Lavoro
Personale INPS di Fermo. Soddisfatto il segretario CISL Donati: “La CISL FP Marche ha centrato in pieno l'obiettivo. Il risultato raggiunto è andato oltre le aspettative”

“Quando la CISL FP Marche, lo scorso settembre, ha iniziato la campagna di sensibilizzazione delle istituzioni locali e regionali sulla grave situazione del personale comandato da altri Enti presso la sede INPS di Fermo, nessuno o quasi credeva che potesse raggiungere un risultato positivo”. Inzia così la nota del segretario regionale CISL Funzione Pubblica Giuseppe Donati, sull'esito positivo della situazione personale all'interno dell'INPS di Fermo.

Personale INPS di Fermo. Soddisfatto il segretario CISL Donati: “La CISL FP Marche ha centrato in pieno l'obiettivo. Il risultato raggiunto è andato oltre le aspettative”

“In pochi – prosegue Donati - credevano che a fronte di una disposizione della Direzione Generale Nazionale dell'INPS, che disponeva, alla scadenza dei tre anni, il rientro negli Enti di appartenenza di tutti i dipendenti comandati, si potesse fare un'eccezione per la sola sede di Fermo. Invece, in barba a tutti quelli che si sono arresi troppo presto, la CISL FP Marche ha centrato in pieno l'obiettivo. Anzi, il risultato raggiunto è andato oltre le aspettative. Molti dipendenti comandati, presenti in sedi INPS di tutta Italia, infatti, se rimarranno al loro posto di lavoro, dovranno ringraziare anche la CISL FP per l'iniziativa messa in atto per tutelare la sede di Fermo”.

Segretario CISL che ricostruisce la vicenda: “La storia è nota. La sede INPS di Fermo, sin dalla nascita ha dovuto fare i conti con una dotazione organica assolutamente sottodimensionata (parliamo di una sessantina di dipendenti presenti a fronte di circa un centinaio previsti). Nonostante ciò, a causa della decisione lineare della Direzione Nazionale, rischiava concretamente una diminuzione dell’organico del 10% entro l'anno a causa del rientro forzoso dei dipendenti in comando negli Enti di appartenenza. Di tutto questo ne avrebbe sofferto soprattutto quella parte di cittadini fermani più in difficoltà per la perdita del lavoro e le imprese del territorio. Sarebbe venuta meno la produttività e la qualità dei servizi erogati in un momento così complicato come quello attuale. La sede di Fermo, nello scenario marchigiano, ha l'onore di essere una delle più produttive per il numero di pratiche trattate e concluse. Il venire meno di tanti professionisti che hanno maturato nel tempo, esperienza e competenza, avrebbe messo a rischio il duro lavoro svolto fino ad oggi”.

Da qui l'intervento: “La CISL FP Marche, con un'intuizione strategicamente vincente, convinta dell'ingiustizia ed irragionevolezza della decisione adottata dall'INPS Nazionale, ha chiamato a raccolta gli amministratori locali, i rappresentanti delle istituzioni, i consiglieri regionali ed i parlamentari eletti nel fermano. La risposta positiva c'è stata ed è stata fondamentale per un risultato di cui può andare fiero tutto il territorio. Nella grande e partecipata assemblea dei lavoratori indetta dalla CISL FP il 3 ottobre scorso, alla presenza del On.Petrini, della Consigliera Regionale Bellabarba, del Presidente Cesetti, del Direttore della Camera di Commercio Di Battista, del vicesindaco di Fermo e di altri consiglieri comunali ma soprattutto con la partecipazione determinante del Direttore Regionale INPS dott. Fiorino e del Direttore della sede dott. Riccio, la questione della garanzia dell'organico della sede INPS fermana è stata presentata come una priorità di tutto il territorio. I presenti hanno compreso le richieste e le motivazioni della CISL FP Marche. Tutti, nel loro ambito, hanno agito in questi mesi positivamente per raggiungere il risultato sperato. Peccato per quei pochi che, invece, hanno sprecato l'occasione di dare il loro contributo fattivo ed hanno speso inutili energie per delegittimare e sminuire l'iniziativa. Hanno perso un'occasione importante. Il lavoro di squadra ha pagato e la collaborazione fattiva della CISL FP con i rappresentanti amministrativi, politici e delle realtà produttive ha contribuito molto affinchè i dipendenti comandati, che rischiavano di dover lasciar l'INPS di Fermo entro fine anno, ottenessero la possibilità della proroga del comando per tutto il 2015. Un risultato al quale in pochi credevano. Tutto questo dimostra che se il territorio riesce a fare squadra in modo sinergico, i risultati positivi arrivano. Speriamo che quella dell'INPS non sia un'eccezione”.

Letture:2227
Data pubblicazione : 28/11/2014 09:49
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications