Politica
Fermo al voto. “Pronti a scardinare un sistema che si trascina da anni”. Mauro Torresi presenta la squadra a replica agli attacchi: “Non sono laureato, la mia specialità è la concretezza”

“Mauro Torresi non è laureato. Diversi avversari hanno tenuto ad evidenziarlo, incluso Bargoni, ed è giusto che io lo dica chiaramente. Ho una fabbrica con 21 dipendenti. Dal 1975, insieme alla famiglia, la guidiamo e mi sento in grado e onorato di portare avanti un comune come quello di Fermo. Sono impegnato nel sociale, associazioni, teatro ecc. A livello di concretezza ho parecchio da dire". Ha esordito in modo quanto mai diretto e senza mezze parole il candidato sindaco di Io non mi Fermo e Fratelli d'Italia Mauro Torresi. Al suo fianco una squadra: “Quanto mai affiatata, che ha lavorato al programma in modo democratico e senza imposizioni dall'alto”

Fermo al voto. “Pronti a scardinare un sistema che si trascina da anni”. Mauro Torresi presenta la squadra a replica agli attacchi: “Non sono laureato, la mia specialità è la concretezza”

E' un Mauro Torresi carico, quello che si è presentato oggi alla stampa, pronto a togliersi anche qualche sassolino dalla scarpa. “Rivendico il mio ruolo politico avuto dal 2006 ad oggi – ha detto - a differenza di chi si nascone, sono stato consigliere di maggioranza dal 2006 al 2010, poi fino al 2011 assessore al commercio, con, non sono io a dirlo, buoni risultati. Mi sono ricandidato e sono stato il secondo più votato di Fermo, avendo così la fortuna di fare il vice presidente del consiglio comunale".

Torresi che ha proseguito: “Essere candidato a sindaco di Fermo è un orgoglio pazzesco. Lo era già essere candidato al consiglio comunale, figuriamoci adesso”. Da qui il chiarimento: “La lista era nata in appoggio ad eventuali candidati del centro destra. Ci siamo però ritrovati con un centro destra spaccatissimo e con una dirigenza che calpesta la base. Non ci volevo stare e ho deciso di andare da solo. Ho trovato 32 'matti' che hanno scelto di venirmi dietro”.

Mauro Torresi difende a spada tratta la sua squadra che, al di là delle battute, spiega essere composta da professonisti e lavoratori qualificati. Da qui una stoccata a Calcinaro: “ Come può accusarci di aver guardato alla quantità invece che alla qualità solo perchè al nostro interno ci sono figure come baristi e gente che ogni giorno si sveglia la mattina alle 6 per lavorare? Le sue dichiarazioni apparse sulla stampa mi lasciano interdetto. Abbiamo in lista tutta gente che sta lavorando col cuore per Fermo”.

Poi il riferimento a Forza Italia: “Una lista nata anche perchè un capofamiglia ha maltrattato la base di Forza Italia. In  quattro sono usciti e hanno portato via 1200 voti. Sulla carta ho due liste, ma per tutta la gente che sta lavorando con il cuore è come se ne fossero almeno quattro. Molti non ci considerano, i sondaggi ci danno ultimi, a noi non interessa: siamo contenti del lavoro che stiamo facendo. Siamo l'unica alternativa di centro destra al PD ed a tutto quello che hanno combinato fino ad oggi. Si è parlato solo di Via Respighi, lotti di Casabianca, ospedale. Fermo non merita questo. Vogliamo ripartire dal basso. Se fossi sindaco il 15 giugno mattina partirei dalla cosa più semplice: la pulizia. Cassonetti, verde, una bella immagine di Fermo. Ripulire casa nostra. Oltre ai danni fatti, il PD è stato talmente abile da mettere diverse persone di quelle che hanno fatto i 'casini' fino ad oggi, all'interno della varie liste. Per non parlare di Daniele Fortuna nel centro destra. Auguro a lui di ricollocarsi ma di certo non lo auguro ai fermani. Il PD che ha cercato di darsi una ripulita con Zacheo. Non entro nel merito del candidato ineleggibile ma un paladino della giustizia dovrebbe farci caso a queste cose”.

Torresi che conclude: “La gente comune ci guarda negli occhi e si fida. Il programma lo abbiamo fatto in squadra. Volete la verità? Non ho letto quello degli altri perchè sono fiero del nostro lavoro. Ai 5 Stelle dico di non entrare nel merito della nostra lista, chiusa con largo anticipo. Non mi sentirete mai intervenire su quelle che sono le posizioni e le scelte degli altri partiti in questa competizione elettorale e gradirei che gli altri facessero lo stesso. Non ho mai parlato male di nessuno. Se gli altri lo fanno nei nostri confronti evidentemente è perchè si sono accorti che abbiamo una lista forte e stiamo provando a scardinare una situazione che si trascina da anni”.


Il PROGRAMMA ED I CANDIDATI


Tre gli aspetti fondamentali del programma illustrato dalle due liste Io non Mi Femo e Fratelli d'Italia: turismo e commercio, più dignità al lavoro dipendenti comunali, la creazione di un assessorato che si possa rapportare con i 40 comuni della provincia. “Una nostra idea – dice Torresi - che hanno ripeso un po' tutti. Alla fine meglio così, almeno questo assessorato verrà fatto”.

A prendere parola sono stati poi alcuni rappresentanti dei 64 candidati. Catia Buccerini ha toccato il punto relativo al turismo: “ E' il punto focale del nostro programma perchè Fermo ha tutte le carte per vincere questa partita. Usare la costa, che va difesa maggiormente, come attrattiva per poi portare i turisti in tutti gli altri splendidi comuni del Fermano”.

Massimo Izzo, operatore turistico, è uno dei candidati chiamati in causa da Calcinaro:"Colgo l'occasione per precisare l'intervento poco felice di Calcinaro dove vengo abbinato al mio carissimo amico barista, Aldo, e vengo definito come suo collega. In realtà sono fratello del collega del barista in questione. La qualità delle persone non la fa la professione. Tutti i cittadini sono eleggibili, fino a prova contraria. Sono rimasto deluso dalle parole di una persona potenzialmente giovane, ma la data di nascita è una cosa, la testa è un'altra. Ho scelto Mauro perché di lui mi fido e conosco tutte le potenzialità di Fermo. Ora, dagli attacchi che arrivano, ci accorgiamo che iniziamo a dare fastidio. Abbiamo bisogno di motivare coloro che sono già nel comune di Fermo, persone fantastiche, che amano Fermo, ma sono demotivate. Il cittadino quanto va in Comune deve sentirsi ascoltato”.
Giampiero Scoccia ex coordinatore Nuovo Centro Destra è tornato sugli equilibri politici nel centro destra: “Fino all'ultimo ho provato, con i vertici dei partiti della nostra area, a far si che Mauro fosse il candidato di tutti. Non ci sono riuscito. Resta il fatto che il candidato di centro destra a Fermo è uno solo, ed è Mauro Torresi. Mi dispiace per altri amici che non ci hanno seguito: chi è rimasto intrappolato con Catalini, chi ha deciso di non far parte della partita”.

A chiudere il coordinatore di Fratelli d'Italia di Porto San Giorgio Emanuele Morese: “Abbiamo scelto Mauro. Abbiamo fatto una coalizione unica, perchè vorremmo una Fermo 'deceronizzata'. Governata dai cittadini, dai fermani. Sembra la cosa più banale del mondo ma non è così. Tra tutto quello che è successo in queste settimane,  la nostra posizione è la più coerente. Non accettiamo imposizioni dall'altro, la politica è l'esatto contrario, parte dal basso”.

Letture:4953
Data pubblicazione : 06/05/2015 13:27
Scritto da : Paolo Paoletti
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Morese

    08-05-2015 10:14 - #4
    Il coordinatore di Fratelli d'Italia di Porto San Giorgio, ossia il sottoscritto, era lì in rappresentanza esclusivamente perchè candidati e vertici erano in Ancona alla trasmissione di rai3 per un'intervista sulle amministrative #keepcalm
  • mendicante

    06-05-2015 15:50 - #3
    A Fermo sono diventati tutti pazzi. Adesso, dopo la presunta fermanità (voglio dire, vivere e professare nella città che dovresti amministrare conta molto, esserci nato non più di tanto). Stanno rimproverando a Mauro Torresi di non essere laureato. Senza scomodare Illich, che parla di descolarizzare la società, suddivisa oramai in forma razzistica per titoli, c'è da dire che la differenza tra cultura e cultura accademica è enorme. Ma non solo. Mi ricorda tanto Berlusconi che non voleva parlare con D'Alema perché quest'ultimo non è laureato, come non lo è Veltroni tra l'altro. E allora? Non è laureato Benni e non lo era il grande Quinto, forse uno dei migliori politici fermani, ed era di origini anconetane. Credo non lo sia manco Rossi. Va beh, ma come siamo messi a Fermo!? “Il mero possesso di titoli di studio per accedere a qualcosa è una discriminazione e va abolita. La discriminazione dovrebbe avvenire soltanto in base alle capacitaà e non al pedigree scolastico “ (Ivan Illich)
  • Carlo

    06-05-2015 15:39 - #2
    Vediamo il programma. non ho capito questa frase: "più dignità al lavoro dipendenti comunali": i dipendenti comunali devono avere più dignità? Poi quello ch'è l'amico del fratello, o il contrario, del barista dice: "Abbiamo bisogno di motivare coloro che sono già nel comune di Fermo, persone fantastiche, che amano Fermo, ma sono demotivate". Ma in comune sono depressi? Poi chiude il coordinatore di Fratelli d'Italia di Porto San Giorgio (ma le elezioni non sono per Fermo? Si candidano anche sangiorgesi? forse quelli della costa, per rilanciarla come dice Catia Buccerini. A me sembra un programma buono per Porto San Giorno o una stazione balneare, vabbè...
  • francesca vitali

    06-05-2015 15:36 - #1
    Si va a guardare l'assenza del titolo accademico nel c.v.di un uomo che ha fatto e fa grandi cose sul piano sociale, politico ed imprenditoriale e non si va a guardare l'incapacità palese, evidente, sibillina, lapalissiana di tanti altri politici locali e non. Tanti si laureano a suon di 18 presi ripetendo svariate volte lo stesso esame..... Qui c'è tanta voglia di fare bene per il bene dei fermani e di Fermo.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications