Politica
Casabianca: “Tutti conoscevano la situazione e le richieste del privato”. Le dichiarazione del dimissionario Paolo Rossi infiammano il fine settimana politico fermano

“Casabianca è un finto problema. Tutti conoscevano la situazione e le richieste del privato, la questione è vecchia, tutti, anche quelli che cadono dalle nuvole sanno da più di un anno”.

Casabianca: “Tutti conoscevano la situazione e le richieste del privato”. Le dichiarazione del dimissionario Paolo Rossi infiammano il fine settimana politico fermano

L'ex assessore all'Urbanistica Paolo Rossi scatena una tempesta in maggioranza proprio sul caso che lo ha portato a rassegnare le dimissioni. In un'intervista rilasciata al Corriere Adriatico di oggi, Rossi fa il punto della situazione ma soprattutto spiega come quella di Casabianca, sia stata una decisione che tutti sapevano.

Intanto il Partito dei Comunisti Italiani e Rossi hanno convocato per lunedì pomeriggio alle 15 una conferenza stampa che già si preannuncia rovente. Nella convocazione, viene spiegato come l'oggetto sia: “Relativo ai recenti accadimenti che hanno indotto l'Avv. Paolo Rossi a rassegnare le proprie dimissioni dall'incarico rivestito. Mala tempora currunt...”.

Intanto prosegue il lavoro del Partito Democratico per trovare una soluzione alla crisi della Giunta Brambatti. Intanto il sindaco Nella Brambatti ha annullato il suo viaggio in Albania così come gli incontri con i cittadini per discutere del bilancio di previsione 2014.

Letture:2115
Data pubblicazione : 22/03/2014 10:04
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
10 commenti presenti
  • x l'ultimo post che condivido

    24-03-2014 11:13 - #10
    Bella domanda sulla pubblicazione dei permessi sull'albo pretorio comunale anche perchè nessuno sembra saperne nulla, saranno tutti sbadati o la pubblicazione non c'è stata ? Per la trasparenza sindaco Brambatti si aspetta un risposta certa . Per gli alberghi divenuti residenze turistico-alberghiere sarebbe contro quanto riporta la lottizzazione di Casabianca dell'anno 1964 ALBERGHI e la legge regionale n. 9/2006 distingue in maniera chiara che sono due destinazioni diverse negli articoli 10 e 12, andateli a leggere e postate.
  • TIRATE FUORI LE DATE E I DATI

    24-03-2014 09:22 - #9
    Che gli alberghi siano diventati con un colpo di magia dei miniappartamenti Rossi sostiene che ne fossero a conoscenza in molti, gli altri,politici, fanno finta di non saperne niente. Parlando con una persona che capisce di burocrazia, mi ha detto che quando vengono rilasciate delle concessioni edilizie, come in questo caso, le stesse devono essere esposte sull'albo pretorio del comune per almeno 15 giorni e l'albo pretorio del comune è nel sito internet del comune (l'ho verificato). A questo punto, ho chiesto ad un politico del nostro quartiere,che in maniera anche se confusa me lo ha confermato,dicendomi che altra gente si era fatta la stessa domanda che ponevo io e che avrebbe fatto gli accertamenti. Conoscendo i politici,se aspettiamo loro potrebbero passare degli anni, chiedo quindi al comune di Fermo la data di quando sono state rilasciate le concessioni edilizie e delle date in cui sono state esposte sull'albo pretorio del comune. In mancanza di risposte,solleciterò di nuovo il politico e se non verranno date agirò in maniera diversa, quindi aspetto una risposta.
  • davide

    23-03-2014 12:19 - #8
    Credo che vada chiarita prima di ogni cosa se e' consentito costruire dei residence con miniappartamenti al posto degli alberghi, perche' la lottizzazione di Casabianca parla di alberghi. Che i politici tutti non facciano i furbi, ci devono rispondere a questo quesito altrimenti ci rivolgeremo alla magistrarura a cui dovranno rispondere per forza.
  • partito dei conferenzieri itagliano

    22-03-2014 21:38 - #7
    dopo questa esperienza di malgoverno opportunista fallimentare e dannoso per la cittadinanza avessero (ma non ne hanno) la dignità di chiedere scusa e tacere possibilmente sparendo vista la consistenza politico-urbanistica imbarazzante. partitini che rappresentano il nulla.
  • loredana

    22-03-2014 19:49 - #6
    Avviso per l'ultima giapponese :la guerra è finita,l'ha persa ,DEVE TORNARE A CASA.
  • ZANNA BIANCA

    22-03-2014 13:23 - #5
    Ma carissimi politicanti a che servono le conferenze ? I rinvii degli incontri con i cittadini, addirittura l'annullamento del viaggio in Albania della sindaca (chissà quanti avrebbero voluto ci fosse andata, magari per una lunghissima vacanza: avrebbe fatto meno danni alla città): Non bastano tre anni di tempo perso? Politici dilettanti restituite la città ai cittadini. Mollate tutto e tornatevene alle vostre case!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!.
  • Sergio Angelo Corvatta

    22-03-2014 13:09 - #4
    Se tutti sapevano, ex assessore Rossi,e non ho motivo di dubitare, la sua, allora è stata una grande ingenuità politica e, maggior ragione, dopo che l'intero Consiglio Comunale compresa la Brambatti, di fatto, lo avevano sfiduciato con la nomina della commissione di inchiesta ha fatto bene a dimettersi. Verrebbe da dire che, dal punto di vista "politico," si è comportato da (..), ma poi le scelte personali ciascuno le interpreta come crede !! Qualche tempo fa, in aria di ritiro della delega, Lei sostenne di avere la soluzione e che il PD, lo aveva bloccato. Chiedo è questa la soluzione????!!! Spero proprio di no ! Perché se questa era la soluzione proposta, allora la poteva tranquillamente fare tre anni fa. Non avrebbe modificato di una virgola, la sostanza ! Serviva aspettare tre anni, dire di aver bloccato i lavori, poi dire che si stava trattando solo per arrivare a questa soluzione ?? Un atteggiamento politicamente “Schizzofrenico”. Bastava semplicemente "INTERPRETARE", visto che in Italia tutto si interpreta, la legge regionale sul turismo e tutto tornava. Tre lunghi anni di studi, incontri con le ditte, avvocati, tecnici ecc.ecc. per partorire un “TOPOLINO”. Condivide che non è il massimo. Ma mi chiedo e le chiedo non le è saltato in mente che forse, l'urbanistica, non è semplicemente interpretare una norma ma che occorre che le scelte vengano fatte con il più ampio consenso? Necessitano di incontri con i cittadini, dibattiti, confronti, partecipazione e non nelle stanze chiuse dell'assessorato o peggio in qualche studio legale ? Se tutto era riconducibile al “FARE” ad ogni costo, ci saremmo tenuti tranquillamente Di Ruscio. Non le è saltato in mente che il fallimento della gestione dell'urbanistica, che la voglio rassicurare non parte da Lei ma da lontano, si fa principalmente come ha detto Benni qualche tempo fa sulla stampa, con chiare e trasparenti regole del gioco che devono essere valide per tutti ? Per gestire un assessorato importante, come l’urbanistica, non basta la buona volontà che, credo, non gli faccia difetto ma tanta e tanta politica che è stato il suo vero e grande limite. Ora per la Brambatti si aprono due strade. Chiudere l'esperienza e farci tornare a votare o ritirare le deleghe a tutti gli attuali assessori, concordare con le forze politiche un programma di due anni e creare una squadra di personaggi tecnicamente e politicamente capaci che in poco tempo riescano a recuperare il tempo perso. Non è più tempo di esperimenti o rimpastini poco credibili.
  • ale

    22-03-2014 12:34 - #3
    La mette facile ma non e' cosi' per chi ci vive a Casabianca. Quando afferma che tutti sapevano mi sembra impossibile viste le reazioni riportate dalla stampa. Tutto da verificare la concessione di trasformare gli alberghi in mini appartamenti, in quanto sono fabbricati che non hanno niente in comune, e qui le domande dovranno avere delle risposte al piu' presto.
  • ancora parlano

    22-03-2014 11:15 - #2
    Ancora parlano i finti comunisti, quelli che hanno consentito di fare dei residence (mini appartamenti) al posto degli alberghi, atto che sembra puzzare di illegittimità, che avrebbero fatto passare le altezze delle torri da 32 a 35 metri come detto dall'ing. Ferracuti, che propongono un appoggio esterno alla Brambatti quando non hanno consiglieri comunali e sarnno in tutto 5, 10 al massimo e in corso di estinzione, che hanno condotto il comune di fermo allo sfascio, che difendono il dirigente del settore che il PD vuole allontanare, FATELO E NON ANNUNCIATELO SOLO, che sembra abbiano SOLO LORO TRATTATO CON I PROPRIETARI DI COSA ? BEL RISULTATO AVETE CONSEGUITO, SOTTO; SOTTO; PER I PROPRIETARI E NON PER I CITTADINI. Basta con l'ipocrisia politica, di rigirare sempre le cose, dopo aver fatto tre anni l'assessore all'urbanistica in maniera maldestra per essere buono, almeno uscite di scena in silenzio senza accampare scuse infantili, smettetela con il teatrino di cui siete maestri perchè altro non siete riusciti a fare. La Brambatti deve dimettersi oggi, perchè altrimenti caro il mio segretario PD Bagalini, cantate un de profundis per sempre. E l'opposizione ? Ma andate a c....... anche voi, incapaci.
  • mendicante

    22-03-2014 10:12 - #1
    Ecco, come sceneggiata finale ci mancavano l'uscita dell'"urbanista" e la conferenza stampa al fulmicotone di lunedì. Altra carne al fuoco pe' fasse du' risate!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications