Lavoro
Tre consigli per lanciare un'attività imprenditoriale nelle Marche

Diventare un imprenditore dal punto di vista giuridico è abbastanza semplice, basta seguire una serie di procedure e relative normative e il gioco è fatto. Ciò che invece risulta difficile è diventare imprenditore dal punto di vista pratico, acquisire lo spirito giusto, trovare l'idea vincente per avviare un'attività di successo.

Tre consigli per lanciare un'attività imprenditoriale nelle Marche

I nuovi imprenditori devono fare i conti con l'andamento dell'economia e con la concorrenza, elaborando continuamente nuovi modelli di intervento. Il primo fattore determinante da tenere in conto è il progetto da sviluppare, il cosiddetto Business Plan.

A tal proposito esistono due opzioni che i nuovi imprenditori possono valutare: elaborare un Business Plan ex novo oppure lavorare a partire da un progetto già esistente.
Nel primo caso si tratta di avviare un lavoro di pianificazione che parte da zero, molto spesso orientato al nuovo e che non si basa su idee progettuali già esistenti.

La seconda opzione, anch'essa molto valida, consiste nel migliorare un'idea già esistente e lavorare sui suoi punti forza. Un esempio molto diffuso sul mercato è quello del franchising che consente di aderire a una linea commerciale e imprenditoriale già esistente. In tal caso il guadagno è più basso ma lo è anche il rischio poiché l'attività commerciale viene consegnata dall'affiliante chiavi in mano e in piena fase di sviluppo.
Quando si avvia un'attività imprenditoriale è normale essere a digiuno di alcuni fattori che sono fondamentali per la riuscita del proprio progetto, per questo è importante rivolgersi ai professionisti del settore. Un servizio di consulenza aziendale può rivelarsi utile per migliorare il proprio business e apprendere le strategie migliori.

Ad esempio bisogna imparare a gestire ottimamente il denaro, ricorrendo anche a una sorta di finanza creativa che permetta di mantenere costantemente stabile il flusso di ricavi. 
Anche l'immagine svolge il suo ruolo importante, capire che tipo di immagine si voglia trasmettere ai potenziali clienti è determinante nell'ambito dell'imprenditorialità.
Le migliori strategie aziendali si basano sull'analisi della concorrenza perché tramite essa è possibile valutare in maniera approfondita i punti deboli e i punti di forza dei concorrenti.
Il primo passo di questa analisi è individuare quali sono i competitor, selezionando coloro che potenzialmente rappresentano la concorrenza al proprio settore imprenditoriale.
Per questa attività di monitoraggio è sufficiente eseguire una ricerca su internet oppure recarsi di persona nei paraggi delle attività individuate.

Una volta reperite le informazioni necessarie sui competitor si può procedere con uno studio di calcolo che tenga conto della propria offerta commerciale, in rapporto a quella degli altri, del tasso di rischio e del tasso di crescita annuo. 

Studiare gli assetti e la struttura aziendale dei concorrenti può essere uno strumento prezioso per analizzare e riorganizzare quello che non funziona o che risulta ancora poco produttivo all'interno della propria azienda.

Letture:9335
Data pubblicazione : 18/11/2016 10:10
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications