Politica
Disturbi dell’alimentazione. La Ciriaci presenta la legge. “Un atto importante che arriva dopo il confronto con i familiari di tanti giovani marchigiani”

Anoressia, bulimia, disturbi del comportamento alimentare. Ora c’è una proposta di legge regionale presentata dal Consigliere regionale di Forza Italia Graziella Ciriaci: “ Un problema complesso che deve vedere la Regione dettare norme precise dirette alla prevenzione, diagnosi e cura di queste patologie. Non possiamo lasciare sole le famiglie e i loro malati.”

Disturbi dell’alimentazione. La Ciriaci presenta  la legge. “Un atto importante che arriva dopo il confronto con i familiari di tanti giovani marchigiani”

“La nostra è un’epoca che purtroppo assiste sempre più spesso all’insorgere di malattie quali l’anoressia, la bulimia e altri disturbi dell’alimentazione che colpiscono soprattutto i ragazzi in età scolare. Prevenire e curare queste patologie è anche compito della Regione che ha tra le sue competenze la salvaguardia della salute dei cittadini. Ho avuto modo di incontrare e di confrontarmi con i familiari di molti ragazzi e ragazze ed è fontamentale intervenire in un momento in cui molte regioni italiane si sono già adeguate”. Graziella Ciriaci, Consigliere regionale di Forza Italia, ha per questi motivi presentato una proposta di legge che detta precise linee guida in materia.
“E’ necessario affrontare il problema di questi disturbi alimentari promuovendo un approccio assistenziale socio sanitario e globale – afferma la Ciriaci – che sia rivolto alla persona e che sia anche di supporto alle famiglie.
L’obiettivo è garantire a tutti i cittadini, di ogni età, affetti da questi disturbi, un percorso terapeutico personalizzato, in grado di rispondere in maniera flessibile, ai bisogni complessi del malato. Un percorso incentrato sia sull’assistenza sanitari rivolta a mente e corpo che al reinserimento nel contesto sociale di appartenenza.”
Nel contempo è fondamentale affrontare anche il discorso della prevenzione e della diagnosi precoce coinvolgendo le famiglie e le scuole in un cammino comune di sensibilizzazione, informazione e educazione sui rischi derivanti da comportamenti alimentari scorretti proprio con il fine di contrastare la diffusione del problema.
Nell’articolato la legge individua le finalità, volte proprio a promuovere la salute dei cittadini con, tra l’altro, la costituzione di un centro regionale di riferimento per le diagnosi, cura e prevenzione coinvolgendo il reparto di neuropsichiatria del Salesi e istituendo coordinamenti provinciali di primo intervento.
La legge prevede, inoltre, l’attivazione di programmi di ricerca in collaborazione con le Università marchigiane, enti e istituzioni pubbliche. L’istituzione della Giornata scolastica dell’educazione alimentare dedicata alla realizzazione di iniziative dirette alla educazione alimentare degli alunni delle scuole di primo e secondo ciclo per prevenire proprio l’insorgere dei disturbi e delle patologie alimentari.
“Non è facile – conclude la Ciriaci – affrontare a livello politico – legislativo un problema così complesso che investe la persona e il rapporto con il suo corpo ma non possiamo, come Regione, non intervenire su un problema che può avere ripercussioni devastanti sul malato e sulla sua famiglia. Questa legge è importante perché andrà a colmare un vuoto legislativo che non può essere trascurato.”

Letture:2941
Data pubblicazione : 31/01/2015 10:50
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Ezio Di Flaviano

    01-02-2015 18:20 - #2
    Speriamo bene! Attualmente l'unica struttura dedicata alla riabilitazione dei pazienti marchigiani è quella di Villa Igea (Ancona) da me diretta dallo scorso Maggio. Il budget messo a disposizione della regione è risibile, tant'è che la struttura è costretta a lavora a singhiozzo e non riesce a garantire la assistenza ai giovani cittadini marchigiani che si vedono costretti a varcare i confini regionali aumentando la mobilità passiva.
  • patrizia iacopini

    31-01-2015 19:34 - #1
    Sono più 15 anni che mi occupo di tali problemi e questa proposta è un primo passo per riuscire finalmente ad essere operativi riconoscendo servizi e professionisti dedicati.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications