Politica
Fermo al voto. Massimo Rossi incontra il quartiere Girola, parla di ex Sadam e commenta le altre liste rivali:“Le candidature emerse danno il senso di uno smarrimento, senza progettualità”

Introdotto da Elmo Tappatà, che voluto evidenziare l’entusiasmo e l’energia di Massimo Rossi (“La persona giusta per Fermo, perché l’unico capace di portare un vero cambiamento”), l’assemblea pubblica all’interno del Centro Sociale del quartiere Girola ha ripercorso i tratti essenziali delle due precedenti iniziative elettorali del candidato sostenuto dalle liste L’Altra Fermo e Fermo Migliore.

Fermo al voto. Massimo Rossi incontra il quartiere Girola, parla di ex Sadam e commenta le altre liste rivali:“Le candidature emerse danno il senso di uno smarrimento, senza progettualità”

Accanto a Paola Simonelli, che ha moderato gli interventi dei cittadini presenti, Rossi ha spiegato i motivi del fallimento di un modello economico e sociale. “Una situazione complessa, di crisi profonda, unita alla spregiudicatezza con la quale si gestiscono gli interessi privati attraverso la cosa pubblica, hanno allontanato sempre più le persone dalla politica. Ma mi domando e vi domando: dobbiamo rassegnarci veramente a tutto questo? A me capita di vedere quotidianamente una parte della società che trova importante dare il meglio di sé per gli altri, ed è proprio da qui che dobbiamo ripartire, per creare orizzonti e pratiche nuove. Noi proponiamo cambiamenti sostanziali, le nostre non sono parole lanciate all’ultimo minuto, ma dettate da conoscenza e competenza”.

Sulla campagna elettorale in corso il giudizio di Rossi è inequivocabile: “Le candidature emerse danno il senso di uno smarrimento, senza progettualità, senza una visione per affrontare le sfide. Ma giorno dopo giorno, incontro dopo incontro, si capisce che il nostro progetto può ridare speranza e ricostruire la fiducia. Grottammare, la città che mi ha adottato, all’epoca viveva una situazione analoga. Cosa è successo? Niente di straordinario, ma solo un confronto costante e formalizzato, con regole precise attraverso le quali l’Amministrazione si è impegnata a fare un ciclo di assemblee per la creazione di un bilancio partecipato, con votazioni quartiere per quartiere. Perché un amministratore deve essere il garante di questo percorso democratico”.

Un passaggio importante Rossi lo ha voluto dedicare al tema dell’agricoltura. “I nostri saperi possono darci la possibilità di costruire un nuovo modello. Ecco perché penso ad un’agricoltura integrata con cultura, turismo e inclusione sociale, per un settore che dovrà assorbire una quota maggiore della nostra economia. Un’agricoltura che sempre di più comunica una valenza etica e che si fa carico di un’educazione al consumo e all’alimentazione, per un percorso che porterà i suoi frutti anche in termini di benessere. Serve, quindi, una modalità di rapporto con l’agricoltura che dia forza a nuove esperienze. Penso alla filiera corta, attivata con l’allora Provincia di Ascoli Piceno, attraverso la quale abbiamo creato una piattaforma con oltre 250 aziende. Una svolta possibile, quindi, anche attraverso il reperimento di fondi comunitari specifici. Occorre individuare prodotti, vocazioni e inserirli in un progetto integrato, capace di creare nuove condizioni occupazionali. Ma per fare questo è fondamentale una città animata da una visione che veda protagonisti i cittadini. E io sono consapevole, perché l’ho già dimostrato, che si può anche sconfiggere la burocrazia, creando un vero e proprio corto circuito”.

Anche sugli interrogativi legati alla riconversione dell’ex Sadam:“Le aziende locali, salvo le più grandi, non hanno le risorse per fare vera innovazione, quella sana. E quindi si può creare un luogo che accolga tutte queste istanze, proprio all’interno di quell’area. Questa è una città che fa parte di me, mi sono speso e mi ci spendo ogni giorno e penso che proprio qui si possa creare un luogo per un diverso tipo di politica. Perciò non votateci e basta, ma credete nel nostro progetto. Oggi la politica si è trasformata in potere e c’è bisogno di un’alternativa radicale. Noi non siamo intenzionati ad apparentarci con nessuno, non per settarismo ma perché non ci sono le condizioni per lavorare con chi è animato soltanto dalla ricerca di potere per interessi particolari, non capendo cosa significa e cosa comporta amministrare una città meravigliosa come questa”.

Letture:1940
Data pubblicazione : 09/05/2015 13:06
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Giorgio Binci

    12-05-2015 21:42 - #4
    Scorticapecore dovrebbe leggere i giornali o partecipare alle assemblee, così ameno leggerebbe o sentirebbe che Rossi ha già chiuso a qualsiasi accordo. Poi avrebbe anche modo di verificare che i problemi sono ben noti ma le soluzioni non sono già preconfezionate. Una cosa è certa: non proporrà i questionari a risposta multipla stile sondaggio telefonico di quei famosi compagni di cui parla. Quelli che a volte ritornano. Girano voci che stiano vagando come anime perse per tutta Fermo predicando l'astensione e dicendo ad ogni potenziale elettore di Rossi: "pentiti". I soliti radical shit giocherelloni di bertinottiana memoria.
  • Giuseppe Scorticapecore

    11-05-2015 16:24 - #3
    Su, ma come si fa a dir male del compagno Rossi. Dopo la svolta, centrista quasi democratica, di Cuba, Rossi è ancora l'unico a parlare, con la voce sinistra di chi ha argomenti da vendere. Lui e (.) Buondonno sono in attesa di conoscere i risultati elettorali per poi scegliere la strategia per il ballosttaggio. Stare con Zacheo o con Calcinaro e perché o anche con Catalini, dipende da chi è più vicino alle posizioni di Tsipras, probabilmente Torresi, stando al basso profilo che tiene. C'è solo da attendere. Girano voci che esistono difficoltà nella lista Rossi sulla conoscenza delle problematiche fermane cercando di raccattare qua e la informazioni sui problemi e come poterli risolvere. Non è sicuramente quello che ci si aspettava. Anche perché in lista e dietro le liste, ci sono personaggi che dovrebbero conoscere alla perfezione tutti i problemi della città o per averli vissuti o per averli creati, dipende poi da dove si guarda il problema. Una curiosità curiosa. Ma che fine hanno fatto i compagni Fermani, quelli dei questionari, sono ancora in castigo per essersi comportati da discolacci o congelati all’interno di celle frigorifere del Soviet Supremo ?
  • enrico pelagatti

    11-05-2015 12:10 - #2
    Quelli del PD stanno un pò troppo tesi, sanno già che ad un eventuale ballottaggio con Rossi prenderanno sotto i denti. State sereni, come dice il vostro buon Renzi.
  • ROSSI NON TI SMENTISCI.......C'HA DA FA CHI TE VOTA........

    11-05-2015 10:35 - #1
    STESSO FILONE COME PER LE REGIONALI.....DENIGRARE GLI ELTRI PER EMERGERE.....CARO ROSSI IN POLITICA CONTANO LE PROPOSTE NON LE LACRIME !!!!! ALLE PASSATE REGIONALI HAI SPARATO SUI PARTITI DI CENTROSINISTRA ED HAI PRESO UNA 'CANTONATA'.....ATTENZIONE, LA STORIA E' MAESTRA DI VITA E PERSEVERARE E' DIABOLICO :-) :-)
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications