Politica
Fermo al Voto. Calcinaro incontra i responsabili CISL Ascoli-Fermo: "Intendiamo ascoltare cittadini e parti sociali prima di prendere decisioni"

Dopo gli incontri con rappresentanti di Confcommercio e Confesercenti, nei quali è emersa una condivisione di idee e progetti, il candidato sindaco Paolo Calcinaro è stato invitato a confrontarsi con i responsabili della CISL. Presenti all'incontro Alfonso Cifani, segretario generale CISL Ascoli-Fermo, Lanfranco Rocco e Nadia Iommi, dei pensionati Fnp-Cisl, Piero Francia segretario regionale del settore calzaturiero Femca-Cisl e Gabriele Monaldi responsabile ex-Sadam.

Fermo al Voto. Calcinaro incontra  i responsabili CISL Ascoli-Fermo:

Calcinaro, accompagnato dalla candidata Manuela Luciani ha ascoltato con attenzione le problematiche messe sul tavolo, prima tra tutte la non buona situazione in cui versano i lavoratori dopo gli ultimi anni di crisi e la scarsa quantità e qualità degli ammortizzatori sociali. Paolo Calcinaro ha risposto che il sistema del massimo ribasso non va e che la cosa migliore sarebbe l'appalto integrato, in quanto non conta solo il prezzo finale. Per quanto riguarda gli appalti sotto una certa soglia economica, laddove non si deve obbligatoriamente ricorrere al bando di gara, è importante stabilire un criterio di territorialità, per cercare di far lavorare le aziende di Fermo. Ciò avrebbe un favorevole riflesso nell'occupazione locale. “Ciò che è mancato nella precedente amministrazione è stato il dialogo, - ha continuato Calcinaro - mentre noi intendiamo ascoltare cittadini e parti sociali prima di prendere decisioni”.

Chiediamo attenzione per i pensionati in quanto categoria poco protetta – ha detto Lanfranco Rocco – e una lotta a sprechi e corruzione per recuperare risorse da destinare allo stato sociale”. Favorire l'occupazione giovanile e le politiche abitative, introdurre progressività sulle addizionali comunali e sulle politiche tariffarie per evitare le sempre più evidenti disuguaglianze sul territorio sono stati altri temi trattati.

Istituire un Ufficio Casa che assorba anche la competenza delle case popolari e dove confluiscano tutte le necessità relative alle politiche abitative come la possibilità di accesso a canone concordato e alla morosità involontaria, è uno degli obiettivi di Calcinaro. Inoltre si deve intervenire a livello di TARI abbassando le aliquote perché il bilancio Asite lo permette.

Per Piero Francia il primo argomento dev'essere il lavoro. Bisogna implementare quelle politiche attive che rendano non necessario l'accesso agli ammortizzatori sociali. Inoltre manca un punto di incontro dove coloro che credono nello sviluppo del territorio e hanno una visione per reagire alla situazione di crisi possano incontrarsi e parlare. “Nel settore calzaturiero ad esempio, qual è l'attuale politica che si intende applicare, e c'è una politica? E se qualcuno avesse un'intuizione o un'idea – si è chiesto Francia - con chi ne può parlare? In un momento in cui né le aziende né i disoccupati si rivolgono più ai Centri per l'Impiego, è importante creare un luogo per dare la possibilità agli imprenditori di trasferire le conoscenze, il cosiddetto 'know how', dai lavoratori più esperti ai giovani”.

Bisogna riportare gente nel centro storico, ha risposto Paolo Calcinaro, affermando che “vogliamo portare una serie di iniziative sia in alta che in bassa stagione con l'utilizzo del teatro dell'Aquila per convegnistica di qualità, messo in rete con i Bed & Breakfast della città per riversare benefici economici a Fermo”. E a Gabriele Monaldi ha spiegato come Piazza Pulita non sia per un semplice “Stop” alla centrale a biomasse, ma per riaprire un dialogo con la proprietà intesa come Powercrop per trovare un'alternativa meno impattante, alla luce della protesta che i cittadini di Campiglione e non solo, portano avanti da anni contro la realizzazione della stessa.

Letture:2227
Data pubblicazione : 05/05/2015 16:01
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications