere degli interessati. Se queste osservazioni significano fare politica, allora la CISL FP fa politica ed è ben contenta di farla. E' chiaro, però, che non è così. Il Sindaco d'altronde,che può dire, se non cercare di delegittimare chi gli pone dei seri e motivati dubbi sule sue scelte, non avendo argomenti convincenti da accampare? Di certo non sono convincenti, perchè praticabili solo sulla carta ma non nella realtà, le proposte inviate ai Sindacati, finalizzate, secondo l'Amministrazione, a superare la perdita dei famosi 28 prepensionandi".

 

Sulla questione dell'asilo nido Donati spiega: "Nel comunicato stampa erano riportate le perplessità già verbalizzate dalla CISL nell'ultimo incontro con l'Amministrazione e niente di più. Se è plausibile che in occasione dei lavori di ristrutturazione del locali dell'asilo, vi possa essere meno bisogno di personale educativo, la scelta di effettuare la mobilità definitiva di 5 educatori dalla scuola alla sede del Comune, presuppone che questi educatori non torneranno all'asilo una volta completata le ristrutturazione. Facile quindi presupporre che la gestione dell'attiivtà educativa nel nuovo asilo sarà affidata all'esterno. Su questo, legittimamente credo, la CISL FP ha espresso contrarietà. Non sulle mobilità ma sull'eventuale esternalizzazione dell'attività educativa. In ultimo, vorrei specificare che il futuro organizzativo ed il destino del personale delle province è tutta'ltro che chiaro e scontato. Forse il Sindaco Brambatti ha notizie più aggiornate delle mie e conosce cose che non conosco ma, ad oggi, nemmeno la Regione Marche ha voluto prendere posizione sulla questione del personale, dell'organizzazione e le funzioni che rimarranno agli enti di secondo livello, oggi Province. Da qui l'ulteriore nostra perplessità, che dare tutto per scontato è una via molto pericolosa da percorrere. Al Sindaco Brambatti, intendo inviare la massima rassicurazione che sono assolutamente neutrale. La CISL FP tifa per una politica che sia realistica, trasparente, rispettosa delle persone più che dei numeri e dei bilanci e sopratutto che sappia confrontarsi con le controparti, anche con passione, senza la demonizzazione di chi ha idee diverse dalle proprie o epitetandolo come mentitore. Siccome capiamo che in questo momento, nel nostro Paese, tutto questo è un sogno, ci facciamo coraggio ed andiamo avanti, senza paura, nel contrastare ciò che riteniamo ingiusto per i cittadini ed i lavoratori. Se al Sindaco Brambatti ciò da fastidio, pazienza".

Letture:4469
Data pubblicazione : 22/08/2014 10:17
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications